Alla COP26, la resistenza visibile dell’India ha nascosto il ruolo degli Stati Uniti e della Cina nel risultato

COP26 Climate Talks: la revisione finale del testo svelata nei verbali conclusivi dei colloqui.

Più di due settimane di negoziati globali sul clima alla fine si sono conclusi con l’India che ha annacquato il linguaggio sull’uso del carbone. Ma la visibile resistenza dell’India sul testo finale della Carta per il clima di Glasgow ha contribuito a mascherare il ruolo svolto dalla Cina e persino dagli Stati Uniti nello scarso esito.

Un’entusiasmante revisione del testo finale è stata rivelata nei minuti conclusivi dei colloqui di sabato, prima che il capo della COP26 Alok Sharma potesse far cadere il martello, il tutto intorno a un singolo paragrafo. Il punto critico: un appello per accelerare un’incessante “eliminazione graduale” dell’energia dal carbone, dagli impianti che non utilizzano la tecnologia di cattura del carbonio.

Nella partita finale, durata più di un’ora nella sala plenaria, la Cina ha affermato che vorrebbe che il linguaggio sulla riduzione dell’uso del carbone fosse più vicino al testo concordato in una dichiarazione congiunta con gli Stati Uniti all’inizio della settimana. . Ma è stato lasciato all’India spiegare il cambiamento dell’ultimo minuto. Invece di accettare una “eliminazione graduale” dell’energia a carbone, il ministro dell’ambiente indiano, Bhubandar Yadav, ha letto una nuova versione del paragrafo che usava “eliminazione graduale” per descrivere cosa dovrebbe accadere all’uso del carbone. Questa formula è entrata nel testo finale approvato da quasi 200 paesi.

Diversi Paesi, tra cui la Svizzera e le Isole Marshall, si sono subito lamentati del fatto che ad altre delegazioni fosse stato impedito di riaprire il testo, mentre l’India si è fatta strada in un emendamento tardivo. “Mi scuso per come è andata questa operazione e sono profondamente dispiaciuto”, ha detto Sharma, piangendo sul podio. “Capisco anche la profonda delusione. Ma come ho già indicato, è anche essenziale proteggere questo pacchetto”.

READ  tragico! 3 anni... Altre quattro persone sono state uccise in una sparatoria di massa in Gran Bretagna | notizie dal mondo

La mossa mette in luce una delle principali tensioni nei negoziati sul clima delle Nazioni Unite di quest’anno. Cina, Stati Uniti e India sono i tre maggiori inquinatori e tutti e tre si sono impegnati a eliminare le loro emissioni zero nei prossimi decenni. Tuttavia, India e Cina hanno seguito interventi dell’ultimo minuto per ammorbidire il linguaggio sull’uso del carbone e gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo nell’accettare questa posizione più debole, mettendo in discussione il loro impegno a breve termine a limitare l’uso del carbone.

Gli Stati Uniti e la Cina sono stati i primi ad adottare il termine “riduzione graduale” nel loro accordo bilaterale sul clima, adottato in pompa magna nel bel mezzo della COP26. Prima della sensazionale sessione plenaria finale, gli Stati Uniti hanno persino segnalato l’accettazione del linguaggio di “eliminazione graduale” utilizzato nella dichiarazione congiunta con la Cina, secondo una persona che conosce la situazione degli Stati Uniti che ha chiesto di non essere nominata.

“Devi ridurre gradualmente il carbone prima di poter finire il carbone”, ha detto John Kerry, l’inviato per il clima degli Stati Uniti, in una conferenza stampa dopo l’adozione del testo finale.

In una precedente sessione plenaria di sabato, un gruppo di paesi ha espresso opposizione a varie parti del testo. L’Iran era tra il gruppo che ha sostenuto la posizione dell’India e della Cina sul carbone. Con il martello abbattuto, però, l’India sembrava la principale roccaforte del carbone. Tuttavia, due persone che hanno familiarità con le tardive discussioni collaterali nella sala pubblica a cui Sharma ha partecipato hanno affermato che la Cina ha svolto un ruolo importante nel promuovere un linguaggio più morbido.

READ  "L'India continuerà a lavorare all'interno del quadro": Shringla alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla non proliferazione | Ultime notizie dall'India

I diplomatici cinesi hanno chiarito in privato che il più grande emettitore del mondo è stato riluttante a includere formule più dure sulla fine del carbone. Li Cheng, un membro della delegazione cinese alla COP26, ha detto in un’intervista venerdì, usando la saggezza cinese – un detto. “Distorcere l’immagine dei combustibili fossili ci farà solo del male”.

Mentre il mondo precipitava in una crisi energetica, sia l’India che la Cina si dedicavano all’estrazione di più carbone. Questo contesto avrebbe reso difficili i colloqui sul clima, in particolare eventuali restrizioni all’uso dei combustibili fossili più sporchi. Anche negli Stati Uniti, dove il presidente Joe Biden sta cercando di approvare un pacchetto globale sul clima, ha dovuto piegarsi alla volontà dei legislatori eletti dai circoli del carbone.

A seguito dei negoziati, gli esperti si sono allontanati dall’idea che l’India dovesse essere ritenuta responsabile della modifica tardiva dell’accordo, che dovrebbe essere raggiunto per consenso. Alcuni osservatori hanno sostenuto che le nazioni sviluppate condividono la responsabilità per il linguaggio annacquato del carbone perché hanno resistito a ulteriori impegni finanziari da parte delle nazioni più povere.

“Il problema non è l’India”, ha scritto su Twitter Brandon Wu, direttore delle politiche e delle campagne per Action Aid USA. “Il problema è che gli Stati Uniti e i paesi ricchi si rifiutano di eliminare gradualmente i combustibili fossili nel contesto delle scorte globali”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un’azienda italiana vuole riciclare gli scarti delle concerie Savar
Next Post Studio: è probabile che l’asteroide in orbita attorno alla Terra provenga dalla luna