Afghanistan ora senza servizi di traffico aereo civile: IATA

NUOVA DELHI: L’International Air Transport Association (IATA) ha dichiarato lunedì che l’Afghanistan devastato dal conflitto “è ora ancora privo di traffico aereo civile servizio” e che le compagnie aeree evitino lo spazio aereo.
Lo spazio aereo afghano serve i principali flussi di traffico tra Europa e Asia.
“Passare attraverso spazio aereo afghano Meno del solito a causa della minore domanda dovuta al Covid-19.[I paesi]vicini all’Afghanistan hanno indicato di poter ospitare traffico aggiuntivo. L’uso di rotte alternative attraverso questi paesi sosterrà operazioni sicure, ma avrà un impatto sul tempo, sull’operatività e sul carburante sulle compagnie aeree, ha affermato l’International Air Transport Association in una nota.
L’organismo globale della compagnia aerea ha dichiarato di partecipare al Team di coordinamento delle emergenze (CCT) dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO), che è stato attivato.
Questo protocollo standard per la gestione di tali casi riunisce le risorse dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO) e dell’Associazione per il trasporto aereo internazionale (IATA) nelle rispettive regioni, tutti i paesi interessati e Eurocontrol.
“Le compagnie aeree che normalmente utilizzano lo spazio aereo afghano, la IATA mantengono un coordinamento e una comunicazione continui attraverso protocolli di emergenza standard e lo scambio di informazioni tramite il portale delle operazioni tattiche globali della IATA”, ha aggiunto la IATA.
Prima che i talebani invadessero completamente l’Afghanistan ma la caduta del governo fosse imminente, il 10 agosto l’Organizzazione dell’aviazione civile internazionale ha dichiarato a TOI che l’Afghanistan era responsabile dell’emissione di “guida ad altri paesi per evitare aree nel loro spazio aereo nazionale dove potrebbero esserci rischi per la sicurezza per operazioni aeree civili (sia dovute a zone di conflitto).
Lunedì, l’Autorità per l’aviazione civile afghana (ACAA) ha dichiarato lo spazio aereo di Kabul – che copre l’intero Paese – “non controllato”.
L’ACAA ha emesso due Notice to Airmen (NOTAM) avvisando gli aerei commerciali in transito (su di essi) di cambiare rotta e annunciando la chiusura del lato civile dell’aeroporto di Kabul fino a nuovo avviso.
Altri paesi e compagnie aeree sono tenuti a condurre la propria valutazione del rischio dello spazio aereo di altri paesi “Mentre l’ICAO non ha alcun ruolo nelle questioni operative quotidiane, inclusa la valutazione del rischio, in situazioni in passato in cui i paesi potrebbero aver subito una perdita totale di Le capacità sovrane di comando e controllo, paesi vicini o altrimenti coinvolti, ci hanno chiesto di coordinare accordi per mitigare temporaneamente i rischi per la sicurezza aerea e la navigazione aerea nelle aree aeronautiche associate”, ha dichiarato martedì scorso a TOI l’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale.
L’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale ha chiesto commenti lunedì sulla loro mossa dopo il crollo del governo afghano. “Sto conducendo un controllo interno dei fatti per determinare quali informazioni potremmo essere in grado di fornire in relazione a queste questioni”, ha detto lunedì il collegamento del Segretario generale dell’ICAO.

READ  Il Pakistan accetta la "versione cinese" del trattamento dei musulmani uiguri nello Xinjiang: Imran Khan
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Arabia Saudita esorta i talebani a proteggere le vite secondo i principi islamici
Next Post L’Axon 30 di ZTE ha qualcosa da mostrare a Samsung sul far scomparire davvero le fotocamere sotto lo schermo