Addio, Benno: la NASA torna sulla Terra con un asteroide nascosto tra le nuvole

Dopo più di due anni di visite turistiche in un asteroide, un veicolo spaziale della NASA è ora diretto a casa. Gli scienziati non vedono l’ora di ricevere i souvenir che restituiscono.

A partire dalle 16:00 ET di lunedì, la navicella spaziale Osiris-Rex, a circa 180 milioni di miglia di distanza, ha lanciato le sue spinte di sette minuti per allontanarsi da Bennu, un asteroide leggermente più largo dell’Empire State Building.

“L’ustione era proprio nel mezzo”, ha detto Jason Dorkin, lo scienziato del progetto di missione presso il Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland. “Sembra perfetto.”

Dante Loretta, professore di scienze planetarie presso l’Università dell’Arizona che presta servizio come investigatore principale, ha detto di avere sentimenti contrastanti sulla fine di questa parte della missione.

“Ti abitui ad avere una navicella spaziale su un asteroide e a vedere sempre nuove immagini fantastiche”, ha detto.

Ma la partenza della sonda robotica, che viaggia a 600 miglia all’ora, significa che gli scienziati sono vicini a condurre studi ravvicinati di campioni di asteroidi puri nei loro laboratori. “Siamo molto entusiasti anche di questo”, ha detto il dottor Loretta.

Tra due anni, dopo un viaggio di 1,4 miliardi di miglia che ruoterà attorno al Sole due volte, Osiris Rex raggiungerà la Terra. La navicella principale non atterrerà, ma lascerà cadere una capsula che contiene alcuni preziosi frammenti di Bennu raccolti – almeno poche once ma molto probabilmente più di un chilo di terra e detriti. La capsula larga 32 pollici è rallentata dai paracadute e atterrerà il 24 settembre 2023 presso il Test and Training Yard nello Utah, una vasta area desolata nel deserto di Salt Lake Lake.

READ  Primo caso di Delta Plus, la variante "doppio smacco" di COVID, rilevato in Louisiana | Corona virus

Studiando gli asteroidi, frammenti di roccia che non si sono mai fusi in un pianeta, gli scienziati sperano di comprendere meglio gli inizi del Sistema Solare più di 4,5 miliardi di anni fa.

Sebbene frammenti di asteroidi siano atterrati sulla Terra come meteoriti, queste rocce si dissolvono dall’esterno e i minerali al loro interno spesso si trasformano nell’acqua dopo aver raggiunto la Terra. Gli scienziati planetari di solito non sanno da quale asteroide hanno avuto origine.

Ma con le missioni Osiris Rex e Hayabusa 2, gli scienziati sanno esattamente dove sono stati raccolti i campioni.

“Avremo una migliore comprensione dei materiali più fragili trovati su questi asteroidi e nello spazio, che non sopravvivono al passaggio nell’atmosfera terrestre”, ha detto il dottor Loretta.

Gli asteroidi che hanno colpito la Terra nei primi giorni del sistema solare potrebbero aver portato molte delle particelle a base di carbonio che erano essenziali per l’emergere dei mattoni della vita.

“Probabilmente c’è molta chimica del carbonio catturata in quei composti che non siamo stati in grado di controllare prima”, ha detto il dottor Loretta.

La conoscenza di questa particolare roccia spaziale potrebbe anche essere utile se la Terra ha bisogno di difendersi dall’asteroide. Bennu appartiene a un gruppo noto come asteroidi Near-Earth perché le loro orbite attraversano l’orbita terrestre. Verso la fine del prossimo secolo, Bennu passerà ancora e ancora vicino al suolo. In effetti, la NASA calcola una possibilità leggera ma non trascurabile – 1 su 2.700 – di colpire il nostro pianeta Benno tra 2.175 e 2.199 con l’energia di oltre un miliardo di tonnellate di TNT. Questa catastrofe potrebbe uccidere milioni di persone, ma non sarà abbastanza grande da causare estinzioni di massa su larga scala.

READ  DAVINCI + per esplorare i destini divergenti del misterioso gemello terrestre

OSIRIS-REX – Il nome è l’acronimo di Assets, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security, Regolith Explorer – lanciato a settembre 2016 e È arrivato a Bennu nel dicembre 2018. I suoi appunti includevano una sorpresa: era Benno Rilascio di detriti dalla sua superficie nello spazio.

L’obiettivo principale della missione, raccogliere un campione di Bennu, era impegnativo perché la superficie era più rocciosa del previsto. Il team aveva bisogno di escogitare un nuovo modo per guidare il veicolo spaziale largo 20 piedi verso una posizione target di soli 26 piedi di diametro evitando un muro di roccia che includeva una colonna affusolata chiamata Mount Doom, che era alta fino a due. O un edificio a tre piani.

In ottobre, OSIRIS-REX ha raggiunto il suo segno in meno di un cantiere.

Il campionatore, che assomiglia a un filtro dell’aria per auto all’estremità di un braccio robotico, è piegato per mantenere il contatto con l’asteroide per circa cinque secondi. L’esplosione di azoto gassoso ha causato la caduta di rocce e polvere nel filtro del collettore e successivamente Osiris Rex si ritirò lentamente senza atterrare su Bennu.

Allora i task manager velocemente Ho deciso di fare scorta del campione Che stava filtrando di nuovo nello spazio perché il lembo non si era chiuso completamente. Il dottor Loretta ha stimato che rimanessero 800 grammi, o circa 1,8 libbre.

Il mese scorso, OSIRIS-REX ha effettuato un ultimo volo per Bennu e ha scattato foto per vedere come la manovra del gruppo ha interrotto la superficie.

“Ci aspettavamo di spostare 100 o 200 chilogrammi di materiale”, ha detto il dottor Loretta. “Abbiamo le prove che era almeno 10 volte di più e forse di più. La superficie di Benno era davvero fluida”.

READ  Una coppia della Virginia non vaccinata muore di coronavirus, lasciando cinque figli

Questo perché i grani sulla superficie del Bennu non si attaccano tra loro e quindi non resistono alla forza del meccanismo di campionamento che spinge verso il basso. Era più come se il braccio del campionatore si stesse tuffando in una piscina che colpendo rocce solide.

Il dottor Loretta ha detto che gli scienziati si aspettavano una qualche correlazione: forse le molecole di carbonio agivano come catrame viscoso. Ha detto: “Non c’è attrito o alcun tipo di forza tra di loro”. “Si comportano in modo molto simile al marmo: superfici in vetro belle e lisce.”

Dopo che Osiris Rex avrà superato la Terra nel 2023 e lascerà cadere esemplari, il suo viaggio potrebbe continuare. I navigatori della navicella hanno escogitato un percorso che lo porterà all’asteroide Apophis nell’aprile 2029, dopodiché l’oggetto, leggermente più piccolo di Bennu, scivola a una distanza scomodamente vicina ma comunque sicura di 20mila miglia dalla Terra.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Notizie sportive oggi: cosa devi sapere
Next Post Dove sono le 15 nuove spiagge “bandiera blu” in Italia