Abdul Qadeer Khan, ‘padre della bomba nucleare del Pakistan’, muore di Covid

Islamabad: Dr. Abdul Qadeer Khan, meglio conosciuto come Abi Pakistan“Bomba nucleare”, è morto in un ospedale qui domenica dopo che i suoi polmoni sono collassati, gravemente colpiti dall’infezione da coronavirus che ha contratto il mese scorso.
Khan, 85 anni, è stato rispettato come un eroe nazionale per aver reso il Pakistan una potenza nucleare. Islamabad ha fatto esplodere la sua prima arma nucleare nel 1998 quando era a capo dei Khan Research Laboratories (KRL) – un impianto di arricchimento dell’uranio che è stato ampliato a molti altri campi della scienza per un periodo di tempo – a Kahuta, vicino a Islamabad.
Il dottor Khan era amato dalla nazione per il suo contributo decisivo a renderci una nazione nucleare. Questo ci ha fornito sicurezza contro un vicino nucleare aggressivo molto più grande (l’India). Per il popolo pakistano era un simbolo nazionale, “Primo ministro del Pakistan Imran Khan Su Twitter dopo la morte dello scienziato nucleare. capo dell’esercito Gen Qamar Javed Bajwa ha affermato che i contributi di Khan al rafforzamento della difesa del Pakistan sono stati “sostanziali”.
In mezzo a una stretta sicurezza, Khan ha vissuto una vita isolata nella sua casa nell’esclusivo distretto E-7 di Islamabad dal 2004 dopo aver ammesso di avere un ruolo in una massiccia truffa sulla proliferazione. E in un discorso televisivo, ha accettato la responsabilità della diffusione illegale della tecnologia nucleare in Iran, Corea del Nord e Libia. Ex sovrano militare Generale Pervez Musharraf lo tolse dalla sua posizione. Tuttavia, l’ex presidente gli ha anche concesso la grazia usando i suoi poteri discrezionali, ma lo ha tenuto agli arresti domiciliari fino al 2009. Lo scienziato nucleare una volta disse: “Sarebbe stato un disastro per il Pakistan se non avessi accettato la responsabilità”.
In un libro del 2018 intitolato “La bomba nucleare del Pakistan: una storia di sfida, deterrenza e perversione”, lo studioso e accademico pakistano-americano Hassan Abbas Ha evidenziato il coinvolgimento di Khan nella proliferazione nucleare in Iran, Libia e Corea del Nord.
Ha scritto che le origini e lo sviluppo della rete di Khan sono legati alle motivazioni politiche nazionali e internazionali alla base del progetto di armi nucleari del Pakistan.
Lo scrittore ha anche toccato il ruolo della Cina e dell’Arabia Saudita nel sostenere la sua infrastruttura nucleare. Secondo quanto riferito, Khan ha stretti legami con l’establishment nucleare cinese.
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato nel 2009 che Khan gestiva una “estesa rete internazionale di proliferazione di attrezzature e conoscenze nucleari che forniva uno ‘sportello unico’ per le nazioni che cercavano di sviluppare armi nucleari”.
Secondo il Dipartimento di Stato, le azioni di questa rete “hanno cambiato irreversibilmente il panorama della proliferazione e hanno avuto effetti duraturi sulla sicurezza internazionale”.
I diplomatici occidentali hanno a lungo messo in dubbio che Khan potesse agire da solo. Parlando con i media stranieri in passato, Khan ha affermato che la confessione è stata “manipolata nelle mie mani”.
Nato nel 1936 a Bhopal, in India, Khan emigrò con la sua famiglia in Pakistan dopo la spartizione. Ha studiato ingegneria metallurgica a Berlino dopo aver conseguito una laurea in scienze presso l’Università di Karachi nel 1960. Successivamente si è recato per studi avanzati in Olanda e Belgio.
Dopo il test nucleare dell’India nel 1974, si unì agli sforzi segreti del Pakistan per sviluppare la tecnologia nucleare. A tal fine, ha fondato KRL nel 1976 ed è stato il suo capo scienziato e direttore per molti anni fino alla sua rimozione da parte di Musharraf nel 2004 con l’accusa di gestire una rete di proliferazione di materiale nucleare canaglia.
Durante gli ultimi anni della sua vita, cercò l’aiuto dei tribunali per allentare le restrizioni ai suoi movimenti. “Sono stato tenuto prigioniero senza libertà di movimento o di incontro con nessuno”, ha scritto Khan alla Corte suprema del Pakistan l’anno scorso in una nota scritta a mano contro lo stato.
Il mese scorso si era lamentato del fatto che Imran o qualcuno dei suoi membri del governo non si fosse informato sulla sua salute quando era in cura in ospedale. È stato trasferito all’ospedale KRL il 26 agosto dopo essere risultato positivo al test per Covid-19. In seguito, è stato portato in un ospedale militare nella città di guarnigione di Rawalpindi. È uscito di lì poche settimane fa dopo essersi ripreso dal virus. Tuttavia, la sua salute è peggiorata la scorsa notte quando ha iniziato a sentirsi a disagio nel respirare a causa di un’emorragia nei polmoni. Alle 7:04 i medici lo hanno dichiarato morto.
Un funerale di stato si è tenuto presso la moschea Faisal a Islamabad prima di essere sepolto nel cimitero H-8 della città. Al suo funerale hanno partecipato membri del Gabinetto, membri del Parlamento e ufficiali militari, tra gli altri. Per piangere la sua morte, la bandiera nazionale è stata issata a mezz’asta.

READ  Il leader talebano incontra l'inviato cinese a Kabul, discute questioni bilaterali: Report
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Fantacalcio: l’infortunio di Sawan Barclays può costringere lo sconto su Devonte Booker, aggiungere sei
Next Post Perché Fossil Gen 6 non mi ha convinto a stare lontano dall’Apple Watch?