‘Abbiamo imbrogliato’: centinaia di proteste a Venezia contro il ritorno delle navi da crociera giganti | Italia

Gli attivisti anti-crociere a Venezia affermano di essere stati “ingannati” dal governo italiano mentre centinaia di persone hanno protestato contro le enormi navi attraccate nel porto storico della città sabato.

I residenti sono rimasti sorpresi giovedì quando una nave da crociera è salpata per Lake City per la prima volta dall’inizio della pandemia, nonostante il governo del primo ministro Mario Draghi avesse annunciato che le navi sarebbero state bandite dal centro storico. La MSC Orchestra da 92.000 tonnellate ha raccolto 650 passeggeri prima di partire per Bari, nel sud Italia, sabato.

“Il governo italiano è stato ammirevole nell’ingannare non solo i cittadini di Venezia, ma i giornali e l’opinione pubblica di tutto il mondo”, ha affermato Tommaso Cacciari, leader del gruppo di attivisti No Grande Navi.

Una contro-protesta è stata lanciata da Si Grandi Navi, un movimento che sostiene migliaia di persone nella regione il cui sostentamento dipende dal settore delle crociere e che sono senza lavoro dallo scoppio della pandemia la scorsa primavera.

Il governo ha annunciato a fine marzo il divieto alle navi da crociera di attraversare piazza San Marco e di attraccare nel centro storico. Il progetto prevedeva il dirottamento delle navi verso il porto industriale di Marghera mentre si pianificava la realizzazione di un terminal crociere fuori lago.

Il decreto è stato approvato dalla Camera dei Deputati il ​​mese scorso, con Dario Franceschini, ministro della Cultura, che ha affermato che alle navi “la lunghezza dei condomini” era stato impedito di raggiungere il centro di Venezia “per sempre”.

Infatti, per rendere fattibile il dirottamento delle navi da crociera verso Porto Marghera, bisogna prima fare i lavori infrastrutturali. Nel frattempo, l’unico modo per le navi di entrare a Venezia è attraverso il Canale della Giudecca, dove nel giugno 2019 una nave di 13 piani operata da Msc si è schiantata contro un molo e un battello turistico, ferendo cinque persone.

READ  L'Italia riapre i battenti nella speranza di un vero rilancio economico

“Il governo sapeva che era impossibile, perché il canale che le navi devono attraversare per raggiungere Marghera è molto stretto e non abbastanza profondo”, ha detto Cacciari. “Quindi avresti bisogno di inzuppare il canale affinché ciò accada, il che sarebbe ancora più dirompente per l’equilibrio del lago.”

Kacchiari ha aggiunto: “Il punto di questa protesta è far capire e spiegare al governo – racconta questa storia al mondo intero – eppure le grandi navi sono tornate di nuovo. È un peccato.”

Il governo ha annunciato a marzo che alle navi da crociera sarebbe stato vietato l’attracco nel centro storico. Foto: Andrea Pataro/AFP/Getty Images

“Non mi sorprende perché siamo così abituati a dichiarazioni che non arrivano a nulla”, ha detto Elena Rio, residente a Venezia. “Ma più di ogni altra cosa mi fa arrabbiare perché abbiamo avuto tutto questo tempo durante la pandemia per pensare e inventare qualcosa di meglio. Invece, non abbiamo Niente cambia.”

I turisti hanno ricominciato a riempire le stradine di Venezia dopo che le restrizioni ai viaggi per il coronavirus sono state allentate a metà maggio. Prima della pandemia, la città ospitava circa 28 milioni di visitatori all’anno.

Le navi da crociera sono da tempo oggetto di contesa in città, con gli oppositori che sostengono di aver distrutto il lago e minato le fondamenta degli edifici nel sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Ma anche l’industria dei viaggi e delle crociere ha contribuito all’economia locale: circa 5.000 persone lavorano di solito al terminal crociere di Venezia.

ha affermato Francesco Galletti, Direttore dell’Unità d’Italia per l’Associazione delle Linee di Crociera Internazionale (CLIA).

Qualsiasi progresso verso la ricerca di una soluzione, che deve essere approvata dal governo federale insieme ai governi locali e regionali e alle autorità portuali, è stato ostacolato dalla volatilità politica.

“Da anni l’industria crocieristica chiede alle autorità una soluzione stabile per le navi per raggiungere Venezia”, ​​ha aggiunto Galletti. “C’è stato un momento in cui pensavamo di esserci riusciti, ma poi il governo è crollato. Per trovare una soluzione serve un allineamento assolutamente perfetto tra Roma e Venezia, e non è così semplice”.

Ha detto che molti degli ex porti industriali erano considerati attracchi temporanei oltre a Marghera. Ma ha aggiunto: “Deve essere riutilizzato per l’uso dei passeggeri… che richiederà circa sei mesi”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La WWE conferma data e luogo per SummerSlam 2021
Next Post Un terremoto di magnitudo 3.9 scuote la regione vicino a Hood Mountain