9 modi per creare un’economia locale rinnovata

Lo slogan “Think Global, Act Local” è in circolazione da diversi anni. Solo pochi decenni fa, le vivaci economie locali erano già molto più diffuse: le persone coltivavano cibo nei loro cortili, l’agricoltura locale era fiorente e i mercati degli agricoltori erano abbondanti.

La crescita esplosiva dell’economia globale ha danneggiato la maggior parte di queste tradizioni e strutture locali. L’umanità sta diventando sempre più consapevole di questo fatto, ma con l’aumento della curva di conoscenza di questi e altri problemi economici e ambientali, è aumentata anche la curva di distruzione causata dal sistema capitalista aziendale.

La visione del mondo di un’economia mondiale centralizzata si basava sull’idea di una crescita materiale illimitata: che la natura è una risorsa gratuita e il profitto è l’obiettivo primario dell’attività economica. Questa ideologia superficiale ci ha portato sull’orlo del collasso ecologico ed economico attraverso l’estinzione delle specie, il riscaldamento globale, una crisi energetica e la crescente disuguaglianza economica, solo per citarne alcuni.

il modello nordico Molti economisti e politici progressisti lo descrivono come un’alternativa migliore. Ma, se osserviamo da vicino l’economia del benessere relativamente equa – con i “paesi più felici del mondo” Secondo alcune classificazioniScopriremo che genera una delle più alte impronte di carbonio al mondo e dipende fortemente dalle importazioni di mangimi dal Brasile e da altri paesi per nutrire suini e pollame domestici, quindi non è una soluzione a lungo termine.

Negli ultimi quattro decenni, diverse forme di capitalismo verde sono state presentate come soluzione. Questo modello, tuttavia, è solo Una versione più soft del business as usualViene utilizzato principalmente dall’élite per lavare la propria immagine. Il capitalismo sostenibile è un ossimoro, e quindi inefficace nel risolvere uno qualsiasi dei problemi fondamentali dell’economia globale.

Poiché abbiamo ereditato un sistema economico mondiale altamente disfunzionale, un cambiamento completo dei sistemi economici è l’unica soluzione. Dobbiamo affrontare frontalmente i fallimenti e le forme inefficaci del capitalismo creando economie locali decentralizzate e collaborative, enfatizzando la produzione locale con risorse locali per soddisfare i bisogni locali e costruendo ricchezza locale. Ecco nove passi che possiamo compiere per costruire una tale economia.

READ  Riusciranno le giovani donne benestanti a salvare la ripresa economica della Cina?

1. Cambiare il concetto di proprietà

Passaggio di proprietà da privato a collettivo. Dobbiamo sostituire le politiche basate sull’impresa privata e l’accumulo di profitti con politiche che proteggano i nostri beni comuni: terra, acqua ed energia, oltre a Internet. Queste risorse naturali, intellettuali e scientifiche appartengono a tutta l’umanità, e non solo all’élite aziendale.

Credito: Adela Nestura

2. Pianificazione economica globale decentralizzata

In alcune parti del mondo, la produzione locale e i mercati contadini stanno tornando in auge, ma devono diffondersi maggiormente. Possiamo raggiungere questo obiettivo integrando la pianificazione globale, nazionale e locale. Abbiamo bisogno di politiche per l’intero ecosistema globale delle economie locali radicate nella cultura locale. Se si utilizzano soluzioni sostenibili occidentali, la pianificazione dovrebbe essere sensibile alle esigenze, alle dimensioni e alla cultura della popolazione locale.

3. I limiti dell’accumulazione di ricchezza

Il problema fondamentale del capitalismo è che non c’è limite a ciò che un individuo può possedere. Oggi, una manciata di miliardari possiede la stessa ricchezza di metà della popolazione mondiale, mentre diversi miliardi di persone riescono a malapena a nutrirsi. È necessario un tetto globale all’accumulo di ricchezza, nonché un reddito massimo e minimo, per controbilanciare la crisi della disuguaglianza globale.

4. Trasformazione economica strutturale verso un’economia post-capitalista

Abbiamo bisogno di cambiare l’intera struttura economica per vivere entro i vincoli dell’ambiente. Per raggiungere al meglio questo obiettivo, può svilupparsi un’economia a tre livelli:

  • Piccole imprese private – come fattorie familiari, panetterie, ristoranti, opere d’arte, artigianato, ecc.
  • Le aziende si trasformarono in cooperative di proprietà dei lavoratori.
  • Le principali industrie, come le centrali elettriche e idriche su larga scala, le infrastrutture e l’istruzione pubblica, sono gestite dai governi e dai consigli nazionali, regionali e locali senza scopo di lucro e senza perdite, al fine di prevenire la concentrazione della ricchezza, la speculazione e sfruttamento delle risorse naturali.

5. Modifiche alla progettazione economica domestica

Dobbiamo allineare le politiche locali, nazionali e globali a:

READ  Le prenotazioni dei vaccini aumentano in Italia dopo che l'autorizzazione sanitaria COVID-19 diventa obbligatoria
  • Evita le perdite causate dall’importazione di prodotti e dall’estrazione di ricchezza da imprese estere.
  • Aumentare la velocità di circolazione del denaro tra produttori locali, fornitori, istituzioni e pubblico.
  • Fornire più opportunità di lavoro locali aumentando la produzione e i servizi locali.
  • Migliore stabilità economica locale man mano che le località diventano più autosufficienti.
  • Passare dall’economia dell’avidità all’economia del bisogno, poiché le economie locali sono più efficaci nel soddisfare i bisogni locali di alloggio, istruzione, assistenza sanitaria, cibo ed energia

6. Benefici culturali per le economie locali

Economie e culture si intrecciano. Apprezzarlo è la chiave per creare vere “economie di felicità”. L’attuale economia dei consumi ci ha fatto credere che la felicità derivi da un aumento della ricchezza e dei consumi, ma una volta che i nostri bisogni di base sono presi in considerazione, il benessere personale e le attività culturali, come passare il tempo con la famiglia e gli amici, creare e apprezzare l’arte, la musica, e la letteratura sono misure migliori del progresso. Questi sono sforzi per creare felicità e benessere veri e sostenibili.

La foto mostra un vasaio locale che fa una ceramica mentre è seduto con un bambino piccolo
Credito: Avijit Ghosh

7. Benefici ambientali per l’economia locale

Le economie locali producono meno inquinamento, meno trasporto di prodotti, meno tempo per i passeggeri, ecc. A causa delle loro piccole dimensioni, le economie locali consentono anche alle comunità locali di vivere secondo i propri mezzi e la capacità di tollerare l’ambiente locale. Le persone nelle comunità locali si preoccupano maggiormente dell’ambiente locale rispetto a coloro che vogliono trarne vantaggio o approfittarne dall’esterno.

8. L’economia dell’autosufficienza locale

La produzione all’interno di un’economia locale è più resiliente quando è orientata all’autosufficienza locale in cibo, acqua ed energia. Solo quando tali bisogni interni sono soddisfatti le risorse interne dovrebbero essere esportate. In termini di esportazioni, l’attenzione dovrebbe essere rivolta alla produzione e all’esportazione di prodotti finiti – ad esempio cioccolato anziché fave di cacao – poiché ciò aumenterà il commercio equo e la ricchezza locale.

READ  Il rapporto tra Stati Uniti e Italia e l'unità transatlantica

9. Le politiche dovrebbero estendersi oltre l’area locale

Abbiamo bisogno di cambiare i sistemi sovrapposti e integrati a livello regionale, nazionale e globale. Devono essere definiti anche i criteri per comprendere cosa costituisce un bioma locale o regionale: lingua, cultura, geologia, risorse, topografia, somiglianza economica e altri criteri possono essere presi in considerazione.

Tutti i cambiamenti politici associati a un’economia più locale hanno in mente il benessere della popolazione locale. Le politiche agricole, industriali e cooperative devono essere coordinate dal livello locale a quello globale. Gestire un’economia cooperativa oggi è molto impegnativo a causa della concorrenza dell’economia aziendale, e solo una forte pianificazione e coordinamento – come nelle economie cooperative di Mondragon, Spagna ed Emilia Romagna, Italia – consentirà a una vivace economia cooperativa locale di emergere e prosperare.

Alla base di tutti questi punti c’è l’idea che muovendosi verso le economie locali si possa integrare l’economia con l’ambiente. Tutti i progetti economici locali devono essere pianificati come parte di un’interrelazione dinamica con l’ambiente locale.

Con questa visione globale, possiamo muoverci verso la creazione di economie locali veramente rinnovabili attraverso una rete integrata di cambiamento del sistema locale, nazionale e globale.

Se desideri approfondire questo argomento, saperne di più su come le persone stanno dimostrando il cambiamento dei sistemi creando economie locali e desideri condividere la tua esperienza e le tue idee sul campo, partecipa alla Conferenza sul cambiamento dei sistemi attraverso le economie locali: a evento quotidiano con talk, presentazioni e workshop Un’opera sulle storie economiche di cura reciproca e cooperazione che meritano davvero di essere raccontate. Clicca qui per saperne di più sulla conferenza.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La sinossi della premiere di The Challenge – Stagione 37 Episodio 1, La lista
Next Post Chad Hanks raddoppia il livello di resistenza al vaccino Kovit-Hollywood Reporter