8 italiani su 10 restano a casa questo Natale per risparmiare in mezzo alla crisi economica: rapporto

I media locali italiani affermano che otto cittadini su dieci nel paese rimarranno a casa questo Natale per risparmiare denaro mentre gli italiani affrontano una crisi economica sempre più profonda.

Le bollette energetiche e i prezzi alimentari alle stelle hanno messo sotto pressione i bilanci delle famiglie e costretto gli italiani a restare a casa per spendere meno per la spesa per la cena di Natale, riferisce l’emittente locale RaiNews.

Tra i prodotti più utilizzati nella preparazione dei cibi e nei piatti natalizi, il prezzo del burro ha registrato un incremento annuo del 41,2 per cento, seguito dalla farina al 23,6 per cento, dalle uova al 21,7 per cento, dal riso al 35,4 per cento, dalla pasta al 23,6 per cento e dal pane al 16 per cento. . . .

Anche il prezzo al chilogrammo del formaggio è aumentato di oltre il 20%, mentre il prezzo del pollo è aumentato del 18% rispetto allo scorso anno.

Gli italiani hanno organizzato proteste contro il primo ministro Giorgia Meloni, accusando il governo di estrema destra per l’aumento del costo della vita e una crisi energetica nazionale.

ha affermato Pierpaolo Leonardi, membro dell’organizzazione di base dell’Unione Sindacale di (USB).

I manifestanti chiedono al governo, invece di stanziare armi e risorse finanziarie all’Ucraina durante la sua guerra con la Russia, di spendere per il benessere della nazione italiana.

Nei giorni precedenti il ​​governo ha nuovamente stanziato fondi per la guerra in Ucraina, invece di investire i soldi in spesa sociale, sanità, istruzione e pensioni. Chiediamo la necessità di porre fine alla guerra. “È necessario smettere di finanziare l’Ucraina ed è necessario porre fine alle sanzioni contro la Russia”, ha aggiunto.

READ  Le statistiche mostrano che i cittadini del Regno Unito sono i più entusiasti di viaggiare negli Stati Uniti

Dall’inizio della guerra in Ucraina, l’amministrazione dell’ex primo ministro Mario Draghi ha introdotto misure che hanno reso possibile l’invio di armi a Kiev senza richiedere l’autorizzazione parlamentare per ogni spedizione, una misura che il governo sta ora cercando di revocare.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Gli scienziati scoprono “un modo completamente nuovo di progettare il sistema nervoso”
Next Post Ministero degli Affari Esteri: l’Ucraina chiede l’esclusione della Russia dalle Nazioni Unite