700 milioni di dati di utenti LinkedIn in vendita nel dark web

I broker del dark web stanno cercando di vendere i dati di 700 milioni di utenti del social network professionale LinkedIn.

Gli hacker hanno messo in vendita i dati degli utenti di milioni di account dal sito di proprietà di Microsoft, inclusi indirizzi e-mail, siti Web, numeri di telefono e persino stipendi stimati.

Un rapporto dei ricercatori di sicurezza Restore Privacy ha trovato un elenco di hacker che forniscono i dettagli dell’account per un massimo di 1 milione di utenti LinkedIn.

L’hacker ha affermato di avere dati fino a 700 milioni di account, il 93% di tutti gli utenti di LinkedIn. Ha aggiunto che il campione esaminato da Restore Privacy è risultato autentico.

RECUPERO PRIVACY Ha detto in un post sul blog: “Anche se non abbiamo trovato credenziali di accesso o dati finanziari nei campioni che abbiamo esaminato, c’è ancora un tesoro di informazioni che i malintenzionati possono sfruttare per ottenere guadagni finanziari”.

L’utente del dark web ha affermato che i dati sono stati raccolti utilizzando un software di Linkedin per sviluppatori, un’interfaccia software applicativa.

“In questo caso specifico, non sembra che i server di LinkedIn siano stati compromessi o che ci sia stata una completa ‘violazione’ nel senso tradizionale del termine”, ha affermato Restore Privacy.

Un portavoce di LinkedIn ha dichiarato: “Mentre stiamo ancora indagando su questo problema, la nostra analisi iniziale indica che il set di dati include informazioni prese da LinkedIn oltre a informazioni ottenute da altre fonti.

“Non si trattava di una violazione dei dati di LinkedIn e la nostra indagine ha stabilito che nessun dato dei membri di LinkedIn è stato divulgato. L’estrazione di dati da LinkedIn è una violazione dei nostri Termini di servizio e lavoriamo costantemente per garantire che la privacy dei nostri membri sia protetta”.

READ  Il raggiungimento degli obiettivi di cambiamento climatico di Google "conferma" il CEO Sundar Pichai

Questo è il secondo incidente segnalato di raccolta dati da LinkedIn quest’anno dopo che gli hacker sono riusciti a rivelare i dettagli dell’utente 500 milioni di utenti ad aprile. LinkedIn ha dichiarato all’epoca che i suoi sistemi non erano stati violati.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Storia del Partito Comunista Cinese e dei suoi leader – e il nuovo e ambizioso lungo cammino del presidente Xi per la Cina
Next Post SpaceX lancerà una seconda quota di volo, facendo pressione sul piccolo settore dei lanci