44 morti mentre inondazioni improvvise hanno colpito l’area di New York in un evento meteorologico storico

Inondazioni improvvise causate dai resti dell’uragano Ida hanno ucciso almeno 44 persone.

New York, Stati Uniti:

Inondazioni improvvise causate dai resti dell’uragano Ida hanno ucciso almeno 44 persone nell’area di New York durante la notte fino a giovedì, compresi molti che sono morti negli scantinati durante un evento meteorologico “storico” che i funzionari hanno attribuito al cambiamento climatico.

La pioggia da record ha emesso un avviso di inondazione improvvisa senza precedenti per New York City, trasformando le strade in fiumi e chiudendo i servizi della metropolitana mentre l’acqua scorreva lungo le piattaforme sui binari.

“Ho 50 anni e non ho mai visto una pioggia così forte”, ha detto Metodeja Mihaglov, il cui seminterrato del ristorante di Manhattan è stato immerso in tre pollici d’acqua.

“Era come vivere nella giungla come una pioggia tropicale. Incredibile. Quest’anno è tutto molto strano”, ha detto all’AFP.

Centinaia di voli sono stati cancellati negli aeroporti LaGuardia e John F. Kennedy, così come a Newark, dove un video mostrava un terminal fradicio di pioggia.

“Siamo tutti in questo insieme. La nazione è pronta ad aiutare”, ha detto il presidente Joe Biden prima del viaggio di venerdì nel sud della Louisiana, dove Ida in precedenza ha distrutto edifici e ha lasciato più di un milione di case senza elettricità.

– ‘Evento storico sul clima’ –

Le inondazioni hanno chiuso le strade principali del New Jersey e di New York, tra cui Manhattan, il Bronx e il Queens, inondando le auto e costringendo i vigili del fuoco a salvare centinaia di persone.

Il governatore Phil Murphy ha detto ai giornalisti che almeno 23 persone sono state uccise nel New Jersey.

READ  Gli Stati Uniti annunciano la "sospensione" di ulteriori dazi sull'India e altri cinque five

“La maggior parte dei morti erano persone che sono state catturate nelle loro auto”, ha detto.

Un soldato di stato è morto nel vicino Connecticut.

La polizia ha detto che 13 persone sono morte a New York City, di cui 11 che non sono riuscite a fuggire dai loro scantinati. L’età delle vittime variava tra i due e gli 86 anni.

“Tra le persone più a rischio durante le inondazioni improvvise qui ci sono quelle che vivono in un seminterrato non qualificato che non rispetta le leggi sulla sicurezza necessarie per salvare vite umane”, ha scritto su Twitter la deputata Alexandria Ocasio-Cortez.

“Si tratta di classe operaia, immigrati, basso reddito, famiglie”, ha aggiunto.

Un funzionario locale ha confermato che tre sono morti anche nel sobborgo di Westchester, a New York, mentre altri quattro sono morti nella contea di Montgomery, fuori Filadelfia, in Pennsylvania.

Ida ha tracciato una scia di distruzione verso nord dopo aver colpito la Louisiana durante il fine settimana, causando gravi inondazioni e tornado.

“Stiamo sopportando un evento meteorologico storico stasera con pioggia record in tutta la città, inondazioni brutali e condizioni pericolose sulle nostre strade”, ha dichiarato mercoledì il sindaco di New York Bill de Blasio.

Emergenze statali sono state dichiarate a New York e nel New Jersey quando il National Weather Service ha emesso il suo primo avviso di emergenza per inondazioni improvvise per New York City, esortando i residenti a trasferirsi su un terreno più elevato.

“Non sai quanto sia profonda l’acqua ed è molto pericolosa”, ha detto in un tweet la filiale di New York del National Weather Service (NWS).

READ  I talebani nominano il capo della banca centrale in carica mentre le turbolenze economiche aumentano

Il NWS ha registrato 3,15 pollici (80 mm) di pioggia a Central Park in appena un’ora, battendo il record stabilito proprio il mese scorso durante Storm Henry.

Anche gli US Open si sono fermati a causa delle raffiche di vento e della pioggia sotto gli angoli del tetto del Louis Armstrong Stadium.

– La minaccia degli uragani permane –

I newyorkesi si sono svegliati con il cielo azzurro giovedì mentre la vita è tornata in città, ma i segni del massacro della notte precedente non erano lontani: i residenti hanno spostato i rami degli alberi caduti dalle strade mentre i servizi della metropolitana riprendevano lentamente.

Secondo il sito web poweroutage.us, entro giovedì sera, circa 38.000 case in Pennsylvania, 24.000 nel New Jersey e 12.000 a New York erano senza elettricità, un calo significativo rispetto all’inizio della giornata.

È raro che tali tempeste colpiscano la costa nord-orientale dell’America e arrivino quando lo strato superficiale degli oceani si riscalda a causa dei cambiamenti climatici.

Gli scienziati affermano che il riscaldamento sta causando il rafforzamento degli uragani e il trasporto di più acqua, che rappresenta una minaccia crescente per le comunità costiere del mondo.

“Il riscaldamento globale ci sta raggiungendo e andrà sempre peggio a meno che non facciamo qualcosa al riguardo”, ha detto il senatore democratico Chuck Schumer.

Ad Annapolis, a 30 miglia (50 chilometri) da Washington, un uragano ha abbattuto alberi e rovesciato i pali dell’elettricità.

Il NWS ha avvertito che il rischio di uragani persisterebbe, con le ore di uragano in vigore per parti del Connecticut meridionale, del New Jersey settentrionale e del sud di New York mentre Ida seguiva il nord attraverso il New England.

READ  Casi di morte del virus Corona in India 26 giugno in diretta, statistiche del virus Corona India in diretta, vaccinazione Covid-19 in India, ultimo aggiornamento della variante Delta Coronavirus, Delta Plus Live News

Un tornado ha colpito una popolare destinazione turistica a Cape Cod, nel Massachusetts, giovedì sera.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il tunnel per il campo di calcio del Minnesota ha diverse buche
Next Post Innistrad: Midnight Hunt Mythic Rare Wizard crea gettoni in decomposizione