31 morti e sette feriti in un’esplosione di gas in un ristorante barbecue in Cina

31 morti e sette feriti in un’esplosione di gas in un ristorante barbecue in Cina

Le autorità cinesi hanno detto giovedì che una massiccia esplosione di gas da cucina in un ristorante barbecue nel nord-ovest della Cina ha ucciso 31 persone e ne ha ferite sette.

L’esplosione ha colpito l’edificio intorno alle 20:40 di mercoledì in una strada trafficata di Yinchuan, capitale della regione autonoma di Ningxia Hui, dove le persone si stavano radunando alla vigilia della festa del Dragon Boat Festival, ha riferito Xinhua. Egli ha detto.

Il festival è una festa nazionale dedicata al consumo di gnocchi di riso e alle corse di barche gestite da squadre di rematori.

Il sito web di notizie online The Paper ha citato una donna identificata solo dal suo cognome Chen dicendo che si trovava a circa 50 metri (164 piedi) dal ristorante quando ha sentito l’esplosione. Ha descritto di aver visto due camerieri uscire dal ristorante in seguito, uno dei quali è subito crollato, mentre un denso fumo si alzava dal ristorante e un forte odore di gas da cucina permeava l’area.

Il Ministero per la gestione delle emergenze del governo centrale ha dichiarato sul proprio account sui social media che i lavori di ricerca e soccorso presso il ristorante sono stati completati giovedì mattina presto e che gli investigatori sono stati inviati per determinare la causa dell’esplosione.

Incidenti industriali di questa natura si verificano regolarmente in Cina e sono generalmente attribuiti a scarsa supervisione del governo, corruzione e misure di riduzione dei costi da parte dei datori di lavoro e mancanza di formazione sulla sicurezza per i dipendenti.

Almeno nove persone sono morte in un’esplosione in un impianto petrolchimico cinese e altre tre sono morte in un incidente in elicottero durante la festa del Labor Day in Cina.

READ  "COVID può finire ma...", il capo dell'OMS sostiene due condizioni per sconfiggere l'epidemia

A febbraio, 53 minatori sono rimasti uccisi nel crollo di una grande miniera di carbone a cielo aperto nella regione settentrionale della Mongolia Interna, che ha portato a numerosi arresti, e quattro persone sono state arrestate a causa di un incendio in una società commerciale industriale nella Cina centrale a novembre che ha ucciso 38 persone.

Il governo centrale ha promesso misure di sicurezza più severe da quando nel 2015 un’esplosione in un deposito chimico nella città portuale settentrionale di Tianjin ha ucciso 173 persone, la maggior parte vigili del fuoco e agenti di polizia. In quel caso, diversi funzionari locali furono accusati di accettare tangenti per ignorare le violazioni della sicurezza.

(Disclaimer: questa storia è stata generata automaticamente da un feed condiviso; l’immagine e il titolo potrebbero essere stati appena rielaborati da www.republicworld.com)


pubblicato:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *