120 arrestati in Pakistan per l’uccisione da parte della folla del direttore di una fabbrica dello Sri Lanka

L’incidente è avvenuto venerdì nel distretto di Sialkot, nella provincia centrale del Punjab.

Sialkot, Pakistan:

Ben 120 persone sono state arrestate in Pakistan dopo che un direttore di una fabbrica dello Sri Lanka è stato picchiato a morte e dato alle fiamme da una folla che lo accusava di blasfemia, hanno detto i funzionari sabato.

L’attacco alla scorta ha suscitato indignazione e il primo ministro Imran Khan lo ha descritto come un “giorno di vergogna per il Pakistan”.

Poche questioni si agitano in Pakistan quanto la blasfemia, e anche il minimo accenno di insulto all’Islam potrebbe intensificare le proteste e incitare a esecuzioni extragiudiziali.

L’incidente è avvenuto venerdì nel distretto di Sialkot, nella provincia centrale del Punjab, 200 km a sud-est della capitale, Islamabad.

“Nella fabbrica si è diffusa la voce che il manager abbia strappato un poster religioso e lo abbia gettato nella spazzatura”, ha detto all’AFP l’agente di polizia distrettuale Zulfiqar Ali.

Il portavoce della polizia Khurram Shehzad ha detto che fino a 120 persone sono state arrestate, incluso uno dei principali sospetti.

Taher Ashrafi, studioso di religione e rappresentante speciale del primo ministro per l’armonia religiosa, ha confermato il suo arresto e ha detto all’Afp che i lavoratori si erano lamentati del fatto che il manager fosse “troppo severo”.

Al-Ashrafi ha spiegato che “gli esperti di polizia stanno indagando su questo caso da diverse angolazioni, compreso che alcuni operai della fabbrica hanno pubblicato un giornale religioso per vendicare il manager”.

Shehzad ha detto che i raid stanno continuando.

Guarda la folla

Diversi video scioccanti diffusi sui social media mostrano una folla che picchia la vittima mentre intona slogan anti-blasfemia.

READ  Lo spyware Pegasus era solito "curiosare" su giornalisti e attivisti indiani

Altre clip mostravano il suo corpo in fiamme, così come il relitto rovesciato di quella che si diceva fosse la sua auto.

Non molti mob hanno cercato di nascondere la propria identità e alcuni si sono fatti dei selfie davanti al cadavere bruciato.

Il portavoce del governo del Punjab Hassan Khawar ha detto ai giornalisti sabato che tra le 800 e le 900 persone, alcune armate di bastoni, stavano trascinando il corpo del regista.

Khawar ha detto che è stata condotta un’autopsia e il corpo sarà consegnato all’ambasciata dello Sri Lanka a Islamabad.

Malik Naseem Awan, residente a Sialkot e avvocato, ha dichiarato all’AFP di essere preoccupato per l’impatto sull’immagine del Paese.

“Non posso dirti quanto sono imbarazzato”, ha detto. “Sarebbe stato diverso se qualcuno l’avesse fatto da solo, ma la folla ha guardato in silenzio e nessuno ha cercato di salvarlo”.

Quasi tutti i partiti politici e religiosi hanno condannato l’incidente, compreso il capo dell’esercito pakistano.

Sabato il presidente e il primo ministro dello Sri Lanka hanno espresso il loro shock per l’uccisione di Soleimani e hanno chiesto al Pakistan di punire tutti coloro che sono coinvolti nell'”attacco brutale e omicida”.

Un alto funzionario pakistano ha detto all’AFP che Islamabad era stata in contatto con i diplomatici dello Sri Lanka in merito all’incidente e “ho assicurato loro che tutti coloro che sono coinvolti nell’efferato crimine saranno assicurati alla giustizia”.

I gruppi per i diritti affermano che le accuse di blasfemia spesso possono essere portate per risolvere una vendetta personale, con le minoranze in gran parte prese di mira.

Migliaia di persone hanno dato fuoco domenica a una stazione di polizia nella provincia nordoccidentale di Khyber Pakhtunkhwa dopo aver chiesto agli agenti di consegnare un uomo accusato di aver bruciato il Corano.

READ  Imran Khan attacca i talebani e mette in guardia contro il controllo delle fazioni estremiste | notizie dal mondo

Nell’aprile 2017, un gruppo arrabbiato ha giustiziato sommariamente lo studente universitario Mishaal Khan accusato di aver pubblicato contenuti offensivi online.

Una coppia cristiana è stata sommariamente giustiziata e poi bruciata in un forno nel Punjab nel 2014 dopo essere stata falsamente accusata di dissacrare il Corano.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Rick Steves: Lago di Como, Dove Luna di Miele Italiani
Next Post Ecco come vedere la cometa Leonard a Vancouver