10 lavoratori petroliferi sono stati uccisi in un attacco nella Siria orientale | Notizia

storia dello sviluppo,

L’agenzia di stampa siriana (SANA) ha affermato che l’attacco ha preso di mira autobus che trasportavano lavoratori a Deir Ezzor.

Un attacco nella Siria orientale ha ucciso 10 lavoratori del giacimento petrolifero, ha riferito l’agenzia di stampa siriana ufficiale (SANA), un giorno dopo che le forze guidate dai curdi siriani hanno annunciato un’offensiva contro lo Stato islamico (IS).

Venerdì, il rapporto affermava che “altre due persone sono rimaste ferite in un attacco terroristico che ha preso di mira tre autobus che trasportavano lavoratori del giacimento petrolifero di Al-Tayyim nel Governatorato di Deir Ezzor”.

SANA non ha fornito alcuna informazione sulla natura dell’attacco o su chi ci fosse dietro, ma un osservatore di guerra in Gran Bretagna ha accusato “cellule dello Stato islamico” di aver effettuato l’attacco nei pressi del giacimento petrolifero.

Rami Abdel Rahman, direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, ha detto ad AFP: “L’attacco è iniziato con ordigni esplosivi che sono esplosi al passaggio degli autobus, poi i militanti dell’organizzazione hanno aperto il fuoco contro di loro”.

Giovedì, le forze democratiche siriane a guida curda hanno dichiarato di aver iniziato un’offensiva contro i militanti dell’ISIS, a seguito di un precedente attacco a una prigione a Raqqa, a nord-ovest dell’attacco all’autobus.

Le SDF hanno affermato che l’offensiva, soprannominata “Operazione Thunderbolt Island”, mirava a “eliminare” i combattenti dell’ISIS dalle aree che erano “la fonte dei recenti attacchi terroristici”.

L’operazione viene condotta insieme alla coalizione sostenuta dagli Stati Uniti, sebbene non ci sia stata alcuna conferma immediata da parte della forza internazionale che sarebbero stati coinvolti.

READ  È probabile che questo parlamentare indiano succederà a Priti Patel come ministro dell'Interno britannico | notizie dal mondo

La dichiarazione delle SDF afferma che oltre alla sventata offensiva di Raqqa, i militanti dell’ISIS hanno recentemente effettuato otto attacchi nella regione di Deir Ezzor, Al-Hasakeh e nel campo per gli sfollati di Al-Hol, la maggior parte dei quali erano membri della famiglia dell’ISIS.

Lunedì scorso, sei combattenti curdi sono stati uccisi quando i combattenti dell’ISIS hanno attaccato il complesso di Raqqa, l’ex capitale de facto del gruppo in Siria, nel tentativo di liberare altri militanti lì imprigionati.

Dopo una fulminea ascesa in Iraq e Siria nel 2014, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS) ha assistito al crollo del suo cosiddetto califfato, ma i combattenti sono rimasti e l’organizzazione continua ad annunciare attacchi nei due paesi.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Uno studio rileva che i tassi di diabete potrebbero aumentare nei giovani adulti negli Stati Uniti
Next Post Stati Uniti, Grecia e Italia vincono lo United Tennis Championship a squadre miste | gli sport