10 esempi sorprendenti e insoliti di aziende americane che lavorano con case di design italiane

Mentre i produttori americani hanno spesso desiderato mantenere lo sviluppo del design all’interno di un’azienda, storicamente hanno avuto la tendenza a collaborare con aziende italiane su progetti speciali. Per modellini di auto artigianali che richiedono migliaia di ore di scolpitura dettagliata della carrozzeria, case automobilistiche come la Carrozzeria Ghia e la Carrozzeria Pininfarina rimangono impareggiabili nel realizzare sogni di design.

Nel frattempo, le case di moda come Gucci a volte sono fiduciose nella creazione di interni ultra lussuosi per i modelli in edizione speciale. Che queste collaborazioni abbiano successo o meno, hanno realizzato alcuni pezzi straordinari e memorabili nella storia automobilistica.

Correlati: 10 auto sportive italiane che nessuno ricorda

10 1951-1954 Nash Healey

Via Carscoops

Alla fine degli anni ’40, i roadster sportivi personali videro un aumento di popolarità con il successo di Crosley’s Hotshot. I roadster potrebbero fornire una seconda auto economica e divertente per la famiglia americana della classe media. All’inizio degli anni ’50, la maggior parte dei produttori aveva qualcosa di simile nella propria pipeline. Nash-Healy è nato rapidamente quando il capo di Nash George Mason ha incontrato Donald Healy durante una crociera sulla RMS Queen Elizabeth. I colloqui sono iniziati immediatamente con la commercializzazione di auto Hayley di produzione limitata come prodotti Nash in Nord America.

Con me attraverso le aste

A Torino, in Italia, Pininfarina è stata contattata per smussare le linee delle Roadster e renderle più simili alla famiglia di auto Nash negli Stati Uniti. I motori Nash sono stati spediti da Kenosha, Wisconsin a Healeys Warwick, in Inghilterra, per soddisfare il telaio appositamente progettato. Da lì, lo scafo rotante verrà inviato a Torino, in Italia, per attrezzare il corpo, prima di essere finalmente spedito negli Stati Uniti per un montaggio finale. I pesi massimi della logistica Nash-Healey arriva finalmente presso i concessionari Nash per un prezzo elevato di circa $ 5.000. Più costoso rispetto alla Corvette appena rilasciata, Nash ha continuato a vendere solo 503 Hailey Prima che Mason annullasse il progetto dopo la creazione di AMC.

9 Chrysler Diligence del 1952

La concept car Chrysler Delligance
Via: supercars.net

Prima che Chrysler consegnasse le chiavi dello studio di design di auto di produzione a Virgil Exner, fu incaricato di progettare una serie di “auto idea” per evidenziare la direzione del design di Chrysler negli anni ’50 e fornire una base per il design automobilistico futuro. L’auto preferita di Virgil Exner dal gruppo “idea dell’auto” era l’auto D’Elegance del 1952 costruita da Ghia. La griglia anteriore splitter che i consumatori vedranno in seguito nella Serie 300 segue le curve morbide di una collezione di fanali posteriori indipendenti, un cenno all’amore di Exner per le auto di lusso prima della guerra.

Chrysler Delligance anteriore
Via: Tek Deeps

Originariamente, Chrysler aveva pianificato di costruire una serie di 25 vetture per mostrare i vari showroom. Tuttavia, con Exner che spingeva Chrysler a dare vita a molti dei suoi concetti, questo non ha dato i suoi frutti. Le curve D’Elegance, però, vivono in un’altra forma, la Volkswagen Carman-Jia.. Con la benedizione di Chrysler, Ghia ridimensionò e rielaborò il design di base per creare il prodotto VW. Chrysler non aveva riserve poiché la sua traiettoria progettuale era già cambiata quando Ghia le si avvicinò.

8 1954 Hudson Italia

1954 Hudson Italia
Via: Hyman LTD.

Dopo il grande successo mediatico di Chrysler con la sua serie di produzione limitata e il concept coupé, Hudson Motor Car Ltd. è stata influenzata dalla creazione del suo concept coupé sotto forma di Hudson Italy. L’Italia doveva essere una dichiarazione ai produttori più famosi che Hudson aveva un posto sul tavolo nell’era del jet. Il design finale dell’architetto di interni Frank Spring presentava il design dell’era del jet, una distintiva “V” rovesciata nella parte anteriore che mostrava in modo prominente il badge Hudson triangolare e un interno con sedili avvolgenti fiancheggiano il guidatore. Dopo aver adattato il design per utilizzare la piattaforma Hudson Jet esistente, Fu stipulato un accordo con la Carrozzeria Touring per avviare la produzione di 50 vetture con la possibilità di produrne di più se i concessionari avessero visto l’ordine.

Hudson Italy inteior
Via: Barrett Jackson

Subito dopo l’inizio della produzione e l’auto era disponibile per l’ordine tramite i concessionari Hudson, i concessionari hanno mostrato la desolante realtà della domanda. Solo 18 ordini sono stati consegnati durante i primi mesi di produzione. L’interesse diminuì quando i consumatori si resero conto che l’auto usava un manuale a sei marce a testa piatta Hudsons datato e un tenace manuale a tre velocità. Inoltre, nonostante il suo prezzo di quasi $ 5.000, Hudson stava perdendo soldi su ogni auto costruita nel momento in cui raggiunse i concessionari. Hudson ha rapidamente staccato la spina con solo 26 veicoli completati quando Hudson si è fusa con Nash per creare AMC. Nonostante la sua produzione limitata, molti dei suoi progetti continuarono a influenzare le vetture ad alte prestazioni successive.

Correlati: queste sono le muscle car in edizione limitata più rare di sempre

7 1956 Chrysler Norseman

1956 Chrysler Norseman
Via: Stilantis

Proprio come Chrysler entrò nella rinascita dell’era “Forward Look”. La Chrysler Norseman è stata completata a Ghia, in Italia. La show car progettata da Exner è costruita per mostrare tutte le capacità ingegneristiche di Chryslers. L’esclusivo tetto a sbalzo non ha montanti A o B. Solo acri di vetro senza cornice incontrano il parabrezza senza cornice. Rinforzi avanzati nella parte posteriore che fissavano il tetto al resto del corpo avrebbero consentito all’auto di viaggiare senza piegare la carrozzeria, poiché il veicolo al termine era un veicolo di guida completamente funzionante destinato a seguire il circuito di progettazione. Cinture di sicurezza retrattili, funzionamento elettrico i chiavistelli delle porte e un tettuccio scorrevole in vetro erano tra le molte caratteristiche avanzate delle auto.

Chrysler Norseman è in costruzione
Tramite: Roundsixpod.com

Chrysler non voleva che la stampa vedesse l’auto prima che fosse ufficialmente svelata e tenne nascosto l’intero progetto, consentendo di trasportare solo poche foto dall’Italia agli uffici di Detroit della società prima della spedizione. Dopo il completamento nel luglio 1956, l’auto fu caricata e caricata sulla SS Andrea Doria, che dovrebbe arrivare in tempo per il ciclo di esposizione del 1957. Sfortunatamente, il 25 luglio 1956, Andrea Doria entrò in collisione con MS Stockholm, uccidendo 51 passeggeri, e la Chrysler Norseman scese dalla nave. Oggi, i resti dello sfortunato Norman si trovano da qualche parte nel profondo del relitto sul fondo dell’Oceano Atlantico settentrionale.

6 1956 Dual-Ghia

1956 Dual-Ghia
Via: asta Mecum

Il gioco Dual-Ghia di breve durata si è evoluto dalla delicata Dual-Motors Corporation di Detroit. Pur ottenendo successo nella costruzione di carrozzerie personalizzate per il settore dei servizi, il presidente e proprietario Eugene Kasarul ha deciso di fare un breve tour del mercato delle auto di lusso. Lavorando con il designer Ghia Luigi Segre e tracciando spunti di design dalle concept car Exner Ghia, Dual Ghia è diventata una realtà. L’acquisto di Dual-Ghia è stato unico; Dual-Motors ha cercato potenziali acquirenti popolari e li ha contattati direttamente per offrire loro l’opportunità di acquistarne uno. La stampa può vedere nomi come Frank Sinatra, Dean Martin e persino Daisy Arnaz al volante di questa fantastica decappottabile.

Doppio Ghia posteriore
Via: Carscoops

Anche a un prezzo consigliato di oltre $ 7.500, i margini di profitto erano deboli su Dual-Ghia. Dual Motors ha acquistato il telaio Dodge Passenger equipaggiato con il gruppo propulsore e il cablaggio e lo ha spedito a Torino dove Ghia avrebbe adattato la carrozzeria. I dipendenti hanno eseguito l’installazione finale e il completamento presso le strutture Dual-Motors a Detroit. Dopo poco più di un anno di produzione, il progetto non è stato attuabile ed è stato interrotto con 117 vetture vendute.

5 1956 segno Packard

1956 Packard Predictor Concept
Via: Old Cars Weekly

Nel 1956, l’era degli aerei era in pieno svolgimento e ogni produttore costruiva modellini di auto che uscivano direttamente da questo mondo. Packard Predictor non faceva eccezione, con i fari a scomparsa, un’alta griglia pensata per evocare le idee Packard prebelliche e una serra incredibilmente complessa. Predictor ha attirato grandi folle di fan ed è stato ben accolto dai media. Progettata dal leggendario Dick Teague e scolpita da Ghia, l’auto è progettata per mostrare dove Packard intende andare come marchio.

Aspettatevi Packard
Via: Studebaker Drivers Club

Sfortunatamente, la situazione finanziaria di Studebaker-Packard si trasformò rapidamente in blues e il pacchetto Packard a grandezza naturale completamente nuovo non raggiunse mai la produzione. Oggi il Packard Predictor si trova a ricordare ciò che sarebbe stato nel National Studebaker Museum di South Bend, nell’Indiana.

Relazionato: Grand Finals: The Ultimate Cars Prodotte da 10 Dead Companies

4 Turbina Chrysler del 1963

Turbina Chrysler
Tramite nydailynews.com

Mentre altre case automobilistiche sono state impegnate ad affrontare l’era degli aerei in termini di estetica, Chrysler ha inteso affrontarla anche meccanicamente. Al culmine dell’era del jet, Chrysler iniziò la produzione limitata della Chrysler turbocompressa. Quando il turbocompressore debuttò, rappresentò l’apice dell’era degli aerei a reazione, poiché veniva arrotolato per spremere la puleggia della turbina e impostare il minimo a 22.000 giri / min.

Foto generali

Con il telaio progettato da Elwood Engel e la carrozzeria di Ghia, lo stile esterno effettivo era più silenzioso del previsto a causa della strana trasmissione. Chrysler voleva che l’auto condividesse l’identità del marchio con la sua formazione attuale e mostrasse qualcosa che Chrysler stava considerando di produrre per il mercato di massa. Sono stati costruiti un totale di 55 modelli, 50 modelli sono stati prestati ai consumatori su base mensile per ottenere dati di guida reali. Tuttavia, le voci di severe leggi sulle emissioni hanno presto posto fine al progetto, lasciando la turbina Chrysler come una nota a piè di pagina notevole nella storia automobilistica.

3 1972 AMC Hornet Gucci Sportabout

Guccci AMC versione pubblicitaria
Via: Curbside Classic

Mentre altri produttori hanno contrattato i corpi dei produttori italiani, AMC ha fatto qualcosa di completamente diverso nel 1972 con l’uscita del Gucci Sportabout. The Italian Design House ha creato un interno personalizzato per questa collezione limitata di auto. Il badge Gucci sui paraurti indica che hai scelto i pregiati materiali italiani all’interno.

Edizione Gucci amc
Via: Curbside Classic

L’insolita campagna ebbe meno successo poiché l’acquirente medio di AMC non aveva idea di come fosse Gucci nel 1972. Con un successo limitato, l’opzione fu rapidamente interrotta per il 1973.

2 1979 Cadillac Siviglia Edizione Gucci

Gucci Cadillac Devil
Via: Carscoops

I materiali Gucci splendidamente incisi sono entrati di nuovo nel mercato automobilistico statunitense nel 1979. Questa volta nella più conveniente Cadillac Seville. Il pacchetto di opzioni aveva più senso nelle auto di lusso destinate ad acquirenti facoltosi che potrebbero già avere conoscenza del marchio. Gli acquirenti hanno ricevuto ulteriori finiture Gucci all’esterno e poggiatesta, pannelli delle porte e braccioli in rilievo Gucci.

Interni Cadillac Siviglia Gucci
Via: Classicdriver

Nonostante il forte interesse dei media, il successo è stato limitato. Il Il pacchetto costa $ 7.000, che è un prezzo elevato rispetto a una Siviglia già costosa. Pochi acquirenti hanno scelto l’opzione ed è stata rapidamente eliminata.

1 1987 Cadillac Alante

Cadillac Alante
Via: pedigreemotorcars

Cadillac ha visto la sua posizione nel mercato delle auto di lusso iniziare a diminuire negli anni ’80. Per rimanere rilevante e competere con le offerte di Jaguar e Mercedes, il marchio si è seduto per creare un roadster di lusso personale. GM è arrivata a Pininfarina per la penna e la produzione di Allante. Le carrozzerie verranno costruite in Italia e poi spedite a GM per il completamento presso le proprie strutture di origine. Nonostante il prezzo base elevato di $ 55.000, l’Allante godette di un buon successo di vendita iniziale.

Dall’altra parte: Jashul Garage

Con il passaggio dell’Allante negli anni ’90, divenne disponibile il più potente Northstar V-8. Dopo sei anni di produzione, il progetto si è concluso nel 1993 con 21.430 vetture vendute. Buon numero ma non l’enorme successo che GM aveva sperato. Con problemi di affidabilità del motore e caratteristiche simili a quelle di un’auto sportiva, Allante non è riuscito a colpire la racchetta con la Serie SL e XJS. Tuttavia, ha fatto un pezzo interessante della storia di GM.

Avanti: Le 10 migliori auto italiane mai prodotte, classificate


successivo
10 motociclette da crociera che nessuno compra (ma dovrebbero)


Circa l’autore

READ  Euro 2020: l'Italia ha portato la felicità alla nazione per disperazione
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Pakistan offre aiuti all’India in mezzo all’epidemia di coronavirus, il ministro degli esteri afferma che “crediamo prima nell’umanità”
Next Post Sfondare il codice astrofisico lavora sulla modellazione rapida delle collisioni stellari