BuzzNews > Tecnologia > Web & Social Media > WhatsApp: dopo Telegram, ecco la condivisione live della posizione

WhatsApp: dopo Telegram, ecco la condivisione live della posizione

Telegram accelera su WhatsApp

WhatsApp è l’applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata al mondo. Lo sappiamo. è così, lo è sempre più considerando il costante aumento degli utenti, e con ogni probabilità l’applicazione di proprietà Facebook resterà in posizione avanzata rispetto ai competitor per parecchio tempo. Non sempre però ciò che è fatto da un grande numero di persone è la cosa migliore, e in questo caso, nemmeno l’app più utilizzata è direttamente la migliore. Sono in molti, per esempio, a sostenere la superiorità di Telegram, e sotto diversi punti di vista, anche io.

Il perché in poche parole? Semplice, Telegram è molto più costante nella distribuzione di nuove funzionalità, e funzionalità anche utili, non concepite nel solo nome della novità. Esempio, la possibilità di eliminare messaggi definitivamente, quella di modificare i messaggi e, ultima, la possibilità di condividere in tempo reale la propria posizione, introdotta su Telegram qualche settimana fa e di cui, poche ore fa, è stato annunciato l’arrivo anche su WhatsApp. Ci sono poi molte altre cose che, oggettivamente (ciò non significa che io non utilizzi WhatsApp, anzi, ma per ovvie ragioni di utenza), mi fanno preferire Telegram: per esempio i canali, o gli adesivi.

Condivisione della posizione live e possibile utilizzo

Come accennato, quindi, da oggi anche su WhatsApp (sia per Android che per iOS) è possibile condividere la propria posizione in tempo reale. La funzionalità, come si legge sul blog ufficiale WhatsApp, è attualmente in fase di distribuzione a livello globale. La feature è pensata per rispondere a differenti esigenze: che si voglia condividere la posizione con amici o familiari in occasione di un appuntamento, o far sapere ai propri cari che si è al sicuro nel caso di pericolo.

La condivisione della posizione su WhatsApp è protetta – come i messaggi inviati tramite la chat – da crittografia end-to-end, e consente di scegliere le persone con cui condividere la propria posizione, così come il tempo per cui rendere accessibile la propria localizzazione in tempo reale a queste stesse persone. È possibile, inoltre, scegliere in qualsiasi momento di interrompere la condivisione, e la posizione sarà immediatamente inaccessibile agli altri utenti.

whatsapp

Fonte immagine: arivera https://pixabay.com/it/users/arivera-882660/

L’utilizzo della live location è molto semplice. Per accedervi è sufficiente aprire una chat e, nel menù relativo agli allegati, premendo su “Location” si troverà l’accesso alla nuova funzionalità “Share Live Location”. In seguito sarà necessario decidere ed impostare l’intervallo di tempo per il quale si desidera che la propria posizione in tempo reale rimanga visibile. Sarà inoltre possibile, qualora più persone all’interno di un gruppo condividano la propria posizione, vedere dove ciascuno degli utenti sarà posizionato.

Non sembra, ma WhatsApp rischia

Qualcuno – con piena cognizione di causa – potrebbe dire che non sarà per qualche giorno di ritardo nella distribuzione di una nuova funzionalità che la leadership di WhatsApp nel mondo delle app di messaggistica possa essere considerata in pericolo. Vero, ma da tempo ormai questa è una situazione ricorrente, per cui nuove ed interessanti funzionalità migliori arrivano prima su Telegram e (a volte nemmeno) solo poi su WhatsApp.

Gli utenti sono sempre più esigenti e lo sono su alcune feature in particolare, che desiderano avere su WhatsApp ma delle quali non c’è alcuna traccia: la possibilità di annullare l’invio dei messaggi per esempio, che potrebbe essere tranquillamente tradotta nella possibilità di eliminarli prima che siano stati letti dal destinatario, cosa già esistente, guarda caso, su Telegram. Per non parlare, poi, della possibilità di modificare i messaggi. Per quanto tempo le persone continueranno a preferire un servizio oggettivamente inferiore solo perché utilizzato da più persone?

Pubblicato il
4 settimane ago
Categorie
Web & Social Media
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *