La vita di cinque amici, tossicodipendenti per scelta, nella periferia di Edimburgo. Il capolavoro di Danny Boyle, dal romanzo di Irvin Welsh: Trainspotting stasera su Iris.

Trainspotting: la trama

Siamo a Edimburgo, il prologo di Trainspotting stasera su Iris mostra Mark Renton (Ewan McGregor) fuggire con il suo amico Daniel “Spud” Murphy (Ewen Bremner) inseguiti da due addetti alla sicurezza dopo un furto in un negozio.

Trainspotting-stasera-su-Iris

credit: filmforlife.org

La voce fuori campo di Renton descrive la sua filosofia di vita: ha scelto l’eroina per non avere nessun altro problema. Renton e Spud vivono con altri tre amici: Simon “Sick Boy” Williamson (Jonny Lee Miller), Tommy MacKenzie (Kevin McKidd), e Francis Begbie (Robert Carlyle). In Trainspotting stasera su Iris, tutti i protagonisti vivono di espedienti e hanno qualche dipendenza. Nelle vite dei cinque amici c’è spazio anche per tre ragazze: Lizzy la fidanzata di Tommy, Gail (Shirley Henderson) fidanzata con Spud e Allison con la sua bambina di un anno ma senza alcun legame. Il film stasera su Iris scorre tra tentativi di disintossicarsi, sussidi di disoccupazione, momenti drammatici e scene raccapriccianti.

Trainspotting stasera su Iris: un pugno allo stomaco

Presentato al Festival di Cannes fuori concorso nel 1996, Trainspotting stasera su Iris è un pugno allo stomaco. Danny Boyle dirige un film scomodo e racconta un tema drammatico come quello della droga, in modo ironico e surreale, senza condannarla. Per questo, il film stasera su Iris ha raccolto tanti consensi ma anche tante critiche, sopratutto per alcune scene. Trainspotting non passa certo inosservato e anche se serve un po’ di “stomaco”, va assolutamente visto.

Trainspotting stasera su Iris: 8 curiosità sul film

Trainspotting-stasera-su-Iris

credit: nextquotidiano.it

1. La dieta di Ewan

Per interpretare Renton, Ewan McGregor si è sottoposto a una dieta che consisteva nel non bere alcolici e non mangiare latticini. Per McGregor sono bastati solo due mesi per raggiungere il peso chiesto dal regista Danny Boyle.

2. Tempi stretti

Considerando lo scarso budget a disposizione, (1,5 milioni di sterline) il regista Danny Boyle ha imposto alla troupe tempi molto stretti ed è riuscito a girare Trainspotting stasera su Iris in sette settimane e mezzo. Il film ha incassato in totale 48 milioni di sterline.

3. Le strane consulenze

Per rendere credibili le scene in cui i protagonisti si drogano, il regista ha voluto che gli attori parlassero con ex eroinomani per imparare la tecnica e la postura. Per le scene in cui Renton si inietta eroina è stata utilizzata una protesi con vene e sacche di sangue.

4. I riferimenti ai film

Molti i riferimenti a film del passato in Trainspotting: le scritte che compaiono sui muri del locale Volcano Nightclub sono le stesse visibili nel Moloko Bar del film Arancia Meccanica. Nello stesso locale si vedono posters di Robert De Niro e Jodie Foster dal film Taxi Driver.

5. Le location

Trainspotting è ambientato a Edimburgo, ma tutte le scene sono state girate a Glasgow, tranne la prima in cui Renton e Spud scappano, girata a Edimburgo e l’ultima girata invece a Londra.

6. I richiami ai Beatles

Sono moltissimi nel film stasera su Iris i riferimenti ai Beatles, tra i più riconoscibili citiamo quello in cui i protagonisti attraversano Craven Road nel quartiere di Bayswater a Londra: un chiaro riferimento alla copertina del disco dei Beatles “Abbey Road”.

7. L’autore del romanzo

Irvin Welsh, l’autore dell’omonimo romanzo da cui è tratto il film stasera su Iris, appare in una scena, dopo aver a lungo supplicato il regista. Interpreta Mikey Forrester, lo spacciatore che all’inizio del film vende le supposte di oppio a Renton.

8. La colonna sonora

Molti gli artisti che compongono la colonna sonora di Trainspotting stasera su Iris, tra cui Lou Reed, Blur e Brian Eno. I pezzi più famosi sono senza dubbio Lust For Life di Iggy Pop per la scena iniziale e Born Slippy degli Underworld per la scena finale.

Author
Published
2 anni ago
Categories
IntrattenimentoNews
Fabio Banzato

fabio-banzatoFabio Banzato: classe 1962, da sempre innamorato di musica e della radio, conduce il suo primo programma a Radio Cooperativa Legnano nel 1983. Nel 1990 passa a Radio Reporter come tecnico di bassa frequenza. Qui conduce notiziari e interviste e nel 2003 diventa giornalista pubblicista. Nel 2006 il passaggio a Radio Number One come tecnico, giornalista e fonico di regia. Dal 2000 al 2013 si occupa di Radio Eurospin, radio in-store della catena di discount alimentari. Dal 2013 collabora con Parlarealmicrofono.it, sito dedicato ai professionisti della comunicazione in pubblico e radiotelevisiva. Negli ultimi anni si è dedicato con passione al mondo web e al social marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *