BuzzNews > Intrattenimento > Musica > Tanti auguri Jon Bon Jovi!

Tanti auguri Jon Bon Jovi!

Oggi, Jon Bon Jovi  frontman dei Bon Jovi e attore, compie 55 anni. Per celebrare il suo compleanno abbiamo ripercorso la sua carriera, senza dimenticare i brani più celebri della sua band

John Francis Bongiovi Jr., notoriamente conosciuto come Jon Bon Jovi, è nato nel New Jersey in una famiglia di classe media, ma fin da giovanissimo sapeva già di voler diventare una rockstar. Invece di dedicarsi agli studi infatti si impegnò fin da subito a suonare e produrre la sua musica, militando in alcune band locali e registrando demo nello studio di registrazione del cugino. Ben preso una stazione radio del New Jersey di accorse di lui facendogli firmare un contratto. Oltre alla carriera musicale, ha intrapreso anche la carriera cinematografica, iniziando con dei piccoli cammei per poi ottenere ruoli principali in film come The Leading Role e Moonlight & Valentino. Jon Bon Jovi si è avventurato anche nel mondo degli affari, aprendo la sua etichetta discografica (la Jambco Records), e comprando la squadra di calcio dei Philadelphia Soul. Inoltre è socialmente attivo ed è il fondatore della fondazione benefica The Jon Bon Jovi Soul Foundation; motivo per il quale l’ex presidente Obama lo nominò membro del White House Council For Community Solution, una commissione a sostegno del volontariato sociale.

Jon Bon Jovi e i Bon Jovi: dagli inizi al successo mondiale

bon jovi jon bon jovi

Jon Bon Jovi è nato a Perth Amboy, in New Jersey da John Francis Bongiovi e Carol, un parrucchiere siciliano e una ex coniglietta di Playboy il 2 marzo del 1962. Mentre spazzava i pavimenti alla Power Station, Jovi ebbe l’opportunità di registrare le sue demo nello studio di registrazione del cugino. Una di queste, Runaway, attirò l’attenzione di una radio locale che dopo la vittoria di un concorso, lo portò alla firma del suo primo contratto con la  Mercury/Polygram nel 1983.

Ben presto, bisognoso di una band, Jon mise insieme i Bon Jovi formati da David Bryan alla tastiera, Alec John Such al basso, Richie Sambora alla chitarra e Tico Torres alla batteria. Il loro primo album Bon Jovi, fu pubblicato nel 1984 mentre l’anno successivo arrivò anche 7800 Fahrenheit. L’album fu un successo, ma Jon pensava che la band non stesse ancora ottenendo il successo che meritavano.

Il successo fu definitivo soltanto nel 1986 con il loro terzo album Slippery When Wet per il quale assoldarono il songwriter Desmond Child per lavorare sui testi. Nel 1987 Jon collaborò insieme a Richie Sambora e Desmond Child all’omonimo album della cantante Cher, producendo molti brani e scrivendo per lei il brano We All Sleep Alone dove prestò la voce nei cori. Tornò a collaborare con lei anche l’anno successivo, co-producendo l’album Heart of Stone.

Nel 1988 fece la sua prima apparizione nel film The Return of Bruno, con il quale iniziò la sua carriera nel cinema che affiancò sempre alla sua carriera di cantante.

Il quarto album New Jersey pubblicato nel 1988, venne immediatamente seguito da un estenuante tour mondiale di 18 mesi, che terminò nel 1990 e cominciò a minare il loro legame iniziale.

Dopo una pausa di un paio di anni, durante il quale Jon pubblicò il suo primo album solista, la band tornò con l’album Keep The Faith nel 1992, ma non ebbe il successo commerciale dei loro precedenti lavori.

Nel 1994 la band pubblicò il loro primo Greatest Hits Crossroad, che oltre ai loro vecchi successi conteneva due inediti: Always e Someday I’ll Be Saturday Night che li fece tornare sulla cresta dell’onda, soprattutto in Europa e nel Regno Unito. Il sesto album , These Days, venne pubblicato nel giugno dello stesso anno e fu il primo  dopo l’abbandono del bassista Alec John Such.

Dopo alcuni anni in cui si fece un nome nel mondo del cinema recitando accanto ad attrici del calibro di Gwyneth Paltrow e Kathleen Turner, la band tornò nel 2000 con il loro settimo album: Crush. Il singolo apripista It’s My Life, diventò immediatamente un enorme successo e fu anche nominata ai Grammy di quell’anno, anche se poi perse in favore di Beautiful Day degli U2.

Dal 2002 al 2009, i Bon Jovi non si fermarono un attimo pubblicando album come Bounce, Have A Nice Day, Lost Highway e The Circle.

Dopo un’altra pausa per lasciare spazio ai loro progetti solisti, nel 2013 fu il turno di What About Now il loro dodicesimo album, che ottenne il disco d’oro nel Regno Unito e vendette quasi 1 milione di copie in tutto il mondo.

Nel 2014 Richie Sambora dopo alcune divergente con gli altri membri del gruppo, decide di lasciare la band.

Nel 2015 esce Burning Bridges che include tra vari outtakes e rarità anche tracce inedite.Il loro ultimo lavoro, This House Is Not For Sale è stato pubblicato nell’ottobre del 2016.

Bon Jovi: le dieci canzoni più celebri

Runaway (1983)

Wanted dead or alive (1986)

Livin on a prayer (1986)

You Give Love a Bad Name (1986)

Bad Medicine (1988)

Born To Be My Baby (1988)

Bed Of Roses (1992)

Keep The Faith (1992)

Always (1994)

It’s My Life (2000)

Autore
Pubblicato il
7 mesi ago
Categorie
Musica
Donata Bellan

Donata- l’età non si dice. Peter Pan al femminile. Laureata in scienze dei beni culturali prima e in visual cultures e pratiche curatoriali poi. Scrivo cose, faccio dolci, vado a concerti (troppi) e penso che i sabato sera più belli siano quelli passati con un buon vinile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *