Cos’è lo stato su WhatsApp?

Molti di voi avranno notato che nelle ultime ore in rete si è parlato tanto di WhatsApp, storie WhatsApp, stato WhatsApp, e altri termini correlati. Il tutto è dovuto al recente aggiornamento dell’applicazione di messaggistica che ha visto un forte cambiamento nel funzionamento dello stato di WhatsApp. Verosimilmente però qualcuno di voi potrebbe non aver mai sentito parlare di “stato” su WhatsApp, perciò vediamo di cosa si tratta per poi analizzare il suo funzionamento dopo l’aggiornamento di poche ore fa.

Lo stato su WhatsApp è una funzionalità di aggiornamento testuale che consente appunto di aggiornare la propria situazione (sono in riunione, sto dormendo, sono a lavoro, in palestra, al cinema, ecc.); lo stato è presente sin dalla prima prima versione dell’applicazione (febbraio 2009), come si legge sul blog ufficiale WhatsApp, un’app molto scarna che aveva lo scopo di permettere ad un utente di comunicare ai suoi contatti ciò che stava facendo. Lo stato WhatsApp è rimasto anche con l’introduzione della messaggistica, e così negli anni, perdendo costantemente importanza, al punto che probabilmente, come già accennato, qualcuno di voi potrebbe non averlo nemmeno mai modificato. Io stesso, in tutta sincerità, l’ho aggiornato pochissime volte da quando ho WhatsApp.

Perché storie WhatsApp, più che stato su WhatsApp

Come accennato in apertura di post però, lo stato WhatsApp è stato profondamente modificato con il recente aggiornamento che, concretamente, ha introdotto le storie sull’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo. Anziché essere testuale, ora il proprio stato si aggiorna con una foto o un video, e va a descrivere quella che è la propria giornata per immagini, una tipologia di contenuto sicuramente più immediata e invitante rispetto al testo, sia per il creatore del contenuto che per chi lo osserva. Cosa però più importante di tutte, ogni aggiornamento di stato su WhatsApp è a tempo, e si autodistrugge dopo 24 ore.

Cerchiamo però di capire come aggiornare ora, dopo l’aggiornamento, il proprio stato su WhatsApp. I passaggi che sto per descrivere sono basati su WhatsApp per iPhone, ma anche per Android la procedura non dovrebbe essere troppo differente. Aprendo l’applicazione aggiornata, vedrete che in basso a sinistra è stata aggiunta una nuova apposita sezione, Stato. Cliccando su questa vedrete aprirsi una schermata contenente tutti gli aggiornamenti di stato (dal più al meno recente) dei vostri contatti. Cliccando su uno di questi, vedrete l’immagine o il video creato dal contatto stesso. Per creare invece il vostro aggiornamento di stato su WhatsApp, dovrete cliccare in alto, nella schermata, sulla voce “Il mio stato”. A questo punto si aprirà la fotocamera di WhatsApp, e sarete in grado di creare il vostro aggiornamento, che potrebbe essere una foto con una scritta che descrive ciò che state facendo, per esempio. Una volta creato un contenuto che ritenete soddisfacente, non dovete fare altro che premere sulla freccia in basso a sinistra per pubblicare.

stato su whatsapp

Fonte immagine: screenshot personale

Chi vede il mio stato WhatsApp

Legittimamente, potreste chiedervi chi è che può vedere il vostro stato WhatsApp. Potete avere la risposta, e modificare eventualmente l’opzione utilizzata, direttamente dalla schermata dello stato, la stessa (a cui si accede con l’icona in basso a sinistra) dove poco fa avete visto che potete aggiornare il vostro stato. Qui, nell’angolo in alto a sinistra, vedrete la voce “Privacy”, e cliccandoci potete vedere chi può a sua volta visualizzare i vostri aggiornamenti. Di default, l’impostazione prevede che tutti i vostri contatti possano vedere il vostro stato su WhatsApp, ma potete scegliere di mostrarlo a tutti escludendo qualcuno, oppure solo a determinati contatti selezionati da voi.

Avete pensato che il nuovo stato su WhatsApp è arrivato proprio pochi giorni dopo l’introduzione delle Storie su Facebook? Che ne pensate di questa espansione dei contenuti temporanei? Ditecelo con un commento!

Published
1 mese ago
Categories
Applicazioni
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it, Leonardo.it e ByTecno.it News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *