BuzzNews > Lifestyle > Sfilate 2017: le 6 sfilate più belle dell’anno che sta finendo

Sfilate 2017: le 6 sfilate più belle dell’anno che sta finendo

Quali sono le sfilate 2017 più belle a cui si è assistito?

Anche il 2017 sta finendo e proviamo a vedere quali sono state le sfilate 2017 più belle. Qual è la più spettacolare come scenografia? E chi ha mandato in scena gli abiti da sera più belli? Le proposte per il giorno migliori? Ecc…Insomma, chi ha fatto la differenza visiva quest’anno?

sfilate 2017

foto Instagram @prada

La proposte delle sfilate 2017 sono quelle per la prossima bella stagione, perché il fashion va di 6 mesi in 6 mesi, o almeno così dovrebbe essere, anche se alcuni fra i grandi nomi hanno scelto diversamente, optando per la soluzione “see now buy now“, avvicinando il lusso al low-cost.

E il low cost, invece, si è distinto per show inseriti nelle canoniche settimane della moda.

Chi viene e chi va, quest’anno ne sono successe di tutti i colori. 12 mesi pieni di novità, di show, di vestiti.

Sfilate 2017: il best of

Sfilate 2017: Tom Ford – miglior show

Elegantissimo, essenziale, senza troppi barocchismi. La femminilità di Tom Ford è tornata in una New York Fashion Week deserta, con i grandi nomi che sono fuggiti, espatriando o disertando la capitale della moda USA.

Di ritorno da Nocturnal Animals, Tom Ford ci mostra uno show bellissimo, il massimo dell’eleganza, com’è nel suo DNA. Lo show migliore, moda allo stato puro, oltre il lusso. Tom Ford torna e colpisce nel cuore.

Sfilate 2017: Chanel – miglior scenografia

Indubbiamente, anche quest’anno la scenografia migliore è di Karl Lagerfeld per Chanel. Ma siccome è difficile dire quale sia la migliore, allora ci affidiamo al lancio della monetina che non delude nessuno: la miglior scenografia è, manco a dirlo, quella per la sfilata Haute Couture Fall 2017. Guardare per credere.

Sfilate 2017: Burberry – miglior see now buy now

Proposta a settembre 2017, la collezione Burberry è una collezione Fall Winter 2017, una see now, buy now, già disponibile dopo la sfilata. Non solo: è una co-ed.

Insomma, negli ultimi momenti della sua carriera a Burberry prima dell’addio inaspettato, David Bailey, direttore creativo per 17 anni, esplora la working class inglese, e punta tutto sul tartan. Spille preziose e materiali pop come il PVC, il tartan tradizionale e gli anni ’80 e cappelli da baseball.

sfilate 2017

Burberry FW17

Sfilate 2017: Jean Paul Gaultier- miglior couture Spring Summer 2017

Nella settimana della Haute Couture parigina di gennaio, ha senz’altro vinto la sfilata di Jean Paul Gaultier per la Spring Summer Couture 2017. Papaveri, spighe, una celebrazione all’anima bucolica che alberga in ognuno di noi, con tocchi eccentrici, asimmetrie e quel tocco anni ’80 che è tanto caro a JPG.

sfilate 2017

Jean Paul Gaultier HC SS17

Sfilate 2017: Ulyana Sergeenko – miglior couture Fall Winter 2017

Le dark ladies degli anni ’40, Greta e Marlene, pellicce e cappotti dall’idea maschile, spille che sono pistole da appuntare sul rever invece di tenerle nella borsetta come nei migliori film noir. Ulyana Sergeenko, dopo una Spring Summer dedicata alle illustrazioni delle fiabe russe, a luglio incanta Parigi con la collezione Fall 2017, sofisticata e senza troppi fronzoli inutili. Couture per signore che possono.

sfilate 2017

Ulyana Sergeenko HC FW17

Sfilate 2017: Gucci – miglior co-ed show

Ormai una formula che sta prendendo piede e che rischierà di far sparire la settimana della moda uomo,la soluzione co-ed, ovvero far sfilare proposte uomo e donna insieme, nella stessa settimana della moda, con una collezione unica, è una formula che Gucci adotta da un po’. Alessandro Michele, con la sua Spring Summer 2018 che ha sfilato a settembre a Milano, ha messo il punto sulla sua idea di moda: il nuovo Gucci non segue le mode e i trend, è un mondo a sé.

E funziona, nella sua opulenza kitsch.

Pubblicato il
4 mesi ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *