Samsung Galaxy S8: il più atteso del momento

Con ogni probabilità, se avete un minimo di interesse per gli smartphone, avrete almeno una volta sentito parlare di Samsung e dei suoi dispositivi di punta, la serie Galaxy S, attualmente rappresentata da Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge. Il successore di tale dispositivo top di gamma sarà, con ogni probabilità, Samsung Galaxy S8, ma sarà ancora necessario attendere prima di conoscerlo ufficialmente.

Era atteso per fine febbraio, qualche settimana fa, in occasione di Mobile World Congress 2017 (MWC 2017) a Barcellona, ma non è stato introdotto in tale occasione. La ragione è da cercare in un precedente smartphone Samsung, il Galaxy Note 7 che, nella parte finale della scorsa estate, è stato introdotto ma poi ritirato dal commercio per problemi alla batteria che portavano lo stesso device a surriscaldarsi sino a esplodere. Ecco, pare che il “ritardo” di Galaxy S8 sia dovuto alla volontà di non commettere lo stesso errore due volte, di avere certezze in merito alla sicurezza del proprio smartphone di punta prima di commercializzarlo. Porre rimedio all’errore assicurandosi che non si ripeta.

Samsung Galaxy S8 VS iPhone 8: inseguimento continuo reciproco

Apple e Samsung si fanno la guerra (a suon di smartphone e nuove tecnologie) da anni, cercando ogni anno di prendere il meglio del concorrente, e cercare – spesso riuscendoci – di migliorarlo ancora. Quest’anno sembra, basandosi sui rumors, che sia Apple destinata a copiare Samsung piuttosto che il contrario (QUI come sarà iPhone 8), copiando caratteristiche e scelte nel design come lo schermo curvo su entrambi i lati, almeno su una versione del nuovo iPhone. Attenzione però, perché la replica delle migliori caratteristiche concorrenti potrebbe essere reciproca, a dire il vero sarebbe strano se non lo fosse.

samsung galaxy s8

Fonte immagine: Răzvan Băltărețu https://www.flickr.com/photos/91265124@N03/

Galaxy S8 e il tasto home “3D Touch”

Ricorderete probabilmente che Apple, con iPhone 6s, nella seconda parte del 2015, abbia introdotto la tecnologia 3D Touch. Si tratta della sensibilità alla pressione sullo schermo, una novità che può sembrare minima ma che, se utilizzata a dovere, può far risparmiare diversi passaggi e rendere l’utilizzo del proprio smartphone molto più rapido. Si trattava di una tecnologia presentata in realtà a fine 2014 su Apple Watch, poi portata su MacBook nella prima parte del 2015 (integrata nel trackpad), e solo in seguito su iPhone, dove ha preso il già citato nome 3D Touch.

Ebbene, la funzionalità potrebbe essere disponibile anche sul nuovo top gamma Samsung Galaxy S8, dove ovviamente il nome sarà differente, ma sembra trattarsi della stessa cosa. Secondo quanto riportato da Phone Arena nelle ultime ore, il nuovo smartphone dovrebbe presentare la tecnologia, ma solo nel tasto home. In questa sezione del display, con il suo utilizzo, dovrebbe consentire all’utente l’accesso ad una serie di nuovi e rapidi menù a comparsa che, come già accennato, renderebbero le operazioni quotidiane molto rapide e varie a seconda della pressione esercitata sul display con il proprio dito.

Solo un assaggio

Come apprendiamo dalla fonte, l’integrazione all’interno di Galaxy S8 dovrebbe essere solo un assaggio della nuova tecnologia Samsung per i clienti. Il “3D Touch”, anche se questo non sarà il suo nome ufficiale, dovrebbe infatti essere verosimilmente portato su tutto il display con l’introduzione di Galaxy Note 8, ipotizzata in programma per fine estate, come negli anni scorsi è già stato per i flagship della serie Galaxy Note.

Per quanto invece riguarda la presentazione di Samsung Galaxy S8, sembra che questa sia in programma per la fine del mese corrente, esattamente per il 29 marzo, data in cui Samsung terrà il suo evento Unpacked, già annunciato ufficialmente con un video teaser, riportato di seguito. Siete tra coloro che attendono con ansia il nuovo device? Ditecelo con un commento! 🙂


Pubblicato il
3 mesi ago
Categorie
Device
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *