Saldi estivi 2016: come si evitano le “truffe” durante i saldi?

Iniziano i saldi estivi 2016! Per alcune regioni cominciano oggi, in altre, manca poco per vedere comparire sulle vetrine i cartelloni con le percentuali degli sconti. Chi sconta al 20, chi al 40, chi al 50 e altri che si rovinano scontando al 70% la merce.

Le spese folli sono alle porte e, con loro, anche i possibili errori, le fregature e quelle che si possono chiaramente definire truffe.saldi estivi 2016 borse

Già, quante volte, nella foga degli sconti, ci siamo accaparrati taglie strane, abiti che nascondevano macchie, fili strani o addirittura buchi? A chi non è mai capitato di ritornare in negozio per restituire un capo difettoso e alla cassa la risposta è stata “la merce in saldo non si restituisce”? Ma come si fa a evitare tutto ciò?

Saldi estivi 2016: 6 consigli pratici per evitare fregature.

Ecco 6 semplici regole per evitare di ritrovarsi in braghe ti tela(strappate) durante i saldi estivi 2016.

Saldi estivi 2016 – andare in avanscoperta.

Prima che inizino i saldi, fate un giro nei negozi e controllate i cartellini dei capi, per capire, una volta applicati gli sconti, se i prezzi sono reali oppure c’è qualcosa che non quadra.

Saldi estivi 2016 – avere bene in mente cosa vogliamo acquistare.

Non andate allo sbaraglio: tenete a mente cosa volete comprare, cercate di farvi un’idea qualche giorno prima, o sui siti internet, per evitare di cadere nella rete dei venditori, che vi proporranno pezzi che non volete a prezzi stracciati e magari solo perché sono fondi di magazzino, magari con piccoli difetti, di cui liberarsi.saldi estivi 2016 borse

Saldi estivi 2016 – diffidare degli sconti superiori al 50%.

Less is more. Oltre il 50% di sconto, la merce può nascondere qualche fregatura: una macchia irrisolvibile, buchi o strappi, potrebbe addirittura non essere merce di fine collezione (la merce in saldo deve essere merce della collezione appena terminata), ma pezzi di anni addietro rimasti in magazzino.

Saldi estivi 2016 – provare sempre i capi.

Non è sempre possiile, per il negoziante non è obbligatorio, ma è bene provare i capi in saldo, per evitare di portare a casa cose che non utilizzeremo mai neanche tra un centinaio di anni.

Saldi estivi 2016 – controllare il cartellino.

Contrallete sempre scrupolosamente se il capo in saldo ha il cartellino con la percentuale dis conto, il prezzo scontato e il prezzo originale.

Saldi estivi 2016 – conservare lo scontrino.

Che la merce scontata non si possa restituire è una leggenda metropolitana inventata dai negozi per non riavere indietro roba di cui non se ne fanno nulla. Per legge, il commerciante è tenuto a cambiare la merce difettata e, qualora non fosse possibile (magari il capo è terminato), l’acquirente ha il diritto alla restituzione dei soldi, e non di un buono dello stesso valore come capita. Inoltre ricordate che per la restituzione, si hanno 2 mesi di tempo, e non una settimana.saldi estivi 2016 borse

Published
9 mesi ago
Categories
BuzzStyle
Tags
Maryo Della Corte

 

maryo della corte per buzznews.it…diplomato in Fashion Design, ha cominciato a scrivere quasi per scherzo, poi ha sentito la vocazione ed è diventato Web Editor.

Il suo lifestyle è un mix al gusto Long Island Ice Tea di mondanità e serate divano-film-Pinot Grigio. Una vita fatta di cose semplici, come le uscite per lo shopping infrasettimanale perché il sabato è una bolgia, l’amore per la lasagna di mamma e passare le giornate uggiose tra appassionate letture di magazine di moda e docu-film fashion.

Nel 2016 apre il suo blogzine, per condividere con tutti la sua opinione sul fashion e portare un altro punto di vista sulla vita da Blogger di moda…quello di un #FashionNerd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *