BuzzNews > Lifestyle > Parigi Alta Moda SS2018: dubbi e scandali Haute Couture

Parigi Alta Moda SS2018: dubbi e scandali Haute Couture

Parigi Alta Moda Spring Summer 2018: in passerella le proposte Couture per la bella stagione

Esclusiva, destinata a red carpet e pochi altri eletti, abiti da sogno che vorremmo nell’armadio: Parigi Alta Moda, o meglio, Paris Haute Couture, è un evento attesissimo dagli addetti ai lavori che ricevono l’invito alle sfilate e ai party, ma oggi è anche un evento social, con le dirette Instagram e gli show in streaming sui siti ufficiali.

A ridosso della sempre più noioso settimana della moda maschile, che a Parigi diventa un po’ un circo delle stranezze creative, arriva nella capitale della moda la kermesse scintillante di Parigi Alta Moda.

parigi alta moda ss18

Dior

Sfilano i nomi più importanti, quelli che si sono meritati un posto nell’Olimpo del Fashion, gli intramontabili Armani e Chanel, i giovani come Giambattista Valli, gli attesissimi Valentino e Jean Paul Gaultier.

Parigi Alta Moda è un evento speciale, che esce dai canoni dei trend del ready to wear e propone abiti che vedremo (magari rivisitati) sul red carpet dei prossimi Oscar o di altre premiazioni varie ed eventuali.

Il debutto e i dubbi di Givenchy a Parigi Alta Moda

Nell’era di Riccardo Tisci, la couture di Givenchy è andata poco a poco affievolendosi, tanto che il brand non sfilava durante la settimana della Haute Couture ma, dopo un periodo di presentazioni e look book, si era arrivati a vedere qualche abito come gran finale delle sfilate maschili.

Ora Riccardo non c’è più e lo scorso settembre abbiamo conosciuto la nuova creative director della maison francese: Clare Waight Keller.

Dopo l’esordio nel ready to wear maschile e femminile, ieri sera il debutto della collezione couture, che torna in calendario.

La Keller porta in passerella una collezione con 1/3 di abiti in nero, qualche proposta maschile un po’ androgina, picchi di colore e tanta attenzione alla sartorialità dell’abito.

Guardando bene la collezione, però, non si può fare a meno di indicare certe proposte che non ci sono del tutto nuove, chiamiamole…tisciniane.

Un modo di dire recita “nel dubbio, copia” ma nella moda diventa tutto “un omaggio”.

parigi alta moda ss18

Givenchy Haute Couture SS08 – Givenchy Haute Couture SS18

parigi alta moda ss18

Givenchy Haute Couture SS10 – Givenchy Haute Couture SS18

parigi alta moda ss18

Givenchy Haute Couture SS10 – Givenchy Haute Couture SS18

L’affaire Ulyana alla Parigi Alta Moda

Ulyana Sergeenko è uno di quei nomi che non si sa da dove spuntino, ma stanno in calendario ufficiale da anni e ricevono consensi.

Sostanzialmente è una ex blogger russa, ricca, madre di famiglia, che stufa della noia casalinga ha fondato il suo brand di moda, e propone Haute Couture e Demi Couture.

A questo giro, però, niente sfilata, solo una presentazione su invito.

È bastata una foto comparsa sulle Instagram Stories di Miroslava Duma, altra influencer/blogger/socialite russa e migliore amica di Ulyana, per far rivoltare i social addicted e i fashion benpensanti.

parigi alta moda ss18

dalla Instagram Story di Miroslava Duma, la dedica incriminata

La citazione di una canzone di Jay-Z e Kanye ha fatto crollare nel baratro la stilista, accusata di razzismo. Ma quante amiche si chiamano con appellativi offensivi, o in modi strani, è un peccato usare il titolo di una canzone su un invito per un’amica?

Tanto rumore per nulla, come ai tempi dello scandalo Dolce&Gabbana. Ulyana che si dice dispiaciuta, ora viene attaccata per un termine fuori posto, ma che è una mera citazione. Non si sta forse esagerando con il politically correct?

Parigi Alta Moda: le solite conferme

“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”. E per certi nomi, è proprio così. Le solite conferme, che ci fanno piacere ma non saltiamo sulla sedia dallo stupore, arrivano da Chanel, da Armani Privé, anche da Giambattista valli che ci ha abituati alle sue flower girls, e non si discosta dal suo bel giardino di ninfette.

parigi alta moda ss18

Giambattista Valli

Altro nome, altro giardino. Chanel ha il suo stile e guai a cambiarlo. E così è Karl Lagerfeld che cambia, sì, cambia look. Ormai prossimo ai 90 anni, Karl sfoggia un’inaspettata barba che non si vedeva dalla sua giovinezza.

 

Pubblicato il
3 mesi ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *