BuzzNews > Viaggi > Viaggi in Italia > Paesi abbandonati in Italia: il fascino dei borghi

Paesi abbandonati in Italia: il fascino dei borghi

L’Italia, considerata una delle nazioni più belle al mondo, conta molti paesi abbandonati sul suo territorio. Sono 6.000 i borghi che nell’ultimo secolo si sono completamente spopolati.

Terremoti, inondazioni o emigrazioni: ognuno di questi paesi abbandonati ha una storia da raccontare, e molti di essi sono diventati mete turistiche. Vediamo quali sono i più interessanti.

Paesi abbandonati al nord Italia

Partiamo dal nord, precisamente dal Trentino Alto Adige dove troviamo uno tra i paesi abbandonati più particolari: l’antico abitato di Curon (BZ), sommerso nel 1950 dal lago artificiale di Resia e ricostruito più a monte. Del vecchio abitato è ancora visibile il campanile della chiesa, e periodicamente vengono anche effettuati dei lavori di restauro. D’inverno, quando il lago ghiaccia, il campanile è raggiungibile anche a piedi.

Paesi abbandonati: Curon (BZ)

Paesi abbandonati: Curon (BZ)

In Friuli-Venezia Giulia Pozzis, frazione del comune di Verzegnis (UD) è il più recente tra i paesi abbandonati della regione, spopolatosi negli anni ’60 a causa dell’emigrazione e scenario di un omicidio consumatosi nel 1999.

In Veneto troviamo California, all’interno del comune di Gosaldo (BL). Questo borgo vanta uno dei nomi più caratteristici tra i vari paesi abbandonati d’Italia, dovuto al nome dell’osteria intorno alla quale era sorto. California fu gravemente colpita da un’alluvione nel 1966 e quindi abbandonata.

In Lombardia si trova un’altra meta di escursionismo: Consonno, nel comune di Olginate (LC). Anche questo risulta essere molto famoso tra i paesi abbandonati in Italia: la sua storia è legata all’edificazione sregolata che negli anni ’60 indebolì l’equilibrio idrogeologico provocando una frana che distrusse la strada di accesso. Il colpo finale fu dato da un rave party organizzato nel 2007, dopo il quale molti edifici sono stati danneggiati. Attualmente un’associazione locale organizza numerosi eventi ogni anno per animare il luogo, dal lunedì di Pasqua fino ad ottobre, e sono al vaglio diversi progetti di riqualificazione territoriale.

Paesi abbandonati: Consonno (LC)

Paesi abbandonati: uno degli abusi edilizi di Consonno (LC)

Passando per la Liguria, invece, segnaliamo due paesi abbandonati: uno è Balestrino vecchia (SV), abbandonato dal 1963 e meta di escursionismo oltre che recente set cinematografico. L’altro comune è invece Beverone (SP), che ad oggi conta solo 22 abitanti, nessuna attività commerciale ma…un ospizio!

Paesi abbandonati in centro Italia

In Toscana sono numerosissimi i paesi abbandonati, molti dei quali mete turistiche da cui ammirare stupendi paesaggi collinari. Tra tutti, Fabbriche di Careggine (LU) ha una storia simile a quella di Curon. Nel 1947 fu costruita una diga e il borgo, composto di sole 31 case, venne sommerso. Da allora la diga è stata svuotata 4 volte per lavori di manutenzione, e turisti e vecchi abitanti hanno potuto passeggiare di nuovo per le vie del paese, tra ricordi nostalgici e la sensazione di passeggiare sul fondale di un lago.

Paesi abbandonati: Fabbriche di Careggine (LU)

Paesi abbandonati: Fabbriche di Careggine (LU) durante uno svuotamento della diga

Molti i borghi abbandonati in Abruzzo: Faraone Antico (TE), Albe vecchia e Calascio Vecchio (AQ), che ha ospitato le riprese di due film e Roccacaramanico e Salle vecchia (PE) sono alcuni dei tanti paesi abbandonati abruzzesi che ospitano rovine medievali visitabili.

Spostandoci in Umbria troviamo Scoppio, altro borgo dal nome particolare, in provincia di Teramo. Pare che siano rimasti solo 8 abitanti in questa piccola frazione che per via della sua suggestiva posizione su uno sperone di roccia è diventata una meta ambita nei percorsi di trekking sui monti Martani. Qui è presente anche un rifugio che offre la possibilità di pernotto.

Paesi abbandonati al sud Italia

In queste regioni le frane hanno causato la maggior parte degli spopolamenti dei paesi. In Basilicata molto caratteristico è il vecchio centro di Craco (MT), disabitato dal 1963 a causa di una frana. Qui sono stati girati numerosi film, tra cui La Passione di Cristo di Mel Gibson. Girano anche alcune leggende su Craco: pare che tra le abitazioni si sentano rumori, urla e strane forme luminose che farebbero di questo piccolo paese uno dei borghi italiani infestati dai fantasmi.

Paesi abbandonati: Craco (MT)

Paesi abbandonati: Craco (MT)

Anche in Calabria troviamo storie misteriose che riguardano Pandora (RC). Nulla a che vedere con il mondo degli Avatar di James Cameron, Pandora venne distrutta da un terremoto nel 1507 e nei pressi delle rovine fu fondato il nuovo comune di Careri. Ma nelle viscere della collina esiste una grotta, il cui ingresso è conosciuto solo dagli abitanti del luogo, dove si verificano fenomeni di magnetismo. Si racconta che anni dopo il terremoto fu ritrovato il quadro della Madonna delle grazie di Pandora, grazie alla testardaggine di un bue che costrinse i suoi proprietari a scavare una fossa intorno al posto da cui non voleva muoversi. Intorno al 1980 questo quadro è stato trafugato, e da allora se ne può trovare solo una riproduzione.

In Campania tra i vari paesi abbandonati colpisce la storia di Roscigno vecchia (SA), definito il paese che cammina. Attualmente abitato da un solo uomo, che si diletta nel guidare i turisti per le vie del borgo, Roscigno è stato definitivamente evacuato nel 1908 a causa della inesorabile frana che da sempre ha accompagnato la storia di questo paese. Dalla sua fondazione nell’anno 1000 ad oggi sono infatti tre le riedificazioni di questo comune, il cui terreno è circondato da diversi corsi d’acqua sotterranei che lo rendono instabile.

Paesi abbandonati: Roscigno vecchia (SA)

Paesi abbandonati: Roscigno vecchia (SA)

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Viaggi in Italia
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *