BuzzNews > Lifestyle > Narcisismo: difesa verso fragilità ed insicurezze personali

Narcisismo: difesa verso fragilità ed insicurezze personali

narcisismo

Narcisismo, solitudine e fragilità

Con il termine narcisismo ci riferiamo, in tale sede, ad una condizione che va al di là della semplice considerazione ed esaltazione di se stessi, ma che comprende una serie di atteggiamenti e comportamenti che servono all’individuo per proteggersi da fragilità ed insicurezze personali che spaventano.

Cercheremo, quindi, di fornire una panoramica sugli aspetti generali che caratterizzano il narcisismo, sul modo in cui esso si riflette sulla relazione e su alcuni consigli che potrebbero essere utili per affrontarlo.

Caratteristiche del narcisismo.

La “donna narciso” presenta, generalmente, una forte necessità di sentirsi e presentarsi agli altri come una persona “speciale”. Per questo motivo tende spesso a rifugiarsi in fantasie riguardo al raggiungimento di successi, potere, bellezza, amore ideale e a presentare agli altri i propri risultati o le proprie capacità in modo esagerato. Questo avviene in quanto queste donne sperimentano un elevato bisogno di ricevere ammirazione, tanto forte da determinare, talvolta, la messa in atto di comportamenti che possono venir percepiti dalle altre persone come arroganti.
Il narcisismo viene, quindi, a configurarsi come la modalità con la quale la persona riesce a rispondere al bisogno ansioso di rassicurazione che vive costantemente; questo avviene principalmente tramite il riconoscimento e la conferma del proprio fascino, delle proprie capacità e della propria unicità.
La donna narcisista si presenta, in un certo senso, come un bambino che scalcia per ottenere attenzioni, che si arrabbia quando gli vengono tolte, perché senza di esse rimane sola ed indifesa di fronte alle proprie paure. Si tratta, infatti, di donne che, dietro la finta corazza di forza, spavalderia, arroganza, rivelano un mondo di fragilità, insicurezze, paure e timori.

Narcisismo nella relazione.

La “donna narciso” nella relazione viene, quindi, ad essere poco empatica verso i sentimenti e i bisogni dell’altro, in quanto riesce a malapena ad entrare in contatto con i suoi, ad avere difficoltà nel mostrare affettività e ad essere manipolativa verso il partner per riuscire ad ottenere quel rispecchiamento positivo e quel riconoscimento di cui ha bisogno. Tende, perciò, a scegliere partner più deboli e che tendono ad essere sottomessi, così da soddisfare il suo bisogno di sentirsi importante e speciale.
Diventa, quindi, talvolta complicato per il partner starle vicino, in quanto questa tendenza della donna narcisista a presentare all’altro un sé grandioso ed illusorio rende difficile entrare con lei in contatto e comprenderla.

Consigli utili per affrontare il narcisismo.

La donna narcisista fa fatica a mettersi in discussione e ad accettare critiche da parte delle altre persone. Il primo passo, dunque, potrebbe essere quello di provare ad assumere un atteggiamento maggiormente aperto al punto di vista degli altri, alla percezione che questi hanno, non interpretando tutto ciò come un attacco, ma come potenziale spunto per una crescita individuale. L’altro può fungere da specchio per aiutare la persona a riconoscere i limiti personali, riuscire a vedere maggiormente l’altra persona, comprenderne emozioni e bisogni, e riuscire a fare un confronto “realistico” tra l’immagine che la donna narcisista ha di sé e la percezione che gli altri hanno di lei.
Allo stesso tempo, potrebbe essere piuttosto importante provare gradualmente ad entrare in contatto con il proprio narcisismo, prenderne consapevolezza e provare a comprendere a cosa serve, da quali timori sta proteggendo la persona.
Diventa, quindi, importante provare a dare un maggiore spazio all’espressione delle proprie emozioni, di quell’ansia e di quella paura che spaventano, riuscendo così a sperimentare come non siano in realtà tanto pericolose come si teme.

La donna narcisista, anche se sembra continuamente concentrata su di sé, è in realtà altamente distaccata dalla propria interiorità, perché vedere ferite e fragilità personali la farebbe sprofondare nell’angoscia di dover rivoluzionare la propria vita. Cambiare, quindi, non è cosa semplice, è per questo motivo che va fatto lentamente, in modo graduale e, se possibile, con una “spalla” su cui appoggiarsi che possa fungere da sicurezza in quei momenti in cui tutte le certezze intorno “crollano”.

Pubblicato il
3 anni ago
Categorie
Lifestyle
Ilaria Barbetti

ilaria-barbettiNasce in un piccolo paesino immerso tra le colline marchigiane, in una famiglia chiassosa e frizzante. A 13 anni decide di voler “salvare il mondo” e di voler, quindi, studiare Psicologia (non del tutto consapevole del lungo cammino da percorrere!). Così si laurea a Padova; successivamente, non ancora soddisfatta, inizia la scuola quadriennale di specializzazione in psicoterapia. Prova un’irresistibile attrazione per il mondo del volley, per la quale decide di frequentare un master sulla Psicologia dello Sport. Riporta orgogliosamente una sana passione per la lettura e per i cavalli e una meno sana, che sfiora la dipendenza patologica, per le serie tv. Ha uno spiccato interesse per l’arte, ama i cinema di animazione e il “cibo spazzatura”. Niente però è per lei più importante della sua famiglia e delle sue amicizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *