Scopriamo cos’è successo nell’ultima edizione del Motor Show 2016.

E’ calato il sipario sul Motor Show 2016, tornato ad animare la fiera di Bologna dopo un periodo travagliato tra scarsi numeri ed edizioni annullate. Questa volta i numeri aiutano a ripartire, soprattutto per quanto riguarda gli espositori: 200, su una superficie di 80.000 metri quadri. Siamo molto lontani dai fasti del passato anche recente, per esempio i 389 del 2007 su 140.000 metri quadri. Ma molto meglio dei 133 del 2012, per non parlare dei 19 del 2014.

Le case automobilistiche al Motor Show 2016 di Bologna

Le case automobilistiche sono state 43 e hanno portato 300 vetture, fra cui 12 anteprime nazionali. Sono state messe a disposizione 86 auto per i test drive. Il pubblico ha preso d’assalto le due aree dedicate alle prove, totalizzando oltre 35mila test drive dei modelli più recenti, sia nella zona stradale che nel percorso offroad dedicato ai 4×4.

Da non dimenticare la sezione “Passione classica”, sempre suggestiva, che ha visto la partecipazione di 7 importanti musei italiani e 10 fra collezioni private e registri storici, per un totale di 117 modelli esposti. Importante anche la sezione Tech Innovation che ha contato 35 aziende operanti nella componentistica; inoltre una competizione riservata agli autoriparatori ha visto la partecipazione di 90 officine.

Motor Show 2016: i numeri del pubblico

E il pubblico? Sono state registrate oltre 200.000 presenze. Tante o poche? Come sempre, dipende dai punti di vista. Se facciamo il confronto col passato, questo numero impallidisce davanti ai visitatori della seconda metà della scorsa decade: 1.2 milioni nel 2006, 1.1 nel 2007, ma anche 800.000 nel 2010. Perfino i 300.000 dell’ultima edizione, nel 2014, sono molti di più.

Però se consideriamo il nulla di 2013 e 2015 e le incognite che si presentavano prima della manifestazione attuale, i segnali sono incoraggianti. L’organizzazione di Bologna Fiere ha già annunciato che ci sarà un’edizione 2017 del Motor Show, comunicando anche le date: dal 2 al 10 dicembre.

Fra i tanti personaggi apparsi in questa edizione, sopra tutti dobbiamo ricordare il campione del mondo Nico Rosberg, alla sua prima uscita da “civile”, dopo l’annuncio del proprio ritiro che ha scosso la Formula 1 come un fulmine a ciel sereno. L’ex alfiere della Mercedes è intervenuto il 7 dicembre alla premiazione dei caschi d’oro di Autosprint.

Il Memorial Bettega e Nico Rosberg al Motor Show 2016

E poi le numerose gare, veramente tante, culminate col prestigioso Memorial Bettega, anch’esso tornato a fare da momento clou del Motor Show dopo qualche anno di assenza. L’edizione 2016 è stata vinta dal gallese Elfyn Evans, il quale ha battuto in finale il sorprendente giovanissimo Kalle Rovanpera, 16 anni pieni di grinta. Entrambi pilotavano una Ford Fiesta WRC.

Motor Show 2016 Nico Rosberg

Il terzo posto è stato appannaggio del nostro pluricampione italiano (9 volte) rally e attuale vicecampione Paolo Andreucci, per l’occasione al volante di una DS 3 WRC, al posto della sua fida Peugeot 208 T16 con cui partecipa alle gare tricolori. Quarto il vicecampione del mondo Thierry Neuville, inaspettatamente escluso dal podio in seguito ad uno spettacolare cappottamento sulla sua Hyundai i20 WRC in semifinale.

Complessivamente, nella Motul Arena sono state disputate 30 gare che hanno visto impegnati ben 300 piloti.

Published
2 mesi ago
Categories
Automotive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *