BuzzNews > Benessere > Mostra Ai Weiwei Mantova, per riscoprire Palazzo Tè

Mostra Ai Weiwei Mantova, per riscoprire Palazzo Tè

Mostra Ai Weiwei Mantova, per riscoprire Palazzo Tè

Mostra Ai Weiwei Mantova è un modo nuovo di scoprire e conoscere meglio Palazzo Tè, residenza dei Gonzaga costruita nel 1525, un luogo carico di storia; infatti tra una stanza e un’altra sonso state inserite alcune prestigiose opere di Ai Weiwei e di suoi collaboratori in un confronto tra Rinascimento e arte moderna all’interno della mostra Il giardino incantato. Scoprite meglio con noi la mostra Ai Weiwei Mantova:

1. Mostra Ai Weiwei Mantova, Palazzo Tè

mostra-ai-weiwei-mantova-panorama

mostra ai weiwei mantova panorama

Palazzo Tè è il massimo esempio dell’architettura famiglia Gonzaga a Mantova, fu completato nel 1534 sotto la guida dell’architetto Giulio Romano. Oggi ospita i musei civici e numerose mostre d’arte, oltre ad avere un percorso interno di altissimo livello con sale ancora in ottime condizioni dopo oltre 450 anni, proprio in queste sale, di cui la più celebre è quella dei Giganti, sono presenti in modo sparso e innovativo alcune opere di Ai Weiwei a rendere ancora più unica l’esperienza di visita.

 2. Mostra Ai Weiwei Mantova, l’artista

mostra-ai-weiwei-mantova-l'artista

mostra ai weiwei mantova l’artista

Definire Ai Weiwei, classe 1957, non è semplice, molto di più di un artista, è anche designer, attivista, negli anni 80′ vive e opera a New York e torna in Cina negli anni 90′ per il padre malato. Si avvicina quindi all’architettura e ottiene l’incarico per lo stadio olimpico di Pechino per le Olimpiadi del 2008, detto nido d’uccello, sua opera più celebre. Negli stessi anni nel 2006 ha aperto un blog dove ha iniziato a criticare anche in modo duro il regime comunista, tanto che nel 2009 viene chiuso e poi nel 2011 trascorrre 81 giorni in carcere per le sue opinioi espresse. Fu tenuto in una località segreta senza che le autorità comunicassero nulla sulle sue condizioni. Tuttora non può espatriare ed è tenuto sotto controllo dalle autorità. Dal 2006 a oggi le sue opere si sono diffuso comunque nei più importanti musei del modo. La più importante stata Semi di girasole presso la Tate Modern di Londra. Nel 2012 è uscito un film sulla sua storia è vita Never say sorry, direto da Alison Klayman.

2. Mostra AI Weiwei Mantova, le opere

mostra-ai-weiwei-mantova-cavalli

mostra ai weiwei mantova cavalli

Le opere di Ai Weiwei presenti alla mostra sono esigue di numero a dir la verità, ma eccezionali nella loro fattura, infatti va detto che non si tratta di una mostra in sale separate come altre, attualmente è presente quella dedicata a Joan Mirò, ma l’artista cinese ha realizzato alcune opere che potessero dialogare con il Rinascimento italiano delle sale del Palazzo tè di Giulio Romano. Tra le opere presenti da ricordare i cavalli, che potete vedere nella mia foto, nella Sala dei Cavalli, e le tre colonne in chiave moderna nela Sala dei Giganti. 

3. Mostra AI Weiwei Mantova, Li Zhangyang

mostra-ai-weiwei-mantova-zhanyang

mostra ai weiwei mantova zhanyang

Oltre ad Ai Weiwei sono presenti va detto numerose altre opere di artisti disposte nelle affascinanti sale di Palazzo Tè, tra questi ci sono anche quelle di Li Zhangyang, nato a Pechino nel 1969 ha già esposto in diversi musei in Cina, e anche in Svizzera, Germania e Usa. Una delle sue creazioni è visibile nella foto sopra dal titolo Wuson’s killing his elder brother’s wife, del 2004, dove viene mostrata la scena violenta dell’uccisione di Wuson da parte del fratello maggiore di sua moglie, un’opera  che sintetizza il nostro mondo contemporaneo dove l’istinto animalesco prevale sull’etica e il male sul bene. E’ inoltre presente con The monster, 2007, una opera in vetroresina che rappresenta un mostro un incrocio di un maiale con altri animali terribili e poi c’è The frog, la rana, il simbolo portafortuna in Cina, segno di indipendenza e di capacità di trasformazione per adattarsi alle diverse esigenze. Ricorda l’artista che coglie il mondo che cambia e lo rappresenta diverso a seconda delle diverse situazioni.

4. Mostra Ai Weiwei Mantova, Meng Huang

Meng Huang, classe 1966, è una delle artiste che più anni collabora con il maestro Ai Weiwei e in questa occasione ha esposto alcune sue opere significative nella sala delle Cariatidi si tratta di diversi dipinti tutti neri che trattano di grandi temi esistenziali, con sobrietà, come la solitudine, la distruzione, la vita e la morte e in generale la condizione umana; creando così un forte contrasto con i colori e la gioia che esce dalle tante sale del palazzo.

La mostra Ai Weiwei Il giardino incantato è aperta fino al prossimo 6 giugno tutti i giorni, biglietto intero 12 euro, ridotto 9.

Pubblicato il
3 anni ago
Categorie
Benessere
Giorgio Barison

Giorgio-BarisonDi origini brianzole e venete, anche se si dichiara milanese, amante della parole e dei racconti dalla tenera età di otto anni quando si dilettava già in brevi composizioni crescendo continua a scrivere per il giornalino della scuola e poi del suo Paese. Laureatosi nel 2013 in Scienze della comunicazione, intraprende un viaggio dall’altra parte del mondo in Australia un po’ alla ricerca di sé stesso e di qualcosa di nuovo. Amante di ogni forma di comunicazione e intrattenimento, grande lettore e appassionato di cinema. Capisce che è il momento di buttarsi nei social media e nella tecnologia che sono il presente e il futuro della comunicazione. Decide che nonostante tutto è il momento di tornare sui banchi di scuola all’Università.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *