Cos’è la meningite? Una domanda che molti si pongono in questo periodo

La meningite può essere causata da batteri ed è una malattia molto grave che deve essere curata subito

La meningite può essere causata da batteri ed è una malattia molto grave che deve essere curata subito – fonte immagine pixabay.com Credit: WikiImages CC0

La meningite è una malattia che fa molto parlare di sé in questo periodo e fa molta paura a tutti. I timori sono più che fondati, poiché si tratta di un’infezione molto seria che può avere delle serie conseguenze. Analizziamo, punto per punto, la meningite, i suoi rischi ed i suoi sintomi.

Qual’è il virus della meningite

Quale è il infiammazione orecchio? La causa di questa malattia è un’infiammazione del midollo spinale e delle meningi, ovvero le membrane che ricoprono il cervello. Questo genere di infezione è provocata da dei virus, tra cui quello della mononucleosi, della parotite, del HIV, la rabbia ed altri ancora.

La meningite può essere generata anche da dei batteri, come stafilococchi, streptococchi (i quali causano anche infiammazione all’orecchio e polmoniti), pneumococchi e meningococco. Quest’ultima infezione è spesso la causa di questa malattia tra gli adulti e il manifestarsi della meningite C.

I sintomi di questa malanno sono molto evidenti e l’infezione va curata subito, altrimenti la situazione può degenerare, sopratutto in casi dove la malattia è più grave. Cos’è la meningite fulminante di cui molti parlano? È la meningite da meningococco di tipo B, la quale è in grado di portare alla morte in poche ore e le conseguenze legate ad essa possono essere molto serie, come la sordità, danni neurologi e la perdita di arti.

Quali sono i sintomi della meningite

Come si manifesta la meningite? I sintomi iniziali della meningite negli adulti sono, in genere, un forte dolore alle tempie, un’influenza molto alta, vomito, rigidità del collo, un forte fastidio della luce, torpore, agitazione, fino all’alterazione della coscienza e le convulsioni. Possono apparire anche delle piccole macchie color porpora sul corpo. I sintomi, come ricorda anche il Portale Epicentro, sono indipendenti dall’agente patogeno che ha creato la malattia.

Nel caso dei neonati la situazione è più complessa, perché i sintomi non sono subito evidenti. Si manifestano, in genere, febbre, convulsioni, un pianto continuo, irritabilità, sonnolenza e scarso appetito.

I sintomi, anche negli adulti, possono variare e si può manifestare anche con una influenza senza febbre, ovvero un’influenza transitoria, tanto da sembrare un raffreddore. Si possono generare,inoltre, delle infezioni sistematiche, le quali possono compromettere diversi organi e si può arrivare pure allo shock settico.

La meningite come si trasmette

Il periodo d’incubazione di questa infezione varia a seconda del tipo agente che la genera. Nel caso della malattia trasmessa da virus, l’incubazione è circa dai 3 ai 6 giorni, mentre, è da 2 a 10 giorni per gli agenti batterici.

Questa malattia si manifesta maggiormente nel periodo invernale e l’inizio di quello primaverile. Il motivo? Gli ambienti chiusi favoriscono la trasmissione, la quale avviene principalmente per via aerea, tramite starnuti e secrezioni orali.

Come possiamo curare la malattia

Curare la-meningite in tempo è fondamentale per il paziente

Curare la-meningite in tempo è fondamentale per il paziente Pixabay.com Credit: jarmoluk CC0

Se la malattia viene curata in tempo, può avere un buon decorso, ma occorre prima fare delle analisi per capire le cause dell’infezione. Occorre prelevare un campione di liquido cerebrospinale o di sangue dal paziente per analizzarlo. Dopo si procede, in genere, con trattamento antibiotico e tali medicine vanno somministrate anche a chi è stato a stretto contatto con il malato.

I vaccini contro la meningite

Ci sono attualmente dei vaccini contro la meningite. È possibile vaccinare, dagli anni Novanta, i neonati contro la Haemophilus influenzae b. Esistono anche vaccini contro il meningococco di tipo A, C, Y e W 135, sebbene forniscano una protezione di breve durata negli individui con più di 2 anni di età. Di recente è stato introdotto sul mercato anche un vaccino per il meningococco di tipo B.

Attenzione alla salute

Se ci sono dei problemi di salute, anche di lieve entità, occorre consultare sempre del personale medico e farsi consigliare da loro. La salute non è qualcosa da prendere alla leggera, sopratutto con una malattia così grave, quindi, è giusto rivolgersi ad un dottore e chiedere a lui come procedere.


Pubblicato il
5 mesi ago
Categorie
Intrattenimento
Viviana Tintori

Viviana Tintori filosofa digitale

Una filosofa specializzata in comunicazione informatica ( eh si…avete letto bene, anche i pensatori amano i computer ) e un’appassionata di tecnologia sin dall’età di undici anni. Classe 1979 e milanese di estrazione, vive immersa nel mondo di Internet e cerca sempre di unire le possibilità date dalla rete con la sua seconda passione: la cultura. È una lettrice accanita, incuriosita da qualsiasi argomento. Adora anche il teatro e il cinema. Abita in una casa piena di libri e uno dei sui desideri è poter guidare una Volkswagen Maggiolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *