BuzzNews > Lifestyle > Jeremy Scott: a New York festeggia i 20 anni di carriera

Jeremy Scott: a New York festeggia i 20 anni di carriera

Jeremy Scott festeggia 20 anni di carriera alla New York Fashion Week

Jeremy Scott di strada ne ha fatta tanta: dal ragazzo di Kansas City alla poltrona di Creative Director di Moschino, passando per la sua linea che quest’anno spegne 20 candeline.

Jeremy Scott, “Sbirulino della moda”, un esponente di quel fashion-freak fatto di cose popolari, di elementi di consumo, marketing sfrenato, essenza di mercato del settore moda. Cosa vende? Cos’è popolare? Cosa piace alla gente? Jeremy Scott prende i miti della pop culture e li fa propri, dalla strada alla passerella.

jeremy scott 1998

Jeremy Scott nel 1998

“Se dovessi lasciare un’eredità, sarebbe un sorriso” dice Jeremy Scott

Solare, eccentrico, ironico, esuberante, lo stile Jeremy Scott è puro divertimento, è gioia di vivere, freschezza a giovinezza. A 42 anni, il “freak” del Missouri ha imposto la sua visione del mondo e della vita, conquistando il mondo più pop con la sua moda popolana. Katy Perry, Paris Hilton, Miley Cyrus e la pop star koreana CL, sono alcune delle vip che vestono le sue creazioni, incantate dallo smiley style che Jeremy Scott porta nella sua linea e in quelle che disegna per Moschino.

jeremy scott 20 anni nyfw

lo stilista e la modella/attrice Devon Aoki

Jeremy Scott è popolano, è il re del popolo, prende spunto dai graffittari per le sue collezioni e collabora con Magnum (sì, il gelato), è lo stilista delle star e della gente comune, che veste T-shirt Moschino e addobba i propri iPhone con le cover stravaganti create dallo stilista.

Moda a 360°, moda per tutti, moda popolana.

La Spring Summer 2018 di Jeremy Scott celebra i 20 anni dello stilista

Menswear e womanswear,  la formula cosiddetta co-ed, la formula scelta da tanti stilisti come Gucci, Dsquared² e Ralph Lauren, di presentare insieme entrambe le linee, maschile e femminile, unendo in uno show quello che si farebbe in due.

La collezione è puro melting pot cosmopolita: streetwear e comics, felpe stampate, slogan e quel touch of freak degli ambienti gay e underground americani. Molto New York, ma colorata e solare come la California.

L’atmosfera è quella da discoteca, un salto negli anni ’90 per festeggiare il ventennale del brand, provocazione di pantaloni lucidi stampa pitone fluo (per lui) e reggiseni triangolari come nei video musicali del ’97 (per lei).

jeremy scott 20 anni nyfw

Gigi Hadid outfit da sera Jeremy Scott

Ritornano alla mente i Vengaboys, gli Aqua, anche le mai dimenticate Spice Girls di cui una, Victoria, adesso sfila alla New York Fashion Week con tanto di consenso di pubblico e critica.

Lo stilista riesuma un’epoca che sembrava perduta, l’era degli eccessi e delle canzonette, la golden age della pop culture. Mixa sportswear e streetwear, abbina camouflage e glitter, lurex e stampe cartoon, colori fluo e animalier.

Il risultato è una festa visiva un po’ psichedelica, un rave party con Gigi Hadid, Karlie Kloss e Joan Smalls.

jeremy scott 20 anni nyfw

Jordan Dunn in Jeremy Scott

20 anni celebrati in grande stile, VIVA AVANTGARDE (come recita lo slogan stampato sul costume intero di Jordan Dunn), viva Jeremy Scott e la sua fiera moda popolana. Il pop che non muore, la trasposizione in moda della nostra cultura, di ciò che siamo, di ciò che veneriamo. Che Jeremy sia il nuovo Andy Warhol?

La moda pop è morta, viva la moda popolana.

Pubblicato il
1 mese ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *