Le indiscrezioni su iPhone 8 non si fermano mai. C’è tanta incertezza nell’ambiente tecnologico su ciò che sarà il prossimo smartphone Apple. Una volta si afferma qualcosa, e dopo pochi giorni un nuovo report afferma l’esatto contrario. Insomma, è molto difficile destreggiarsi tra i rumors, ma cercando di farlo si riescono a delineare alcune strade che il prossimo iPhone (iPhone 7s o iPhone 8) potrebbe percorrere. In precedenza abbiamo analizzato la possibilità che il dispositivo sia dotato di Smart Connector come iPad Pro, e ancora in precedenza la rimozione del Touch ID per la lettura delle impronte digitali.

Analizzando però a fondo i report, possiamo dire che difficilmente il dispositivo non presenterà un lettore di impronte digitali. Il vero dubbio è sulla sua posizione: frontale o sul retro?

Touch ID tra display e retro di iPhone 8

Il presupposto è che Apple scelga di passare da un display LCD ad un OLED, e che (soprattutto) questo vada a limitare al massimo lo spazio delle cornici, ampliando le dimensioni dello schermo senza dover aumentare troppo quelle del dispositivo. In questo caso però, scomparirebbe il tasto fisico home, e con questo il Touch ID integrato al suo interno – come sino a questo momento è sempre stato da iPhone 5s in poi.

Ora, le due possibilità. In primo luogo potremmo trovarci con un Touch ID integrato nel display. Questa prima opzione sarebbe a mio avviso quella più coerente e funzionale per l’utente. Il lettore di impronte nel tasto home è di una comodità senza pari, non richiede che il dispositivo venga impugnato per essere utilizzato – come con il lettore posteriore – consentendo lo sblocco con impronta anche nel caso in cui il dispositivo, per esempio, sia poggiato sulla scrivania. Per realizzare l’integrazione del lettore di impronte nello schermo di iPhone 8 però sembra esserci qualche problema in fase di produzione, perciò è possibile che questa non sia la strada che Apple prenda alla fine – anche se io ci spero tanto.

iphone 8

Fonte immagine: Pexels https://pixabay.com/it/users/Pexels-2286921/

Il secondo e – secondo un nuovo report citato da MacRumors – attualmente più probabile scenario è quello che vede lo spostamento del lettore di impronte sul retro del dispositivo. In questo modo si eviterebbero per il momento i problemi relativi all’integrazione del Touch ID nello schermo, e si avrebbe modo di lavorare meglio e con più calma alla feature, da introdurre magari con un successivo modello dello smartphone. Sinceramente, mi auguro che questa seconda ipotesi non sia effettivamente quella definitiva, in quanto come già accennato prima trovo molto scomodo dover prendere in mano il dispositivo per doverlo sbloccare con l’impronta digitale.

iPhone 7s o iPhone 8: tutto può succedere, tutto può cambiare

Se invece il presupposto da cui siamo partiti non esistesse, la faccenda sarebbe molto diversa. Immaginiamo che Apple decida di non passare ancora allo schermo OLED, di non ampliare il display, di non rimuovere il tasto fisico home. In questo caso assisteremmo all’introduzione di un dispositivo che, essendo molto simile all’attuale iPhone 7, potrebbe chiamarsi iPhone 7s, e non iPhone 8. I cambiamenti non sarebbero tanti, anzi. Vedremmo ancora il tasto home ed il Touch ID integrato al suo interno, evitando il rischio del lettore di impronte sul retro.

Sinceramente credo che potrebbe avere maggiormente senso introdurre iPhone 7s e limitare le novità, in vista di un iPhone 8 nel 2018 senza tasto home e soprattuto Touch ID integrato nell’ampio schermo OLED. Insomma, preferirei aspettare e avere in futuro un dispositivo di qualità superiore, non qualcosa introdotto in maniera non perfetta.


Pubblicato il
1 mese ago
Categorie
Device
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *