BuzzNews > Tecnologia > Hi-Tech > iPhone, nel 2018 tutti i modelli con Face ID

iPhone, nel 2018 tutti i modelli con Face ID

È passato solo qualche giorno da quando Apple, il 12 settembre, ha presentato i suoi nuovi iPhone 8 e iPhone X, ma già, come di consueto, si comincia a parlare di quello che sarà il futuro degli smartphone dell’azienda di Cupertino. La macchina delle previsioni e delle indiscrezioni è già in movimento, e le prime interessantissime informazioni arrivano da una delle firme più autorevoli: KGI Securities e Ming-Chi Kuo. E riguardano il prossimo iPhone che, logicamente, dovrebbe arrivare nel 2018. O meglio, sarebbe parlare dei prossimi iPhone, visto che potrebbero essere ancora due i nuovi modelli, come in questo 2017 con iPhone 8 e iPhone X.

iphone 2018

Fonte immagine: Apple

Face ID anche sull’iPhone “inferiore”

Sono diverse le grandi novità che quest’anno sono state introdotte da Apple con iPhone 8 e, in particolare, con iPhone X. Tra queste c’è chi mette in evidenza il nuovo display OLED, per la prima volta su uno smartphone della Mela. Ma, secondo tantissima gente – io compreso – la grande rivoluzione di Apple con iPhone X è stata quella del riconoscimento del volto, chiamato Face ID. Il nuovo metodo di autenticazione, basato sul sistema TrueDepth, non è una novità assoluta. È già stato adottato con alcune variabili su alcuni altri dispositivi con altri sistemi operativi, ma, possiamo dire, sino ad oggi non è stato particolarmente smart, spesso macchinoso e lento, non efficace.

Il problema dei nuovi iPhone è che il Face ID è disponibile solo sul top gamma iPhone X, quindi chi vuole usufruire della nuova e “futuristica” funzionalità dovrà acquistare necessariamente questo modello. Dal prossimo anno però potrebbe non essere più così. Come riportato nelle ultime ore da 9to5Mac, secondo KGI Securities, nel 2018 Face ID dovrebbe essere in dotazione su tutti i nuovi iPhone. Se dunque la divisione dovesse essere come quella di quest’anno, dovremmo vedere ancora iPhone OLED e LCD separati, ma entrambi i modelli dovrebbero essere dotati del sistema TrueDepth per il riconoscimento del volto.

La previsione di Ming-Chi Kuo è però vincolata da un grande SE. Indirettamente apprendiamo che la scelta di portare Face ID su tutti i melafonini del 2018 è vincolata – anche giustamente – dalla risposta degli utenti nei confronti della tecnologia. Non c’è dunque in merito alcuna certezza, visto che per valutare la stessa risposta degli utenti sarà necessario attendere almeno qualche mese dalla commercializzazione di iPhone X e, quindi, almeno sino al primo trimestre del nuovo anno.

Il ritorno del Touch ID nel display

La scansione e il riconoscimento del volto conseguente si basa su un sistema che proietta qualcosa come 30 mila punti sulla nostra faccia per mappare e riconoscerla. Qualora questa tecnologia non dovesse ottenere un riscontro positivo, potremmo assistere all’introduzione di una funzionalità già oggetto di indiscrezioni per l’iPhone di questo anno. Parliamo dell’installazione di un lettore di impronte direttamente nello schermo, un Touch ID a sua volta touch che, però, sembrerebbe creare ancora diversi problemi a livello pratico, visto che il suo utilizzo porta ad un display inevitabilmente – per ora – più spesso, riducendo l’accuratezza della scansione stessa.

Manca ancora tanto, tanto tempo alla presentazione della prossima generazione di iPhone, ma già ora abbiamo modo di cominciare a raccogliere informazioni e previsioni su quelle che potrebbero o meno essere le sue caratteristiche tecniche. Non ci resta che attendere per saperne di più in merito, una volta che verrà commercializzato iPhone X (preordini al via il 27 ottobre e spedizioni il 3 novembre).

Pubblicato il
1 mese ago
Categorie
Hi-Tech
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *