Vi è capitato un’incidente in un parcheggio privato: come comportarsi?


La maggior parte degli incidenti che la disattenzione ci fa fare in auto avvengono su strade pubbliche. Tuttavia, è sbagliato sottovalutare altre situazioni. Non è così raro infatti che, spesso per disattenzione, si verifichi un incidente in un parcheggio privato.

Si tratta di una situazione potenzialmente problematica. Se si sono subiti dei danni infatti spesso non si sa come diritto a un risarcimento. Spesso perchè si tratta di una situazione particolare.
Tuttavia è molto più frequente di quanto si pensi.
Ecco perchè Buzznews ha raccolto 5 cose che è utile sapere in caso di incidente in un parcheggio privato.


1. L’assicurazione copre un incidente in un parcheggio privato a uso pubblico

Il primo problema che solitamente ci si pone se si è rimasti coinvolti in questo tipo di incidente è di tipo economico. A chi spetta il compito di dare il risarcimento?
Occorre fare una distinzione. Esistono spazi, soprattutto parcheggi, formalmente privati e di fatto pubblici.
Questo è il caso ad esempio di parcheggi di supermercati o negozi. La proprietà è indubbiamente privata, ma essendo aperte a un normale passaggio di veicoli, e all’ingresso di qualsiasi potenziale utente, sono da ritenersi a uso pubblico.

Pertanto, si applica la copertura assicurativa. Le regole sono quelle riferite alle arie pubbliche ed occorre l’RC. Auto.

L'assicurazione copre un incidente in un parcheggio privato a uso pubblico


2. Alcune compagnie la estendono anche a parcheggi privati a uso privato

Moltissime compagnie negli ultimi anni estendono la copertura assicurativa dei danni prevista per legge anche alle aree strettamente private. Pensiamo per esempio ai cortili condominiali o alle autorimesse.

Però è necessario leggere con estrema attenzione le clausole del contratto della vostra assicurazione, perchè questo tipo di tutela non è previsto come obbligo di legge e potrebbe non essere incluso nelle polizze dell’assicurazione che avete stipulato.
A fare fede, è bene ricordarlo, non è infatti la proprietà di uno spazio, bensì il suo uso.

3. In assenza di copertura, per un incidente in un parcheggio privato vale il Codice Civile


Se la polizza che avete stipulato non prevede l’estensione della copertura alle case private, a fare fede è l’articolo 2054 del Codice Civile.
Questo articolo recita:

“Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno.”

Detto in termini più chiari, se siete causa di un incidente in un parcheggio privato non altrimenti tutelato da polizze, siete tenuti a risarcire il danno di tasca vostra.

In assenza di copertura, per un incidente in un parcheggio privato vale il Codice Civile

4. Cosa impone la legge per valutare un incidente in un parcheggio privato

 

Occorre inoltre tenere presente, in ogni caso, ciò che stabilisce la giurisprudenza. In primo luogo occorre ricordare il già citato articolo 2054, dove si legge anche, in generale:

“Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli”.

Tuttavia, è bene sapere anche alcune novità. La Cassazione ha esteso ai parcheggi privati alcune norme del Codice della Strada. Si tratta di quelle inerenti a prudenza e diligenza alla guida
Più semplicemente. Si è ad esempio responsabili di omicidio colposo se, in un’area privata, non si osservano le norme di prudenza valevoli su un tratto pubblico.
I giudici spiegano questa estensione specificando che la situazione materiale di pericolo generata è identica. Gli utenti dello spazio hanno quindi diritto di attendersi da un conducente lo stesso atteggiamento che applicherebbe su strada, e lo stesso rispetto dei codici.

 

5. La responsabilità se l’incidente in un parcheggio privato avviene in retromarcia

La prudenza, per prevenire un incidente in un parcheggio privato, deve essere una linea guida anche se si effettua in retromarcia. Questa manovra è ritenuta pericolosa dall’articolo 154 del Codice della Strada, che prescrive una serie di accorgimenti da tenersi.
Da questo deriva una sostanziale presunzione di responsabilità se si incorre in un incidente procedendo in retromarcia, in uscita da un parcheggio privato o al suo interno.
In situazione diversa è consigliabile procedere come per la constatazione della responsabilità di un incidente in uno spazio pubblico. Qui trovate le indicazioni su come compilare una constatazione amichevole.

La responsabilità se l'incidente in un parcheggio privato avviene in retromarcia

Ora ci auguriamo sappiate qualcosa di più. Il primo consiglio è più artigianale e uguale in qualsiasi situazione, soprattutto quando ci si trova alla guida. Il primo accorgimento per prevenire un incidente, anche in un parcheggio privato, è prestare la massima attenzione in ogni momento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *