BuzzNews > Tecnologia > Hi-Tech > Huawei Mate 10 Pro: le 9 migliori caratteristiche tecniche

Huawei Mate 10 Pro: le 9 migliori caratteristiche tecniche

Huawei Mate 10 Pro, il nuovo top gamma

Huawei è ormai un’azienda al top del mercato della telefonia a livello mondiale, protagonista di una classifica che in una manciata di anni l’ha vista arrivare sul podio insieme a due colossi come Samsung ed Apple. Colossi però a cui, attualmente, non ha niente da invidiare. A fare la fortuna della casa cinese sono principalmente due famiglie di smartphone: la P e la Mate. Di recente sono stati presentati i due nuovi Huawei Mate 10 e Huawei Mate 10 Pro, smartphone di fascia alta di cui, però, solo il secondo arriverà in Italia, ed è perciò che in questo post ci concentreremo più su questo che sull’altro dispositivo.

Le differenze sono comunque minime, e sono nel display – quello di Mate 10 è un LCD da 5.9 pollici con risoluzione 2560 x 1440, mentre quello di Mate 10 Pro è un OLED da 6 pollici con risoluzione 2160 x 1080. Altra differenza è che Huawei Mate Pro 10 ha un tasto fisico home, mentre i tasti di azione sono direttamente nel display.

QUI TUTTE LE SPECIFICHE TECNICHE

Mate 10 Pro in 9 caratteristiche

1 – Design

Primo elemento da evidenziare di Huawei Mate 10 Pro, il design. L’estetica del dispositivo è estremamente curata, rendendo lo stesso, globalmente, molto elegante e di bell’aspetto. Dallo schermo praticamente senza cornici laterali, al design iconico nella parte esterna, che mette in evidenza la doppia fotocamera firmata Leica dello smartphone. Il vetro esterno curvo poi, e la tecnologia dietro lo stesso, rendono il dispositivo ergonomico e comodo da maneggiare.

2 – Display

Lo schermo è il secondo punto forte del nuovo top gamma Huawei. Si tratta come già accennato di un 6 pollici con tecnologia OLED e 2160 x 1080 pixel di risoluzione. Il rapporto d’immagine è 18:9 FullView, e la tecnologia HDR10 contribuisce a restituire colori estremamente vividi ed intensi.

3 – Doppia fotocamera Leica

La nuova doppia fotocamera (ancora frutto della collaborazione con Leica che firma il dispositivo). L’apertura dei due sensori è F/1.6, grazie alla quale è possibile ottenere senza sforzo immagini con una grande profondità di campo, scatti nitidi anche nelle condizioni di scarsa luminosità. Un sensore è monocromatico da 20 MP, mentre l’altro è un RGB da 12 MP con stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS). I due sensori consentono anche di ottenere il tanto apprezzato effettuare sfocatura semplicemente premendo sul punto in cui si desidera avere il fuoco.

huawei mate 10 pro

Fonte immagine: Huawei

4 – Processore

Pensate che i processori Qualcomm siano il meglio sul mercato? Probabilmente sbagliate. Il processore di Huawei Mate 10 Pro è un Kirin 970, prodotto internamente dall’azienda cinese, ed è un vero gioiellino. È dotato ti tecnologia 10nm, CPU Octa-Core e GPU 12-Core, che si traducono in performance di assoluto livello e consumo di batteria ridotto.

5 – Intelligenza artificiale

Forse la novità più interessante del nuovo smartphone è la massiccia presenza dell’utilizzo di Intelligenza Artificiale. La troviamo nel processore, con la tecnologia NPU, che consente al processore di essere 50 volte più efficiente, che si traduce in performance 25 volte superiori. Ciò avviene analizzando e comprendendo le attività dell’utente e ottimizzando le performance in base a queste. Si tratta di una tecnologia che opera in maniera indipendente dalla tecnologia standard basata sul cloud, proteggendo la privacy dell’utente.

Troviamo la AI anche nella fotocamera, che è così in grado di identificare automaticamente e in tempo reale scenario e oggetti (fiori, piante, cibo, sorrisi, ritratti e altri), ed impostare i parametri in maniera ottimale per lo scatto.

L’intelligenza artificiale è anche nelle chiamate, con la stessa che riconosce la condizione ambientale (dal prefetto silenzio al caos del traffico) e aumenta la qualità dell’audio. C’è anche la traduzione in tempo reale di testo, voce.

La troviamo anche nella batteria: l’assegnazione delle risorse viene effettuata in base all’analisi fatta delle abitudini dell’utente, tutto in maniera automatica e smart.

6 – Batteria

La batteria di Huawei Mate 10 Pro è un altro punto forte. Si tratta di 4000 mAh di capacità, associata alla gestione smart della batteria stessa appena citata. Presente inoltre la tecnologia di ricarica rapida Huawei SuperCharge, portando in 20 minuti di carica ad una giornata di autonomia.

7 – Resistenza ad acqua e polvere

Huawei Mate 10 Pro è dotato di certificazione IP67, cioè resistenza ad acqua e polvere. Non si tratta della IP68 che consente allo smartphone di resistere ad un’immersione prolungata, ma significa che non ci si deve preoccupare se si utilizza il dispositivo in spiaggia e questo cade in acqua.

8 – Connessione

Come già accennato in precedenza, lo smartphone è molto attento alla connessione degli utenti. Come già accennato, in questo senso è fortemente significativa l’azione dell’intelligenza artificiale.

9 – Android O, EMUI 8.0

Il nuovo sistema operativo Android, che con l’interfaccia personalizzata Huawei EMUI alla versione 8.0 è ancora più performante. Tre sono le funzionalità da sottolineare:

  • Navigation Dock, un tasto virtuale che consente di impostare delle scorciatoie di navigazione.
  • Smart Split Screen, lo schermo può contenere diverse attività/finestre simultaneamente.
  • Smart Multi-Column Display, più menù di navigazione a colonne nella stessa schermata, molto interessante per passare rapidamente da una sezione all’altra del menù in una stessa applicazione.

 

Pubblicato il
1 mese ago
Categorie
Hi-Tech
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *