BuzzNews > Automotive > GTI e Turbo anni 80 e 90: Chi le ha possedute?

GTI e Turbo anni 80 e 90: Chi le ha possedute?

GTI e Turbo: le piccole sportive, regine della strada

Tra gli anni 80 e 90 spopolavano tra i giovani le auto di segmento B, utilitarie solo nel nome e non nei contenuti. Le GTI e le Turbo erano auto con motori molto prestazionali e accessoriate come auto di livello superiore.

Ogni casa automobilistica aveva in listino una GTI o una Turbo con la quale competere con la concorrenza sul filo del cavalli o della velocità massima.

Tante erano le GTI Turbo, ma solo tre di esse sono tutt’oggi nei cuori di noi “ragazzi” che ancora oggi abbiamo voglia di prestazioni e velocità.

Due francesi ed una italiana si contendono ancora oggi lo scettro dell’auto più bella in un settore alquanto agguerrito. Peugeot 205 GTI, Renault 5 Turbo e Fiat Uno Turbo, sono le auto più ricercate dagli appassionati di questo genere di vetture o da chi ha avuto la fortuna di possedere o semplicemente guidarle.

La Peugeot 205 in versione GTI, è un’auto che ha rivoluzionato il mondo delle piccole GTI Turbo. Con un design molto intrigante e con le linee che fanno capire immediatamente le sue intenzioni sportive, diviene subito una delle auto più desiderate dai giovani.

GTI e Turbo Peugeot 205 GTI

Il progetto Peugeot GTI nasce nel 1984 quando venne presentata la 1.6 GTI che ottenne immediatamente il consenso del pubblico. Bella e con un’ottima guidabilità, le prestazioni erano di tutto rispetto. 105 cv e una velocità massima di quasi 200 km/h, erano i dati salienti presenti sulla sua carta d’identità con cui si presentava al pubblico.

Nello stesso anno, con i successi ottenuti nelle varie competizioni, Peugeot decide di produrre una versione speciale della GTI, chiamata 205 Turbo 16.

GTI e Turbo Peugeot 205 Turbo 16

L’auto era stata realizzata per partecipare ai rally e aveva tutte le caratteristiche per ottenere buoni risultati. Motorizzata con un 1.8 litri sovralimentato posizionato nella zona centrale-posteriore, con trazione integrale, era in grado di erogare 600 cv. Per omologare la Turbo 16, Peugeot ha dovuto realizzare 200 esemplari stradali da 200 cv.

Nel 1986, la Peugeot 205 1.6 GTI, guadagna qualche cavalli e la Potenza sale a 115 cv e arriva nelle concessionarie la GTI 1.9. Rispetto alla sorellina, questa Peugeot, ha determinate soluzioni tecniche di maggior pregio e il motore eroga quasi 130cv.

L’anno successivo viene fatto un restlyling delle GTI  viene presentata la Peugeot 205 Grand Raid, sempre per partecipare ai rally. Con questa auto Peugeot si aggiudica ben due edizioni della mitica Parigi Dakar.

GTI e Turbo Peugeot 205 T16

Dopo essersi concentrati quasi esclusivamente sulle prestazioni, i progettisti Peugeot, si sono dedicati anche a quei clienti che desideravano un’auto che fosse anche elegante. Fu così che nei primi anni 90, le GTI Peugeot erano dotate di accessori come gli interni in cuoio e dell’impianto del condizionatore.

Nel 1991 vennero aggiunti anche gli alza cristalli elettrici e vetri posteriori con apertura a compasso. Il 1992 fu poi l’ultimo anno che la Peugeot 205 GTI fu costruita e purtroppo si concluse un’era di un’auto stupenda, ma che ancora oggi è nei nostri cuori.

Un’altra Turbo sempre francese che ha spopolato tra i ragazzi degli anni 80, era la Renault 5 Gt Turbo, una vettura presentata nel 1985 e che andava a sostituire la Alpine Turbo.

GTI e Turbo Renault 5 Turbo

Questa Turbo era la diretta concorrente della Peugeot 205 GTI, e derivava oltre che dalla Alpine Turbo, anche dalla Renault 5 Maxi Turbo, un’automobile realizzata per le competizioni.

GTI e Turbo Renault 5 Maxi Turbo

La Renault 5 Gt Turbo era equipaggiata con il motore della Alpine Turbo, rivisto dai motoristi Renault, che tramite diverse migliorie ed utilizzo di nuove tecnologie meccaniche, riuscirono a rinvigorire un propulsore già molto performante. Questa nuova unità era in grado di erogare 115 cv, grazie anche alla turbina Garrett che era molto ben tarata.

Alle prestazioni del motore, furono abbinate doti telaistiche per rendere la Gt Turbo un’arma micidiale tra le curve. L’assetto di questa Renault era stato irrigidito e ribassato, in modo tale da avere il più possibile una minore distanza fra il fondo dell’auto e la strada ed avere una maggiore tenuta.

GTI e Turbo Renault 5 Gt turbo

La Supercinque Gt Turbo, chiamata così questa Renault, venne poi aggiornata nel 1987 apportando diverse modifiche. Principalmente i tecnici si focalizzarono per risolvere i problemi di temperatura che affliggeva la turbina ed il propulsore. Per abbassare le temperature che erano troppo elevate, decisero di passare al raffreddamento a liquido del motore e costituirono la turbina Garrett con una di nuova generazione sempre dello stesso produttore.

Anche l’anno successivo decisero di affinare questa bellissima Turbo e oltre ad aggiornarla tecnicamente, fecero un restyling estetico che riguardava sia gli interni che la carrozzeria. Cambiano la calandra anteriore e le minigonne ed i passa ruote posteriori che vengono maggiorati. Anche i cerchi, sempre della Speedline, sono soggetti ad aggiornamento, diventando a stella a 5 punte. Gli interni della Supercinque Turbo, diventano molto più eleganti e funzionali.

Passano i mesi e la R5 Turbo continua ad evolversi e a migliorare le prestazioni globali. I cavalli aumentano e il motore Turbo da il meglio di se stesso. Purtroppo però le persone iniziano a preferire le auto aspirate con distribuzione a 16 valvole, come la Renault Clio 16V. L’erogazione dei cavalli su motori così è molto più gestibile rispetto ai Turbo, ma certamente non danno le stesse sensazioni. Chi ha avuto la fortuna di sentire l’inserimento del Turbo, e di provare la sensazione di un calcio in ….., sa di cosa parlo.

L’ultima GTI Turbo di cui voglio parlare è la Fiat Uno Turbo, un’auto che ha rappresentato il Mare in Italy, in un segmento molto particolare.

GTI e Turbo Fiat Uno Turbo

La Fiat Uno Turbo è una berlina a 2 volumi prodotta dal 1985 al 1994 che competeva con le cugine francesi. Progettata da Giorgetto Giugiaro, questa auto ottenne in poco tempo,  molti consensi da parte del pubblico.

La prima versione della Uno Turbo, ha ottime doti telaistiche e un’ottima tenuta di strada. Motorizzata con il propulsore della Fiat 128 con l’aggiunta della turbina, la Fiat Uno Turbo raggiungeva una velocità di punta di 200 km/h e copriva gli 0-100 km/h in 8,3 secondi.

L’estetica dell’auto è incentrata su prese dell’aria, minigonne e passaruote per conferire alla Uno Turbo un look decisamente racing.

GTI e Turbo Fiat Uno Turbo

Nel 1986 Fiat decide di fare un primo restyling, puramente estetico. Le modifiche più evidenti riguardavano l’aggiunta di determinati particolari e gli adesivi lungo tutta la fiancata e sul portellone posteriore.

Il restyling più importante sulla prima serie della Uno Turbo è del 1987. La modifica principale riguarda l’impianto frenante che viene migliorato con l’aggiunta di un sistema simile all’Abs, ma molto più semplice, denominato Antiskid. 

Rivisti anche i cerchi in lega che ora sono di colore grigio scuro appositamente realizzati per la Fiat Uno Turbo. Inoltre molti sono gli aggiornamenti nel abitacolo, tutti di derivazione sportiva, come le cinture di sicurezza rosse con bordino nero, proprio come sulla Lancia Delta HF Integrale.

Nel 1989 Fiat aggiorna la sua piccola sportiva e nasce la seconda serie. Per continuare ad attrarre clienti, la casa automobilistica Torinese, punta sulle prestazioni e su linee molto moderne.

GTI e Turbo Fiat Uno Turbo seconda serie

Viene sostituito il motore con quello della Fiat Tipo 1.4 con diversi aggiornamenti come l’utilizzo della Turbina Garrett T2. La Potenza erogata è di 116 cv e l’accelerazione da 0-100 km/h in 7,7 secondi e una velocità massima di 205 km/h.

Il design di questa Uno Turbo è molto meno appariscente rispetto alla prima serie, è a mio giudizio ha perso molto del suo fascino. Le sue dirette concorrenti in tutti gli aggiornamenti, almeno a mio giudizio, hanno sempre migliorato il loro look. Quello che però bisogna ammettere, è che quest’ultima Fiat, presentava un miglior livello nelle finiture e negli assemblaggi.

Anche l’abitacolo è stato oggetto del restyling e le novità che saltano subito all’occhio su questa Fiat Uno Turbo, sono il volante a 3 razze della Momo e i sedili a quadretti neri e grigi.

Molti sono stati i preparatori che si sono divertiti ad elaborare la Uno Turbo e tra questi, quello che ha messo mano in maniera un po’ più decisa è la carrozzeria Hormann.

GTI e Turbo Fiat Uno Turbo Hormann.

Le auto GTI Turbo come quelle prodotte negli anni 80, che regalavano emozioni a non finire, purtroppo oggi non esistono più. L’unica possibilità di avere un’auto del genere, è acquistarne una dell’epoca e divertirsi come quando avevamo 18 anni. Per i fortunati possessori di queste fantastiche auto, non mi rimane altro che augurargli buon divertimento.

 

 

 

Pubblicato il
3 mesi ago
Categorie
Automotive
Roberto Valdemburg

Appassionato di auto e di tutto ciò che le riguarda, dopo diverse esperienze lavorative in questo settore in aziende che progettano e producono componentistica specifica, ho deciso di intraprendere la carriera di Automotive Web Author e Automotive Digital Manager. Sono convinto che il digitale sia l’arma migliore per dare innovazione al settore automobilistico. Passione e competenza mi accompagnano in ogni mio articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *