BuzzNews > Intrattenimento > Fiori di Bach per cani e gatti: come e quando funzionano

Fiori di Bach per cani e gatti: come e quando funzionano

Utilizzare fiori di Bach per cani e gatti può sembrare un po’ stravagante, eppure possono aiutare i nostri animali in situazioni di disagio. Vediamo quali

Non di solo Ciappi o Fido Gatto vivono i nostri amici pelosi. Anche loro sono soggetti a disturbi della sfera emotiva che possono impattare con la nostra routine domestica sotto forma di piccoli dispetti o aggressività. Cosa fare in questi casi? Possiamo farli sdraiare nel lettino dello psicanalista, certi che lo apprezzeranno per farsi una bella ronfata; oppure possiamo provare ad utilizzare i fiori di Bach.

Non è facile capire come scegliere i fiori di Bach per cani o gatti, dato che sono animali che tendono all’omertà. Ci sono però circostanze specifiche, che non necessitano di una diagnosi e nelle quali la floriterapia può essere d’aiuto.

fiori-di-bach-fileminimizer

1.  Fiori di Bach per cani e gatti: come sceglierli

L’espressione “essere come cane e gatto” la dice lunga: hanno personalità ben distinte. Alcuni tratti però sono comuni, così come lo sono con quelli degli umani: paure, gelosie, abbandoni o traumi, fanno parte della vita di ogni essere vivente.

La scelta dei fiori di Bach negli animali può risultare a volte un po’ complessa, visto che capire qual è l’essenza perfetta richiede una certa introspezione interiore.

Nelle situazioni che prenderemo in esame la diagnosi è legata a situazioni esterne al nostro animale ed è più immediata

 

Fiori di Bach per cani e gatti in caso di abbandono

Fiori di Bach per cani e gatti in caso di abbandono

Fiori di Bach per cani e gatti in caso di abbandono

Avete appena raccolto un trovatello. L’animale, cane o gatto che sia, avrà sicuramente vissuto l’evento in modo traumatico. In questo caso il rimedio per eccellenza può rivelarsi Rescue Remedy. Solo due dei fiori contenuti nella miscela, sono utili nel caso di animali: Star of Bethlehm per recuperarsi dal trauma, e Rock Rose per il terrore che il povero animale avrà provato a trovarsi da solo, in un luogo sconosciuto e infido, magari senza sapere come procurarsi il cibo. Il consiglio è di utilizzarlo per una settimana o fino a quando non vedrete Fido o Micio stare meglio.

Se si tratta di un cucciolo portato via dalla mamma prima dello svezzamento, Star of Bethlehm, da solo, dovrebbe essere somministrato per un periodo più lungo. Star of Bethlehm è il fiore per i lutti e il distacco dalla mamma rappresenta un lutto vero e proprio. Walnut è invece il fiore che aiuta a gestire i cambiamenti e le transizioni. Se vi suggerissero questo fiore al posto di Star of Bethlhem per il caso in questione, piuttosto aggiungetelo alla miscela, ma non sostituitelo mai all’altro. Star of Bethlhem di solito richiede tempi lunghi di somministrazione anche se nel caso di traumi poco sedimentati (come nel caso dei cuccioli) può risultare più veloce.

Fiori di Bach per cani e gatti se in casa arriva un bambino

Fiori di Bach per cani e gatti se in casa arriva un bambino

Fiori di Bach per cani e gatti se arriva un nuovo “ospite”

Naturalmente parliamo di un ospite permanente. E’ appena nato un bimbo che assorbe tutte le attenzioni della famiglia. Cane e gatto, prima destinatari di tutte le coccole, normalmente reagiscono in modo diverso tra loro: mentre il cane si mostra protettivo verso i piccoli di qualsiasi specie, il gatto sarà sicuramente geloso e inquieto per la presenza di questo esserino che gli assomiglia un po’ ma non ha né peli né coda. Alcuni gatti scappano senza fare più ritorno. Una miscela di Walnut e Heather può aiutare il micio a ritrovare la serenità: Walnut, come abbiamo visto è il fiore dei cambiamenti, delle novità, di tutti i periodi di transizione; Heather è invece il fiore di chi parla in continuazione anche solo per sentire il suono della propria voce, per essere sempre al centro dell’attenzione. Se il disagio del nostro gatto è dovuto alla perdita della “centralità” che aveva prima del nuovo arrivo, Heather è senz’altro il suo fiore.

Se invece la gelosia sfocia in aggressività o tentativi di aggressione al piccolo, Holly lo aiuterà a ritovare il senno e la pace interiore. La gelosia di un Holly allo stato negativo, non è quella fisiologica che fa parte della natura di tutti, nessuno escluso. Holly è animato da odio, desiderio di vendetta e rancore. Un gatto animato da questi sentimenti può diventare pericoloso se rivolge la propria aggressività verso un neonato.

Fiori di Bach per cani e gatti dispettosi

Fiori di Bach per cani e gatti dispettosi: provate Heather

Fiori di Bach per cani  o gatti che interferiscono continuamente con le nostre azioni

Siete immersi nella lettura di un libro appassionante e patapunfete! Un ammasso di peli piomba sulle pagine e non accenna ad andarsene. Oppure vi state allacciando le scarpe, ed eccolo di nuovo piazzato sul vostro piede. Ovviamente quello sbagliato. Insomma, il vostro amico, qualunque cosa stiate facendo, si piazza tra voi e la cosa da fare, così, tanto per ribadire il concetto che esiste anche lui (e come potremmo dimenticarlo?). Anche in questo caso Heather è quello che ci vuole per in vostro animale egocentrico.

Heather lo avrete capito, è perfetto per tutte le situazioni in cui pensate che il vostro animale si senta, a torto, trascurato. Tutti quei piccoli dispetti che vi fa per richiamare la vostra attenzione, spariranno dopo la terapia con questo fiore.

Fiori di Bach per cani e gatti: Centaury se sono vittime di bullismo

Fiori di Bach per cani e gatti: Centaury se sono vittime di bullismo

Fiori di Bach per cani e gatti vittime di bullismo

Non sarà sottilmente perfido come quello degli umani, ma anche il regno animale è dominato dalla lotta per il predominio. Se il vostro cane è lo zimbello di tutti i cani del parco, o il vostro gatto, allo scorgere quello del vicino, scappa su un albero risoluto a passarci l’estate, potete dare al vostro amico una miscela di Centaury, Mimulus e Larch. Centaury è il fiore che aiuta a non abbassare la testa, a donare sicurezza e fermezza; Mimulus lo aiuterà a non avere paura, mentre Larch aiuterà la sua autostima facendogli capire che anche lui ha tutto quel che serve per “darle”. Magari diventerà a sua volta un bullo, ma… sempre meglio darle che prenderle.

Fiori di Bach per cani e gatti: somministrarli nella ciotola dell'acqua

Fiori di Bach per cani e gatti: somministrarli nella ciotola dell’acqua

2.  Fiori di Bach per cani e gatti: come somministrarli

Mentre potrebbe succedere che il cane si lasci somministrare la miscela col contagocce, possiamo escluderlo a priori per il gatto, a meno che non venga aromatizzata al salmone.

La somministrazione classica, come negli umani, indipendentemente dall’indole dell’animale sarebbe preferibile evitarla: ricordiamoci che la pipetta non deve venire mai a contatto con le mucose per evitare contaminazioni della miscela, ed è molto difficile evitarlo in un animale.

Meglio sarebbe mettere due gocce dalla boccetta di riserva, nella ciotola dell’acqua della giornata. Mettete una quantità di acqua sufficiente perchè possa essere ripartita nell’arco delle ore di veglia, senza esagerare con la quantità per evitare che vada buttata senza che siano state assunte le gocce.

3.  Fiori di Bach per cani e gatti: quando usarli

Sopra abbiamo indicato come la floriterapia possa essere un valido aiuto per cani e gatti, limitandoci a situazioni oggettivamente critiche per i nostri animali, o che interferiscono con la nostra vita. Il consiglio è quello di non esagerare con l’interventismo: ricordiamoci che la miglior forma di amore e rispetto nei loro confronti, è lasciarli vivere in sintonia con le leggi della natura, non vestirli col trench di Burberry o farli viaggiare nel trasportino di Vuitton.

Come aveva evidenziato Walt Disney ne “La carica dei 101”, i cani, in particolare, tendono ad assomigliare ai propri padroni e ad assorbirne ansie, nevrosi e comportamenti. Se notate atteggiamenti che vi preoccupano nel vostro cane (o anche nel gatto) provate a chiedervi se non li abbiate voi stessi. Se la risposta è sì, scegliete i fiori di Bach più adatti a voi e curatevi. Vedrete che anche il vostro animale ne trarrà beneficio e quei suoi atteggiamenti che vi avevano tanto preoccupato spariranno.

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Intrattenimento
Dinia Battellini

Più intelligente che intellettuale, più femmina che femminista, laureata in Filosofia della Nonna e Ingegneria Low Tech. Quando scrive le scappa la mano e i suoi post superano in lunghezza “I fratelli Karamazov”. Se andate di fretta evitateli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *