BuzzNews > Intrattenimento > Cinema e Serie TV > Festival del Cinema di Venezia 2017: film in concorso, ospiti e premiazioni

Festival del Cinema di Venezia 2017: film in concorso, ospiti e premiazioni

Mostra del Cinema di Venezia 2017

Dal 30 agosto al 9 settembre 2017 Venezia torna ad essere sotto i riflettori con il Festival del Cinema di Venezia 2017. La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica giunge quest’anno alla sua settantaquattresima edizione.

Festival di Venezia 2017: il programma tra novità e appuntamenti fissi

Durante la presentazione dei film in gara a Venezia 74., tenutasi a Roma a fine luglio, il direttore Alberto Barbera ha svelato le pellicole in concorso. Tra i registi che si contenderanno il Leone d’Oro di Venezia 2017 troviamo anche quattro italiani. Paolo Virzì (The Leisure Seeker), Andrea Pallaoro (Hannah), Sebastiano Riso (Una famiglia) e i Manetti Bros (Ammore e Malavita).

Oltre alle sezioni ufficiali (Venezia 74., Orizzonti e Fuori Concorso), troviamo grandi novità in questa edizione. La sezione Venezia Classici (una rassegna di classici restaurati) e quelle autonome e parallele: le Giornate degli Autori e la Settimana Internazionale della Critica (SIC).

Non sarà una madrina a tenere le fila del Festival del Cinema di Venezia 2017, ma un padrino: Alessandro Borghi, l’attore di Fortunata (2017) di Sergio Castellitto.

I Leoni d’Oro alla Carriera di Venezia 74. sono stati assegnati l’1 settembre a due grandissime star di Hollywood: Jane Fonda e Robert Redford. Come non premiare la straordinaria coppia di A piedi nudi nel parco (1967), film tratto dall’opera teatrale di Neil Simon?

Festival del Cinema 2017: i film più attesi

Quale film riuscirà ad aggiudicarsi il titolo di vincitore del Festival del Cinema di Venezia 2017? Molte sono le pellicole date per vincenti; ecco le più quotate dagli addetti ai lavori.

The Shape of Water, di Guillermo del Toro, thriller ambientato durante gli anni della Guerra Fredda. Proiettato il 31 agosto a Venezia, sarà distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi a inizio dicembre. In Italia dovremo attendere il 2018 per vederlo.

Del regista Ziad Doueiri, The Insult, presentato l’1 settembre. Un film ambientato nella Beirut di oggi. Un insulto scambiato tra un cristiano libanese ed un rifugiato palestinese porterà i due in tribunale. I conflitti condominiali diventano così la cartina di tornasole per descrivere uno spaccato di vita del paese mediorientale.

Altro film dato per vincente è Suburbicon di George Clooney, con Julianne Moore, Matt Damon e Oscar Isaac. Il giallo, ambientato nell’apparente tranquilla cittadina di Suburbicon, è stato proiettato il 2 settembre.

Durante la sera della presentazione e nei giorni successivi si è però parlato d’altro: quale fosse la stella più brillante. A rubare la scena al tanto amato George e alla sua stupenda moglie, Amal Clooney, è stata la passeggiata sul red carpet di Chiara Ferragni. La blogger, in abito bianco (una prova generale per il prossimo matrimonio col rapper italiano Fedez?), ha attirato l’attenzione per via di un sospetto pancino. Il gossip su di una probabile gravidanza della Ferragni si è già scatenato.

Infine, il film Mother!, diretto da Darren Aronofsky, con Javier Bardem, Jennifer Lawrence e Michelle Pfeiffer. Dato tra i papabili vincitori è invece stato fischiato durante la proiezione per la stampa del 5 settembre.

Per gli addetti ai lavori, la trama è pasticciata: un horror? Un film ambientalista? A ciascuno la propria interpretazione. Le vicende si svolgono in una residenza di campagna, dove si incontrano due coppie, una giovane e una più datata. Dopo l’incontro accadranno fatti che turberanno i protagonisti.

A far parlare molto di più della pellicola sono state le due stupende star internazionali e i loro luccicanti abiti sfoggiati al Lido.

Gli outsider del Festival del Cinema di Venezia 2017

Foxtrot, del cinquantacinquenne israeliano Samuel Maoz, è una delle piacevoli sorprese di questa edizione del Festival di Venezia 2017. La pellicola è un film drammatico che vede una famiglia di Tel Aviv dover affrontare, tra rabbia e legittima frustrazione, la morte del proprio figlio soldato. Tema molto sentito dal regista, già vincitore del Leone d’Oro nel 2009 con il film Lebanon (1982), ambientato durante la prima guerra del Libano. Guerra alla quale un giovanissimo Maoz ha partecipato come soldato a bordo di un carro armato di Israele.

Il pubblico italiano del Festival ha apprezzato la pellicola di Paolo Virzì, proiettata il 3 settembre, Ella & John – The Leisure Seeker. La critica statunitense non è invece dello stesso parere. In The Leisure Seeker, tratto dall’omonimo libro di Michael Zadoorian, ad indossare i panni dei protagonisti sono due attori che non hanno bisogno di presentazioni: Helen Mirren e Donald Sutherland. Nella pellicola di Virzì danno il loro meglio.

Sezione Fuori Concorso: Loving Pablo

La notte scorsa è stato presentato il film Fuori Concorso Loving Pablo, di Fernando León de Aranoa, pellicola che parteciperà anche al Festival internazionale del film di Toronto 2017 (tiff). A rivestire il ruolo di Pablo Escobar, il boss del narcotraffico colombiano, Javier Bardem. Nel ruolo della giornalista Virginia Vallejo troviamo, invece, la moglie Penélope Cruz. È proprio il romanzo Loving Pablo, Hating Escobar della Vallejo ad aver ispirato il regista spagnolo.

Bardem e Cruz dimostrano di essere una coppia affiatata e ben collaudata nella vita privata, sul red carpet e, per la prima volta da sposati, come attori protagonisti nello stesso film.

Quale sarà il vincitore del Festival del Cinema di Venezia 2017? 

Per scoprire chi si aggiudicherà il Leone d’Oro di Venezia 2017 dobbiamo aspettare ancora qualche giorno. Nell’attesa perché non approfittarne per vedere il film Ang babaeng humayo (The Woman Who Left) di Lav Diaz? L’opera di Diaz è stata la prima pellicola filippina ad aver vinto il Leone d’Oro come miglior film.

Pubblicato il
3 mesi ago
Categorie
Cinema e Serie TV
Melissa Meletto

“Durante lo scorso autunno un branco di anatre, almeno una quarantina, si posarono proprio al centro del lago affianco a casa nostra, e mentre stavano lì successe questa cosa stranissima. La temperatura si abbassò di colpo fino a far gelare il lago, e le anatre volarono via portandosi dietro il lago, e si dice che ora quel lago si trovi da qualche parte in Georgia”.

“Towanda!”

 

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *