BuzzNews > Tecnologia > Web & Social Media > Facebook, ufficiali le Storie per le pagine. Le possibili motivazioni

Facebook, ufficiali le Storie per le pagine. Le possibili motivazioni

Facebook annuncia le Storie per le pagine

Abbiamo assistito negli ultimi anni all‘invasione delle Storie sulle piattaforme di proprietà Facebook. Le Instagram Stories (arrivate ad agosto 2016) sono state le prime, e hanno riscosso – con numeri in progressiva e costante crescita – un enorme successo. Sulla scia di tale risposta positiva da parte degli utenti, il formato è stato portato su tutte le altre piattaforme di social media: Messenger Day su Messenger, WhatsApp Status per WhatsApp, Facebook Storie su Facebook.

Il problema è che, con il passare dei mesi, questa tipologia di contenuto non è riuscita a replicare il successo ottenuto da Instagram Stories – numeri positivi riguardo l’adozione ci sono in merito a WhatsApp, ma essendo in tale caso i contenuti rivolti verso i soli propri contatti, non fa testo. Non fa testo e non fa rumore, non quanto il fallimento delle Storie di Facebook. Pensateci, sul totale dei vostri amici, quante Storie vedete in media in cima al vostro News Feed? Non voglio sparare numeri, ma la risposta è: molto poche.

facebook stories

Fonte immagine: Andrea Careddu

Ed è così necessariamente, perché se le Facebook Storie non fossero state un fallimento evidente, non ci sarebbe stato alcun motivo di introdurre la possibilità di effettuare il cross-posting da Instagram Stories verso le Storie Facebook direttamente da Instagram – feature in distribuzione attualmente per tutti gli account. E non avrebbe avuto alcun senso nemmeno lanciare, ed è questa la novità delle ultime ore, la possibilità di pubblicare Storie per tutte le pagine. L’arrivo della nuova possibilità di pubblicare contenuti per le pagine è stata comunicata in esclusiva da Facebook al sito statunitense specializzato in tecnologia TechCrunch, da cui apprendiamo che la funzionalità verrà distribuita a tutte le pagine nel corso dei prossimi mesi.

Facebook avrebbe comunicato che il lancio e la distribuzione della funzionalità arrivano in seguito all’esperienza degli utenti su Instagram Stories (qui qualche consiglio su come creare la storia perfetta), piattaforma all’interno della quale gli utenti si sono dimostrati molto aperti all’interazione con profili di brand e personaggi pubblici. È interessante però cercare di comprendere le ragioni dietro l’apertura delle Storie Facebook alle pagine.

Le Instagram Stories sembrano irraggiungibili

Al momento per le Storie Facebook sembra molto difficile raggiungere i numeri delle Instagram Stories. Consideriamo che la piattaforma interna ad Instagram ha, da sola, superato gli utenti di Snapchat. Consapevole di questo fatto, Facebook ha deciso di convogliare – come già accennato – le storie di Instagram su quelle di Facebook attraverso i cross-post. Questo è però, a pensarci bene, un primo ammettere la difficoltà nell’accrescere il numero di utenti che creino Storie direttamente all’interno dell’app Facebook.

Portata organica in regalo per i business

D’altra parte, quella delle pagine potrebbe essere una mossa intelligente. Perché? Semplice, perché le pagine Facebook hanno una portata organica (non a pagamento) in media molto bassa, tranne particolari casi. In soldoni, è molto difficile che un utente veda nel News Feed il post che una pagina X ha pubblicato senza sponsorizzazione – di norma, più basso è il numero di persone che seguono la pagina, maggiore è la portata organica. Con le Storie Facebook per le pagine, però, abbiamo un po’ di portata organica in regalo per tutte le pagine. Verosimilmente, le pagine saranno molto motivate a creare e condividere storie su Facebook, in quanto con questa azione potranno balzare con certezza assoluta in cima al News Feed, nella sezione dedicata alle Storie.

Il mio timore è quello, però, che in futuro questo possa portare all’utilizzo di un algoritmo anche nelle Storie (che per ora sono in ordine cronologico su tutte le piattaforme di proprietà Facebook). Questo sarebbe, sia su Instagram che su Facebook, in questo caso, un incentivo a creare storie sempre di maggiore qualità e, eventualmente, a creare anche storie sponsorizzate con frequenza maggiore rispetto a quanto accade attualmente.

Pubblicato il
1 mese ago
Categorie
Web & Social Media
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *