BuzzNews > Tecnologia > Web & Social Media > Facebook minaccia Tinder con un servizio per incontri

Facebook minaccia Tinder con un servizio per incontri

Facebook sfida Tinder

Con il passare degli anni tutti abbiamo notato come Facebook, il social network più utilizzato al mondo, tenda ormai a cercare di assorbire i prodotti e le funzionalità che possano permettere una crescita. La piattaforma infatti cerca di acquistare direttamente i servizi in cui vede potenziale (o rivalità), come successo ad esempio con Instagram e WhatsApp, oppure copia le loro funzionalità, in un processo forse ancora più dannoso per le stesse piattaforme esterne al network Facebook, Inc. – e questo è il caso di Snapchat, che inizialmente Zuckerberg tentò di acquistare con esito negativo, ma in un secondo momento ha deciso praticamente di clonare, dando vita alle Instagram Stories.

Insomma, la grandezza e la varietà nei servizi riconducibili sembra essere destinata a crescere trimestre dopo trimestre, in maniera quasi inarrestabile. In questi giorni si è tenuta la conferenza Facebook F8, dedicata agli sviluppatori, nel corso della quale sono state annunciate diverse nuove funzionalità in arrivo sulla piattaforma. Una di queste, come da titolo, consiste in una funzionalità per incontri, ed è immediato il pensiero a Tinder, app focalizzata proprio sul dating molto utilizzata e popolare.

Come sarà il servizio per gli incontri di Facebook

Il funzionamento del servizio è molto semplice, come riportato da TechCrunch, e permette di mantenere un certo livello di anonimato attraverso la creazione di un profilo per gli incontri, che sarà visibile solo a chi non è nostro amico su Facebook e utilizza a sua volta il servizio di dating. Vediamo i vari passaggi della feature.

facebook tinder

Fonte immagine: TechCrunch https://techcrunch.com/2018/05/01/facebook-dating/

Prima di tutto, come già accennato, è necessario decidere di utilizzare il servizio, creando un profilo in cui viene mostrato solo il nome, non il cognome. Il profilo stesso non sarà visibile per gli amici, per chi non utilizza il servizio di incontri, né nel News Feed. Il profilo, insomma, rimarrà visibile nel contesto del servizio di dating.

A questo punto si navigherà tra gruppi ed eventi di proprio interesse, che di default sono tutti bloccati, scegliendo quelli per cui sbloccare gli incontri. Una volta sbloccato un evento o un gruppo, si potranno vedere gli altri utenti che per utilizzano il servizio di dating e lo hanno sbloccato. Il profilo di un utente che utilizza il servizio mostra alcune delle sue foto e delle informazioni di base. Le persone verranno visualizzate in base ad interessi ed amici in comune, ma anche in base ad altri dati sugli utenti di cui Facebook è in possesso. Se due utenti si mostrano interessati a vicenda, saranno in grado di dare il via ad una conversazione in una speciale casella di posta, separata da quella di WhatsApp o Messenger, in cui per ragioni di sicurezza (almeno inizialmente) è possibile utilizzare solo contenuto testuale.

Il servizio è molto semplice e potrebbe seriamente minacciare Tinder, la cui compagnia madre Match Group ha visto le azioni calare del 17% dopo l’annuncio da parte di Facebook dell’ingresso nel settore degli incontri. La vera domanda è però sulla privacy della funzionalità all’interno di Facebook, ovvero se il servizio di incontri e il normale utilizzo della piattaforma saranno ben separati e abbastanza indipendenti. Anche se, a dire il vero, anche senza un servizio apposito Facebook è già da anni piattaforma utilizzata da tantissime persone per cercare l’amore.

 

Pubblicato il
4 settimane ago
Categorie
Web & Social Media
Andrea Careddu

Andrea CaredduSono nato nel 1994 in una piccola città del centro Sardegna. Dopo il Diploma sono fuggito dall’Isola e ora, dopo la laurea in Informazione, Media e Pubblicità all’Università di Urbino, studio sempre ad Urbino Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Appassionato originariamente solo di videogames e console, mi occupo da ormai diversi anni di tecnologia, con particolare attenzione a smartphone e computer. Mi piace esprimermi però anche su tematiche più impegnate e vicine a cultura e società, con la speranza un giorno di scrivere per professione. Mi puoi leggere su ACareddu.it e News and Coffee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *