BuzzNews > Intrattenimento > Curiosità > Elon Musk: collegare cervello e computer

Elon Musk: collegare cervello e computer

Elon Musk sta sviluppando un progetto che cambierà il mondo

Elon Musk è un uomo che riesce sempre a sorprendere con le sue innovazioni e anche questa volta non delude le aspettative con un’idea davvero interessante: collegare cervello e computer. Come è possibile? Vediamo di capire in che cosa consiste esattamente questo incredibile progetto.

Elon Musk ha un progetto molto ambizioso: collegare cervello e computer

Elon Musk ha un progetto molto ambizioso: collegare cervello e computer – fonte immagine pixabay.com Credit: mattthewafflecat CC0

Unire la mente con le macchine

Collegare cervello e computer è alla base di questo ambizioso progetto, la connessione deve avvenire tramite un chip, che connette la mente alla macchina.

La realizzazione di questa connessione è piuttosto complicata, occorre creare un collegamento neuronale tra mente umana e computer, facendo in modo che queste due s’interfaccino e che nessuna predomini sull’altra.

Questo tipo d’interazione non è facile da attuare, poiché si basa sulle onde elettriche provenienti dal cervello e le sperimentazioni sui topi, legate ai lacci neuronali, stanno dando dei progressi lenti. Tuttavia l’interesse è molto alto.

Quali benefici si possono avere nel collegare cervello e computer? Ci sono molte applicazioni possibili, alla tecnologia che Elon Musk sta sviluppando, come il poter parlare senza aprire bocca, comandare elettrodomestici con la mente, oppure caricare e scaricare pensieri.

Sembrano tutti scenari che paiono uscire da un romanzo od un film di fantascienza, eppure gli studi che uniscono biologia e tecnologia stanno studiando simili possibilità, le quali sono applicabili anche in campo medico.

Gli aspetti terapeutici di collegare cervello e computer

Questo tipo di tecnologia, promossa da Elon Musk, può essere impiegata anche per cercare di migliorare la vita di chi ha subito ictus e lesioni celebrali.

C’è pure la possibilità di utilizzarla anche in pazienti che hanno malattie come il Parkinson, oppure l’epilessia.

Sarà possibile connettere il cervello al sistema informatico, in modo che si possa controllare meglio la malattia.

L’intelligenza artificiale a contatto con la mente umana

Il rapporto tra intelligenza artificiale e umana è essenziale se si vuole collegare cervello e computer. Questo aspetto è, forse, il punto maggiormente importante e saliente del progetto di Elon Musk.

Occorre fare in modo che l’intelligenza artificiale s’interfacci in maniera equilibrata con quella umana, così da impedire che sovrasti il pensiero umano.

Si deve anche capire come far relazionare, nel migliore dei modi, la mente dell’uomo con il computer, poiché elaborano i dati a velocità diverse.

Il progetto di Elon Musk e il suo futuro

Si può dire che l’idea di collegare cervello e computer è un argomento che è stato discusso molte volte e ha dato anche spunto per alcuni film di fantascienza a tema, come Matrix. Se escludiamo le visioni apocalittiche cinematografiche, può essere anche l’occasione per aiutare e, forse, guarire delle persone con malattie piuttosto gravi e permettere loro di vivere un’esistenza normale.

Solo il tempo e la sperimentazione ci diranno la portata di questo progetto così innovativo e i cambiamenti che porterà.

Pubblicato il
7 mesi ago
Categorie
Curiosità
Viviana Tintori

Viviana Tintori filosofa digitale

Una filosofa specializzata in comunicazione informatica ( eh si…avete letto bene, anche i pensatori amano i computer ) e un’appassionata di tecnologia sin dall’età di undici anni. Classe 1979 e milanese di estrazione, vive immersa nel mondo di Internet e cerca sempre di unire le possibilità date dalla rete con la sua seconda passione: la cultura. È una lettrice accanita, incuriosita da qualsiasi argomento. Adora anche il teatro e il cinema. Abita in una casa piena di libri e uno dei sui desideri è poter guidare una Volkswagen Maggiolino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *