BuzzNews > Lifestyle > Dormire in una prigione: un soggiorno alternativo da brivido

Dormire in una prigione: un soggiorno alternativo da brivido

Ad Halloween quest’anno fate uno scherzetto agli amici: portateli a dormire in una prigione

Siete alla ricerca di un modo originale per passare Halloween 2017? Lasciate a casa costumi da zombie e dentiere da Dracula. Munitevi di tutto il coraggio che avete e andate a dormire in una prigione.

Vacanza in carcere: la nuova moda che spopola nel mondo

dormire in una prigione

Dalle ultime tendenze in fatto di soggiorni e viaggi, emerge sempre più evidente il desiderio di andare alla ricerca di esperienze insolite. Basta con le solite crociere, i villaggi vacanze all inclusive o le visite alle grandi capitali.

Cosa scegliere di singolare? Cosa ne dite di dormire in una prigione, per esempio, ad Halloween 2017?

Shepton Mallet Prison – Bristol

Se vi trovate a Bristol, spostatevi di qualche chilometro e recatevi alla Shepton Mallet Prison. Non è un albergo a cinque stelle ma un carcere a tutti gli effetti, attivo fino al 2013. Le sue mura hanno ospitato prigionieri ad alto rischio a partire dal 1610, anno in cui la prigione è stata costruita.

Cosa vi aspetta a Shepton Mallet? Con la sola luce emanata dalle torce potrete mangiare una porzione di porridge nella vostra cella. Rimanere rintanati nella stanzetta, raggomitolati su di un duro letto e dormire. E se non riuscite a prendere sonno? Avrete tutta la notte per gironzolare tra i corridoi. Di sicuro incontrerete qualcun altro insonne.

San Francisco Dungeon

Più che un vero e proprio carcere il San Francisco Dungeon è un’immensa attrazione. Una sorta di Disneyland a tema vecchie prigioni. Al vostro arrivo vi sarà fornita la tuta da carcerato, per farvi immergere da subito nell’atmosfera. Sarete poi liberi di girovagare tra le diverse celle. Alcune adibite a zone bar, altre invece, pullulano di sorprese. Vi sembrerà di ritrovarvi nelle strade malfamate di San Francisco di fine 1800. La corrente elettrica non è presente in tutte le sale. Se vi si spegnerà la candela, che vi verrà fornita a inizio serata, tenetevi pronti. Vi imbatterete in effetti speciali e attori mascherati pronti a farvi urlare di paura.

Il giorno dopo, se sarete ancora alla ricerca di forti emozioni, andate ad Alcatraz. Recarvi in visita al leggendario carcere di massima sicurezza è facile. Un battello vi porterà fino all’isola. Una guida vi condurrà poi tra le anguste celle di detenzione e vi racconterà le agghiaccianti storie dei detenuti lì rinchiusi.

Ottawa Jail Hostel

dormire in una prigione

Per vivere un’esperienza molto simile alla vera realtà carceraria, andate all’Ottawa Jail Hostel. Dal 1972, anno in cui è stato chiuso, non sono stati effettuati grandi lavori di manutenzione. Mancanza di fondi? No, la scelta è stata proprio quella di conservare l’aspetto più autentico del luogo.

Dopo aver provato l’ebbrezza di dormire in una prigione, fatevi accompagnare all’ultimo piano del carcere. Si dice sia infestato da fantasmi dei prigionieri morti nelle loro celle. E, se non vi dovesse bastare, andate anche a dare uno sguardo ai patiboli. Fate attenzione però: sono perfettamente intatti e funzionanti.

Palazzo dell’Inquisitore di Malta

Lo avreste mai detto che anche nell’isola di Malta potreste dormire in una prigione? Durante il periodo di Halloween, a Vittoriosa, il Palazzo dell’Inquisizione, ed il Museo Nazionale Etnografico posto al suo interno, aprono le porte per una visita del tutto particolare. Quale? Dormire nelle celle dei prigionieri condannati dal Tribunale dell’Inquisizione. Lì dove, tra mura costruite a inizio 1600, gli eretici aspettavano la loro esecuzione.

Voi, invece, potrete scegliervi l’angusto alloggio che più vi ispira per trascorrere la nottata di Halloween. Ricordatevi di portare sacco a pelo e torce. Quelle non sono previste nel soggiorno. Vi verrà però servito un pasto caldo: il ħanżira tal-erwieħ. Il tradizionale piatto preparato in occasione del giorno di tutti i Santi.

Prigioni di lusso

Se l’idea di dormire in una prigione vi attira, ma non volete rinunciare a nessuna comodità, non vi preoccupate. Non avrete difficoltà a trovare location adatte a voi. Dovrete decidere solamente dove andare ed avere il budget per soggiornarvi.

Anche le catene alberghiere più prestigiose hanno infatti deciso di lanciarsi su questo mercato. In tutto il mondo ex carceri sono stati recuperati e convertiti, dopo grandi lavori di restyling, in alberghi da nababbi.

Volete qualche esempio?

The Liberty Hotel- Boston

Varcata la porta d’ingresso del Liberty Hotel di Boston farete fatica a credere di ritrovarvi in un carcere. Chiuso nel 1990 la prigione è stata riconvertita in uno degli hotel più esclusivi della città. Le 300 camere lussuose e super accessoriate, distribuite su quattro piani, e l’immensa hall vi lasceranno senza parole. All’interno del Liberty Hotel troverete diversi bar e ristoranti.

Circondati da tanto sfarzo, come dimostrerete agli amici di dormire in una prigione? Fotografate le porte delle camere: sono quelle originali del carcere. Se siete arditi, provate a chiedere al concierge chi ha occupato prima di voi la vostra stanza. Il precedente inquilino potrebbe essere stato Albert DeSalvo, lo strangolatore di Boston.

Best Western Premier Hotel Katajanokka – Helsinki

Nel centro di Helsinki si trova il Best Western Premier Hotel Katajanokka. Cos’ha di particolare quest’edificio di fine ‘800? Fino al 2002 era una prigione.

Dopo la ristrutturazione, le celle sono diventate 106 camere dotate di ogni comfort. A ricordare il vecchio utilizzo del palazzo sono i mattoni rossi presenti nelle pareti. Nel seminterrato dell’ex carcere non troverete camere di tortura, ma un prestigioso ristorante specializzato in piatti finno-scandinavi, locali e biologici.

Pubblicato il
3 settimane ago
Categorie
Lifestyle
Melissa Meletto

“Durante lo scorso autunno un branco di anatre, almeno una quarantina, si posarono proprio al centro del lago affianco a casa nostra, e mentre stavano lì successe questa cosa stranissima. La temperatura si abbassò di colpo fino a far gelare il lago, e le anatre volarono via portandosi dietro il lago, e si dice che ora quel lago si trovi da qualche parte in Georgia”.

“Towanda!”

 

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *