BuzzNews > Intrattenimento > Cosa vedere nelle Marche: 6 cose da fare e vedere

Cosa vedere nelle Marche: 6 cose da fare e vedere

Cosa vedere nelle Marche: 6 cose da fare e vedere

Cosa vedere nelle Marche, c’è davvero l’imbarazzo della scelta se state per visitare anche solo per pochi gironi questa regione d’Italia,, una regione affacciata sul mare e con molto verde. Regione famosa per aver dato i natali a Giacomo Leopardi, è oggi un polmone verde ricco di storia, colline e luoghi d’arte da visitare. E’ inoltre una delle regioni più eterogenee per paesaggi e luoghi. Scopriamo insieme cosa vedere nelle Marche:

1. Cosa vedere nelle Marche: Senigallia

cosa-vedere-nelle-marche-senigallia

cosa vedere nelle marche senigallia Credit Copyright Commons Wikimedia

Senigallia è uno dei principali centri balneari delle Marche, preso d’assalto dai turisti specie nei mesi estivi, offre numerosi chilometri di coste incontaminate, la più famosa prende il nome di Spiaggia di velluto. Ogni anno richiama turisti da tutta Italia, ma non solo, anche da Paesi limitrofi come Austria e Germania. Oltre al mare, ha molto da offrire per la sua storia e tradizione come la Rocca di Sinigallia e la Chiesa della Croce.

2. Cosa vedere nelle Marche: Ancona

cosa-vedere-nelle-marche

cosa vedere nelle marche Credit Copyright Commons Wikimedia

Ancona è il capoluogo di regione delle Marche, è una città carica di storia, infatti le prime notizie risalgono a oltre 2400 anni fa, fondata come colonia greca, è dominata dal Monte del Conero, che con i suoi 572 metri la sovrasta. Possiede uno dei maggiori porti di tutta Europa, da visitare vi consiglio il Duomo millenario di San Ciriaco, l’Arco Traiano e poi una passeggiata in Via XX settembre, per gli amanti dello shopping.

3. Cosa vedere nelle Marche: Borgo di Corinaldo

cosa-vedere-nelle-marche-corinaldo

cosa vedere nelle marche corinaldo

Uno dei borghi più caratteristichi delle Marche è il comune di Corinaldo, in provincia di Ancona, per la religione è nota per essere il Paese di Santa Maria Goretti. Possiede una cinta muraria medievale ancora intatta di circa un chilometro, ha mantenuto nonostante i secoli la struttura urbana del XVI secolo, meritano attenzione i numerosi monumenti barocchi e neoclassici; inoltre è stato premiato come borgo più bello d’Italia.

4. Cosa vedere nelle Marche: Grotte di Frasassi

cosa-vedere-nelle-marche-frasassi

Grotte di Frasassi

Le Marche hanno molto da offrire anche per gli amanti della natura, a questo proposito meritano una visita, meglio un’escursione, le Grotte di Frasassi, situate all’interno del complesso della Gola Rossa di Frasassi. Dopo la loro scoperta negli Anni 50′, sono oggi una della maggiori attrazioni della Regione, sono di enormi dimensioni; una profondità di 180 m – 120 e una larghezza di 200 m, potendo ospitare al  loro interno persino il Duomo di Milano.

5. Cosa vedere nelle Marche: Recanati

cosa-vedere-nelle-Marche-recanati

Recanati Credit Copyright Commons Wikimedia

Recanati e Giacomo Lepardi un binomio famoso in tutto il mondo, Recanati è il Paese dell’eccelso poeta, ma è anche un delizioso comune sulle colline che presenta ancora molti elementi di un tempo in ottimo stato, dove le principali attrazioni oggi sono i luoghi, oggi visitabili in un museo dove visse e lavorò Leopardi, a partire da Palazzo Leopardi, con la biblioteca originale del poeta, che contiene oltre 20.000 volumi, il colle dell’infinito sul Monte Tabor citato nell’omonima poesia e la piazza del sabato del villaggio.

6. Cosa vedere nelle Marche: Urbino

cosa-vedere-nelle-marche-urbino

cosa vedere nelle marche urbino  Credit Copyright Commons Wikimedia

Un’altra meta da tenere in considerazione è la splendida Urbino, città antica, celebre sede universitaria, e dominata dal suo Palazzo Ducale,  che sovrasta l’intera valle e tutte le case circostanti. E’ considerata dai marchigiani la capitale italiana della cultura e del Rinascimento, tanto che nel 1998 il suo centro storico è stato elevato a Patrimonio dell’Unesco. 

Pubblicato il
2 anni ago
Categorie
Intrattenimento
Giorgio Barison

Giorgio-BarisonDi origini brianzole e venete, anche se si dichiara milanese, amante della parole e dei racconti dalla tenera età di otto anni quando si dilettava già in brevi composizioni crescendo continua a scrivere per il giornalino della scuola e poi del suo Paese. Laureatosi nel 2013 in Scienze della comunicazione, intraprende un viaggio dall’altra parte del mondo in Australia un po’ alla ricerca di sé stesso e di qualcosa di nuovo. Amante di ogni forma di comunicazione e intrattenimento, grande lettore e appassionato di cinema. Capisce che è il momento di buttarsi nei social media e nella tecnologia che sono il presente e il futuro della comunicazione. Decide che nonostante tutto è il momento di tornare sui banchi di scuola all’Università.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *