BuzzNews > Benessere > Fitness & Running > Correre con la neve, si può fare: vediamo come

Correre con la neve, si può fare: vediamo come

Correre con la neve è una delle esperienze più belle da provare

Non capita spesso di avere la possibilità di correre sulla neve, ma i runner che vivono in montagna possono sperimentare questa sensazione unica più volte l’anno. Sì, perché quando nevica è bellissimo scendere in strada e calpestare i fiocchi appena caduti. Una corsa sotto la neve è un’esperienza entusiasmante, il divertimento è assicurato. Prima di correre sulla neve, però,  bisogna organizzarsi, dalla scelta dell’abbigliamento al tipo di scarpe.Correre con la neve, si puo fare

1. Correre con la neve: Quando correre

Non esistono orari precisi per correre in inverno, ma esistono orari migliori. È consigliabile uscire al mattino, in particolare durante la pausa pranzo, quando le temperature sono meno rigide. Per chi non ha tempo, anche la sera prima di cena può andare bene, l’importante è rendersi ben visibili. Sarà fondamentale vestirsi sempre in maniera evidente, usare bande catarifrangenti o dettagli e colori che ci rendano visibili. Parola d’ordine: divertimento!

2. Correre con la neve: AbbigliamentoCorrere con la neve, si puo fare

Fa freddo, ma tieni presente che mentre si corre la temperatura corporea aumenta di circa 5–6 °C in modo da evitare di vestirti troppo. L’abbigliamento non si discosta molto da quello che usiamo durante il resto dell’anno. Per la testa possono bastare una bandana oppure un berretto tecnico di tessuto traspirante che tenga caldo, ma permetta al sudore di evaporare, per la gola consiglio uno scaldacollo tubolare, così se l’aria è molto fredda puoi alzarlo fino a coprire bocca e naso. Per il busto, invece, un primo strato traspirante, un secondo strato termico e un terzo strato antivento o impermeabile. Per le gambe sarà meglio optare per dei pantaloni lunghi e tecnici che devono garantire leggerezza, traspirabilità e morbidezza. Le estremità sono un punto debole della corsa in inverno, soprattutto le mani. Non usare guanti in lana, ma utilizza dei guanti tecnici da corsa invernali.

3. Correre con la neve: Le scarpe

Le scarpe da trail sono perfette, mentre le normali minimal o A3 non sono adatte perché il grip è praticamente inesistente. La scarpa ideale per correre sulla neve nel periodo invernale dev’essere prima di tutto protettiva, possibilmente in Goretex, per assicurare una sufficiente impermeabilità e ben isolata termicamente. Le scarpe che usiamo solitamente non sono indicate sulla neve perché hanno un battistrada adatto all’asfalto asciutto o bagnato, ma non alle superfici innevate o peggio ghiacciate. Meglio usare scarpe con battistrada scolpito che faccia presa sulla neve, la tomaia deve proteggere il piede dall’acqua e deve tenerlo caldo.

4. Correre con la neve: Perché la neveCorrere con la neve, si puo fare

Perché con la neve è tutto un altro divertimento! Correre sotto la neve è un’esperienza da provare, unica e bellissima nel suo genere. Fregatene della costanza dell’andatura e della velocità, i tempi passeranno in secondo piano. Procedi a piccoli passi per gustare il terreno, senti la neve soffice che prende forma sotto ai tuoi piedi e respira l’aria fresca che porta con sé. A molti potrà sembrare una pazzia uscire con il freddo per paura di prendere un bel raffreddore, ma correre sotto la neve è un regalo stupendo che ogni runner deve concedersi e che offrirà l’occasione ad ognuno di tornare bambino. Non è affatto vero che correndo in inverno ci si ammala, anzi, le nostre difese si irrobustiscono, basterà prepararsi a dovere. Ogni runner ha il diritto di divertirsi e di provare il magico effetto della corsa sotto la neve.

5. Correre con la neve: Fare attenzione

Non vedete l’ora di correre sulla neve? Bene, ma fatelo con calma! Fate attenzione a dove correte e tenete gli occhi bene aperti, il pericolo è dietro l’angolo. Non guardate dove state andando, ma dove state correndo, osservate sempre la superficie su cui correte. Pensa a correre in sicurezza, corri dove la neve è più compatta, oppure sulla neve fresca appena depositata, ma fai attenzione: può nascondere lastre di ghiaccio. Allenati su strade senza ghiaccio e corri su marciapiedi puliti. Cerca percorsi illuminati, rallenta il passo e fai attenzione alle irregolarità del terreno gelato. Si corre sempre sul ciglio della strada e contromano, così da rendersi visibili. Attenti alla discesa, le cadute più rovinose avvengono in discesa perché siamo più sbilanciati.

 

Pubblicato il
9 mesi ago
Categorie
Fitness & Running
Massimiliano Faroldi

Nato a San Secondo nella provincia di Parma il 23/03/1983, cresciuto a Fiorenzuola d’Arda. Ho un intrapreso un percorso di studi artistico. A Parma mi sono Diplomato come Maestro e Grafico pubblicitario, a Milano ho frequentato il triennio di Grafica d’Arte presso l’Accademia delle belle arti di Brera. Ho completato gli studi con un biennio in Fotografia presso la scuola Bauer. Attualmente mi occupo di Graphic Design e di Fotografia.

Le mie grandi passioni sono: natura, fotografia e sport. Amo il paesaggio e ogni genere di sport, in particolare ho una venerazione per la corsa. Da parecchi anni sono un Runner amatoriale, mi piace raccontare esperienze personali e dare consigli per arricchire il viaggio di chi vuole avvicinarsi a questa splendida disciplina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *