BuzzNews > Intrattenimento > Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: 5 cose da sapere

Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: 5 cose da sapere

Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: 5 cose da sapere

Consonno, un weekend di fotografia nel paese fantasma più inquietante del lago di Como. L’estate è alle porte e arriva per tutti la voglia di stare all’aria aperta per un weekend di fotografia.
Consonno foto paese fantasma
Cosa c’è di meglio che un paese fantasma come Consonno abbarbicato sulle sponde del lago di Como? Non perderti queste 5 cose da sapere per rendere il tuo weekend di fotografia a Consonno una esperienza indimenticabile!

1. Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: LA STORIA

La Storia di Consonno

Saluti da Consonno, cartolina d’epoca

Consonno nel 1960 è un tranquillo paese rurale e viene descritto come un “insieme di terreni, boschi, fabbricati rurali intersecati da corsi d’acqua, stradette e mulattiere di forma irregolare”. Per l’antico e tranquillo borgo di Consonno la storia cambia quando nel 1962 il Conte Mario Bagno, eccentrico imprenditore, acquista l’intero paese per realizzare la costruzione di una grande città dei balocchi.

Furono quindi costruiti edifici commerciali e di intrattenimento nelle più svariate forme architettoniche: una galleria commerciale arabeggiante con minareto, appartamenti per le vacanze, una pagoda cinese, un castello medievale come porta di ingresso oltre a un albergo di lusso. Il progetto prevedeva la demolizione dell’antico borgo: siamo negli anni Sessanta, in pieno boom economico, e l’attenzione ai valori ambientali non è ancora nata.

Consonno nel 1968 era la Las Vegas della Brianza ma a causa di una serie di frane che spazzò via la nuova strada che la collegava con il centro di Olginate  cadde nell’oblio e nell’abbandono ancor prima di essere completata.

Nell’estate del 2007 alcune centinaia di persone parteciparono al rave party Summer Alliance organizzato illegalmente proprio all’interno delle strutture di Consonno.

 

2. Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: IL CONTE MARIO BAGNO

Consonno Weekend di fotografia: il conte Mario Bagno

Il conte Mario Bagno, eccentrico imprenditore che creò la Las Vegas della Brianza

La mania di grandezza del Conte Mario Bagno emerge chiaramente in una intervista alla Televisione Svizzera: “Farò il circuito in quella zona là – è uno dei più belli per la zona panoramica quasi d’Europa […] ; lì sotto farò il campo di calcio, il campo della pallacanestro e del tombarello, che è uno sport che si svolgerà in declino; qui vengono i campi da tennis, delle bocce, e da minigolf, di là dovrà venire la pista del pattinaggio, luna park e uno zoo di bestie da parco e giardino, un grande zoo, con un grande ristorante popolare con orchestrine curiose, è vero, per attirare tutto il pubblico naturalmente”.

3. Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: COME ARRIVARE, ORARI

Le strade comunali di Consonno sono percorribili a piedi, mentre alle auto è stato precluso l’accesso tramite due sbarre poste all’inizio del paese. La stanga sulla strada da Olginate viene aperta in autunno-inverno ogni domenica dalle 10 alle 12 ed in primavera-estate ogni domenica e festivo dalle 10 alle 19.

Il paese è ormai una città fantasma e gli edifici sono stati interamente recintati per motivi di sicurezza; buona parte di Consonno è di proprietà privata. Arrivando a Consonno si è accolti da vecchi cartelli ormai arrugginiti dal tempo che accolgono il visitatore: “Consonno è il paese più piccolo ma più bello del mondo”, “A Consonno è sempre festa”, “Chi vive a Consonno campa di più”, “Qui Consonno tutto è meraviglioso”.

Consonno Weekend di fotografia

 

4. Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: ASSOCIAZIONE

L’Associazione “Amici di Consonno”, costituita nel giugno 2007 gestisce la ex tavola calda, ora “Bar La Spinada”  inaugurato nel maggio 2012. La medesima Associazione organizza ogni anno a Consonno delle feste tradizionali quali la “Pasquetta a Consonno” (il lunedì di Pasqua), la “Sagra di San Maurizio” (dedicata al patrono di Consonno, a settembre) e la “Burollata” (castagnata) nel mese di ottobre.

Consonno murales

5. Consonno weekend di fotografia nel paese fantasma: SET CINEMATOGRAFICO

Il paese fantasma di Consonno è stato più volte eletto a set cinematografico: alcune scene del film Figli di Annibale (1998) del regista Davide Ferrario, una pubblicità della Levi’s, alcune scene per una trasmissione di MTV, la seconda stagione della web series italiana Skypocalypse, la pubblicità degli occhiali Galssing. Sono infine innumerevoli i videoclip musicali di artisti italiani e stranieri girati tra le rovine di Consonno.

Consonno panorama

Autore
Pubblicato il
2 anni ago
Categorie
IntrattenimentoViaggi
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *