BuzzNews > Lifestyle > Design > Il Bosco Verticale anche in Cina, ma sarà la Città Foresta

Il Bosco Verticale anche in Cina, ma sarà la Città Foresta

In Cina verrà costruita la prima “città foresta” del mondo per cercare di combattere l’inquinamento atmosferico

La Cina nel tentativo di frenare la produzione di gas tossici, ha da poco lanciato il progetto di costruzione della prima Città Foresta del mondo a Liuzhou, nella provincia di Guangxi. Il quartiere di 342 acri, comprenderà più di 70 edifici comprese case, ospedali, alberghi, scuole e uffici,  tutti coperti da 40.000 alberi e quasi un milione di piante.

La progettazione è stata affidata allo studio Stefano Boeri Architetti, dopo il grande successo internazionale del Bosco Verticale di Milano, eletto nel 2015  il “grattacielo più bello e innovativo del mondo”.

Il comunicato stampa sul sito di Stefano Boeri afferma:

“La diffusione delle piante, non solo nei parchi e nei giardini o lungo le strade, ma anche sulle facciate, permetterà alla città di contribuire a migliorare la qualità dell’aria (assorbendo sia la CO2 che le polveri sottili di 57 tonnellate all’anno ), per ridurre la temperatura media dell’aria, per creare barriere di rumore e per migliorare la biodiversità delle specie viventi, generando l’habitat ideale per uccelli, insetti e piccoli animali che abitano nel territorio di Liuzhou”.

Una volta completata, la nuova città ospiterà 30.000 persone e, grazie all’abbondanza di alberi e piante, assorbirà quasi 10.000 tonnellate di CO2, 57 tonnellate di sostanze inquinanti e produrrà circa 900 tonnellate di ossigeno ogni anno.

La città raggiungerà questi numeri piuttosto impressionanti grazie alla presenza di circa un milione di piante di oltre 100 specie, oltre a 40.000 alberi piantati su qualsiasi superficie possibile e immaginabile riprendendo lo stile che già era stato del Bosco Verticale.

La nuova città foresta di Liuzhou si collegherà all’attuale città attraverso una serie di servizi ferroviari veloci e auto elettriche. Ci saranno anche dei piani per rendere la città autosufficiente per quanto riguarda l’energia, grazie alle risorse geotermiche e ai pannelli solari.

La città, attualmente in fase di costruzione, sarà inaugurata entro il 2020.

Autore
Pubblicato il
4 mesi ago
Categorie
Design
Donata Bellan

Donata- l’età non si dice. Peter Pan al femminile. Laureata in scienze dei beni culturali prima e in visual cultures e pratiche curatoriali poi. Scrivo cose, faccio dolci, vado a concerti (troppi) e penso che i sabato sera più belli siano quelli passati con un buon vinile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *