Abbiamo già notato quanto l’Italia sia ricca di tracce del suo passato medievale, tra castelli, rocche e torri. Alcune zone ne ospitano una quantità notevole. È il caso di quella parte di Emilia Romagna corrispondente all’antico Ducato di Parma e Piacenza.

In questa zona se ne contano all’incirca 25, popolati di antiche leggende tutte da scoprire, in una zona d’Italia in cui la storia si radica molti secoli addietro. Fra le molte fortezze, Buzznews ha selezionato le 8 perle da non perdere.

Castelli nei pressi di Parma

Nei pressi di Parma, tra i luoghi verdiani e la via Francigena, si trovano una quindicina di castelli, affascinanti esempi di architettura medievale, tra i più belli d’Italia, che ci si immagina abitati da nobili e cortigiani. Abbiamo selezionato i 4 più belli.

Castello di Torrechiara

Questo Castello fu fatto edificare da Pier Maria Rossi, intorno al 1450 con una evidente funzione difensiva. A dimostrarlo tre cerchie di mura e quattro torri angolari. Le ricche decorazioni attestano però che era pensato anche come residenza.

Il castello è chiamato “La fortezza dal cuore affrescato”, soprattutto per le pitture ad affresco dette “a grottesche” di Buglione e la Camera d’Oro, attribuita a Benedetto Bembo. Era stata edificata per celebrare l’amore tra Pier Maria e Bianca Pellegrini. Simboleggia inoltre la potenza del casato con le raffigurazioni dei castelli della provincia.

Castelli del ducato di Parma e Piacenza Torrechiara

Rocca di Sanvitale di Fontanellato

A Fontanellato si sente ancora aria di antico. La rocca che sovrasta il borgo è infatti ancora circondata da un ampio fossato d’acqua che conferisce fascino al castello. Incantevole anche la decorazione delle sale interne, che raffigura il mito greco di Diana e Atteone. A firmare gli affreschi il noto Parmigianino.

Vi si trovano poi mobili e suppellettili di ogni tempo, dal Cinquecento al Novecento, di proprietà della famiglia che la possedette fino a dopo la Seconda Guerra Mondiale. Sorprendente poi la Camera Ottica, in cui un complesso sistema di specchi e prismi consente di sbirciare in segreto il borgo.

Fortezza di Bardi

Arroccata da circa mille anni su uno sperone di diaspro rosso, alla conferenza di due torrenti, troneggia tra i castelli del Ducato quello di Bardi. É stato edificato nel Duecento, ed è appartenuto per secoli alla famiglia Landi.

Si tratta del massimo esempio italiano di architettura militare, e durante una visita sono molte le cose da non perdere, che raccontano la vita dei castellani. Accanto ai camminamenti, alle torri e alla piazza d’arme militari, alle prigioni e alla sala delle torture, si mostra anche il lato operoso. Sono infatti ancora visibili granaio, ghiacciaia e pozzo.

Castelli del ducato di Parma

Rocca Meli Lupi di Soragna

Se siete amanti dei castelli divenuti dimore eleganti, questa rocca fa per voi, Edificata negli anni conclusivi del 1300, dai marchesi Lupi, ospita ancora alcune testimonianze della fase più antica delle sua storia

Tuttavia dal 1600 è stata trasformata nella fastosa residenza dei Principi Meli Lupi, che vi abitano ancora oggi. I visitatori possono ammirare sale affrescate da numerosi cicli preziosi, ornati da mobili secenteschi e preziosi arredi.

Castelli nei pressi di Piacenza

Spostiamoci ora nei pressi di Piacenza, l’altra città fulcro del prosperoso antico ducato. Anche qui i castelli sono molto numerosi e molto celebri, circa una decina. Tutti meriterebbero una visita, ma ecco i 4 più affascinanti che abbiamo scelto noi.

Castello di Gropparello

Uno dei castelli più celebri d’Italia è senza dubbio quello di Gropparello, nel piacentino. É stato edificato nel VII sec., e qui hanno abitato alcune delle famiglie che riempiono i libri di storia, come gli Sforza. Ha una pianta irregolare, ed è una prova dell’arte di fortificare.

Il castello, che troneggia sopra un torrente e una rocca di serpentino verde, è soprattutto amato dai bambini. Nel suo parco infatti si trova il “Parco delle Fiabe“, e si può dormire nella Torre del Barbagianni. I più grandi, nella “Taverna Medievale”; possono assaporare sontuosi banchetti.

Castelli-del-ducato-di-Parma-e-Piacenza-Gropparello

Castello di Rivalta

Documenti che attestano l’esistenza di questo castello sono stati trovati a partire addirittura dal 1048. Anch’esso appartiene alla famiglia Landi, che ancora lo abita. Ospiti abituali, tra queste mura, sono oggi personaggi come i membri della famiglia reale inglese.

Oltre ad essere un ambiente estremamente lussuoso, conserva tuttavia le testimonianze della sua antica origine, tra cui le prigioni e la sala d’armi. Il castello è visibile da lontano perchè è sovrastato da un imponente torresino, ma è circondato da un magnifico parco.

Castello Malaspina dal Verme di Bobbio

Si tratta di un antico e austero maniero, regalato da Gian Galeazzo Visconti alla nuora Isabella di Francia, nel 1360. Dopo successive riedificazioni, oggi è un fortilizio composto da più edifici racchiusi dentro una cinta muraria.

Ha inoltre avuto di recente una nuova vita cinematografica. Il regista Marco Bellocchio, che qui è nato, ne ha fatto il centro del suo “Sangue del mio sangue”, raccontandone gli intrighi a cavallo tra il presente e il 1600. Se amate i set, non perdetelo: è un bene dello Stato.

Castelli del ducato di Parma e Piacenza Bobbio

Castello di Anguissola Scotti Gonzaga di Aguizzano

Terminiamo la rassegna dei castelli più belli del ducato con una rocca rappresentativa di tutta la vallata. Simbolo del borgo, la rocca risale al VII secolo. La rocca di apre su un loggiato del Quattrocento, ed è ancora di proprietà dei discendenti dei primi castellani, gli Scotti.castelli d’italia.

Circondato da un elegante giardino alla francese, questo castello è la perfetta sintesi fra i più begli esempi di architettura medievale militare e l’eleganza di una dimora signorile rinascimentale, quale è stata successivamente riadattata. L’esemplificazione perfetta del motivo per cui questi luoghi meritano una visita!

Author
Published
2 settimane ago
Categories
Borghi d'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *