BuzzNews > Lifestyle > Carla Fendi: addio alla stilista e mecenate romana

Carla Fendi: addio alla stilista e mecenate romana

Carla Fendi si è spenta  a 80 anni, era malata da tempo

Classe 1937, iconica figura della moda italiana, donna forte e mecenate romana, Carla Fendi è morta all’età di 80 anni nella sua Roma.

Dopo Krizia e Laura Biagiotti, con Carla Fendi scompare un’altra signora della moda made in Italy, un altro simbolo dello stile e di una certa moda che oramai non c’è più. Carla era una colonna portante dell’impero della moda italiana, l’ambasciatrice del marchio Fendi nel mondo.

calra fendi buzznews

le sorelle Fendi. da sinistra Anna, Franca, Paola, Carla e Alda

Un’altra signora della moda che ci lascia, un altro pezzo di storia del nostro Paese che se ne va. Carla è tornata al fianco dell’amato marito, Candido, scomparso nel 2013 all’età di 83 anni.

Chi era Carla Fendi, ambasciatrice della maison romana?

Nata nel 1937, quarta delle cinque sorelle Fendi ( le altre sono Paola, Anna, Franca e Alda), Carla Fendi è la vera anima del marchio Fendi. La casa di moda nasce nel 1925, quando Adele Casagrande, che nel 1918 aveva aperto un piccolo laboratorio di pellicceria, sposa Edoardo Fendi.

Alla fine degli anni ’50, completati gli studi classici, Carla Fendi entra a far parte dell’azienda di famiglia, e a lei si deve l’internazionalizzazione del brand, la cui fama esce dall’Italia e arriva fino in America.

calra fendi buzznews

La formazione di Carla Fendi è vasta, copre vari campi, da quello amministrativo a quello delle vendite. Ma sono le relazioni pubbliche il suo vero campo d’azione. Negli anni ’60 punta con successo al mercato americano e in seguito si occuperà dell’ufficio stampa, delle pubblicità, della comunicazione aziendale. Carla Fendi era l’immagine dell’azienda. “Siamo come le cinque dita di una mano, diceva sempre nostra madre, ognuna ha la sua funzione” diceva.

calra fendi buzznews

Al suo fianco, per 55 anni, Carla ha avuto il “marito consigliere”, Candido Speroni, ex farmacista toscano diventato parte della famiglia Fendi. A lui Carla chiedeva consiglio, sempre. È proprio Candido che spinge Carla a diventare una mecenate. Entrambi condividevano l’amore per l’arte.

Nel 2010, la coppia ha festeggiato le nozze d’oro, con una festa che contava 400 invitati e l’orchestra di Renzo Arbore come intrattenimento musicale. Nel 2014, ad un anno dalla scomparsa del marito, Carla fa un atto di grande amore e mecenatismo: si dedica al restauro di due altari laterali del presbiterio nella chiesetta di Pieve di Santa Maria Assunta di Piancastagnaio, in provincia di Siena, città natale di Candido.

Carla Fendi, grande mecenate dell’arte

Oltre alla moda, l’altro grande amore di Carla Fendi era l’arte. Nel 2007, fondò la Fondazione Carla Fendi. Lo scopo principale di questa fondazione era, ed è ancora, il dare contributo ed assistenza alla preservazione di beni e valori culturali del passato, garantendone la continuità nei giorni nostri e nel futuro. Arte, cinema, musica, ambiente, sono alcuni dei campi d’azione della Fondazione Carla Fendi, che ha promosso grandi eventi culturali, sostiene dal 2010 l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e ha istituito nel 2016 un premio.

calra fendi buzznews

Carla Fendi con Karl Lagerfeld

Alcune nelle grandi opere della Fondazione sono state il sostegno al Festival dei Due Mondi, il restauro del Teatro Caio Melisso di Spoleto e il sostegno, nel 2015, alla creazione del presepe di Giosetta Fioroni, nella chiesa degli Artisti, la Basilica di Santa Maria in Montesanto a Roma.

Carla Fendi in televisione

Carla non è stata immune alle parodie televisive. Grande signora della moda, volto del brand di famiglia, nata con il gene delle PR, Carla Fendi è la “vittima” della parodia di Marcello Cesena, volto comico che ben conosciamo per il personaggio assurdo di Jean-Claude, protagonista di Sensualità a corte.

Ecco due, esilaranti, sketch:

 

Pubblicato il
7 mesi ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *