BuzzNews > Lifestyle > Capucci Primavera-Estate 2017 alla Milano Fashion Week

Capucci Primavera-Estate 2017 alla Milano Fashion Week

Alla Milano Fashion Week, il grande ritorno di Capucci, la maison che ha fatto la storia della moda italiana.

Roberto Capucci è uno dei nomi iconici dell’Alta Moda italiana. Ha creato indimenticabili abiti-scultura, sfidando le leggi della geometria, della fisica, della moda, della vestibilità (perché, diciamolo, un abito Capucci è stupendo ma faticoso da indossare).

capucci dress

Roberto Capucci

Come molti altri brand storici prima di lui, anche per la maison Capucci è arrivato il momento di un rebranding, dopo anni nei musei e nelle fantasie.

A prendere in mano le redini, un giovane talento: Mario Dice.

Forse non tutti sanno che abbiamo già potuto gustarci i lavori d’alta moda di Mario Dice, il giovane designer alla guida della maison Capucci.

Già, i suoi vestiti sono saliti sul palco dell’Ariston al Festival di Sanremo 2016, addosso ad Annalisa e Virginia Raffaele.

capucci dress

(a sin.) Virginia Raffaele/Belen – l’abito Mario Dice in passerella (foto Instagram)

capucci dress

Annalisa a Sanremo in abito Mario Dice (foto Instagram)

Questo giovane designer con un passato in maison di tutto rispetto come Zuhair Murad e Sorelle Fontana, adesso ha preso in mano la pesante eredità di un marchio come Capucci.

Durante la Milano Fashion Week, però, ha dato prova a tutti di poter ampiamente stare al comando e di non “crollare” sotto il peso del nome del fondatore, oggi ottantacinquenne.

La sua collezione ready-to-wear per la primavera 2017, presentata nel chiostro di Palazzo Isimbardi, è la trasposizione della couture italiana nel mondo del “pronto per essere indossato”.

C’è tutto della maison: i colori vivaci, le silhouette femminili, i volumi, i drappeggi e le plissettature, una nuova versione dell’abito come scultura.

capucci dress

Abito Capucci (foto Eron Selishta)

 

Risultato più che convincente, esame superato a pieni voti per il giovane talento della couture italiana.

Un nome importante, portato avanti con la freschezza e l’attenzione al dettaglio che pochi oggi hanno ancora, più interessati forse ai numeri e più vicini allo sportswear o agli abiti agender. Mario Dice, con la sua collezione per Capucci (ma anche con gli abiti della sua linea personale) offre qualcosa di insolito nel ready-to-wear: il lavoro sartoriale al limite della Haute Couture. capucci sfilata

Dopo Schiaparelli e Vionnet, un altro nome che ha fatto storia si prepara a tornare alla luce grazie ai lavori di giovani creativi.

Un grande in bocca al lupo.

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Lifestyle
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *