BuzzNews > Lifestyle > Design > Una cappella interamente in legno: il design giapponese ecosostenibile

Una cappella interamente in legno: il design giapponese ecosostenibile

La cappella degli architetti Tezuka è un perfetto esempio di design giapponese ecosostenibile

La struttura stessa è stata rifinita completamente in legno per creare uno spazio caldo, accogliente e pacifico di celebrazione e contemplazione.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 2

© katsuhisa kida / fototeca

La luce naturale entra attraverso i lucernari provenienti da tutti e quattro i lati della cappella per creare un’illuminazione in continua evoluzione, a seconda dell’ora del giorno.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 3

© katsuhisa kida / fototeca

La funzione religiosa dell’edifico si percepisce soltanto una volta entrati, mentre l’esterno è composto da semplici volumi rettangolari rivestiti in legno.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 4

© katsuhisa kida / fototeca

Un insieme di porte pieghevoli poste sul retro consente alla stanza di trasformarsi in un grande spazio e permette alla cappella di essere flessibile e adattabile a diversi eventi.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 6

© katsuhisa kida / fototeca

L’edificio è un fulcro per molte attività sociali della la comunità ed è stata creata anche una stanza apposita per le persone in cerca di un rifugio.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 5

© katsuhisa kida / fototeca

Molto simile ai progetti passati completati dagli architetti Tezuka, la cappella ha un significato “poetico”: il battistero, infatti, è scolpito nel pavimento per ricreare lo scorrere del fiume Giordano.

Una cappella interamente in legno il design giapponese ecosostenibile 7

© katsuhisa kida / fototeca

Autore
Pubblicato il
5 mesi ago
Categorie
Design
Donata Bellan

Donata- l’età non si dice. Peter Pan al femminile. Laureata in scienze dei beni culturali prima e in visual cultures e pratiche curatoriali poi. Scrivo cose, faccio dolci, vado a concerti (troppi) e penso che i sabato sera più belli siano quelli passati con un buon vinile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *