BuzzNews > Viaggi > Viaggi in Italia > Borghi più belli della Sardegna: 4 luoghi da scoprire

Borghi più belli della Sardegna: 4 luoghi da scoprire

Borghi più belli della Sardegna: cosa visitare?

I borghi più belli della Sardegna. Quando si pensa alla Sardegna, inevitabilmente si atterra con la fantasia in piena estate, in bikini, sulle sue bellissime spiagge bianche, tra insenature meravigliose e acque da sogno, ma sarà solo questo?
Il poeta e cantautore Fabrizio De André recitava:

«La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso».

Come dargli torto? La Sardegna è sicuramente un’isola del Mediterraneo tra le più preziose: dalla gente dei borghi e dai paesini sperduti con i loro misteri irrisolti, la Sardegna non è però solo “spiagge”. Padrona di una storia antica, disseminata di testimonianze importanti, dai nuraghe ai pozzi sacri, i fitti boschi, le colline colorate e con i suoi borghi medievali,  la Sardegna è una regione che vale la pena di scoprire da nord a sud, da est ad ovest, fino al centro di questa croce, il suo cuore.

Vediamo insieme quali sono i borghi più belli della Sardegna, in cui è possibile fare un salto nel passato, visitando castelli, ammirando fortezze e calpestando lo stesso suolo dei nostri avi.

Borghi più belli della Sardegna: Atzara (NU)

I borghi più belli della Sardegna: Atzara – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Atzara – fonte Wikipedia

Circondata da una natura selvaggia tipica dei territori della Barbagia, Atzara è un borgo medievale in provincia di Nuoro, in cui è ancora evidente la costruzione in granito di vecchie case ed edifici del centro storico.
Se ci si trova in questo meraviglioso comune, è doveroso ritagliarsi del tempo per visitare la particolare chiesa di S.Antioco Martire, risalente al XV° secolo, in stile gotico aragonese; da visitare inoltre il sito archeologico di Domus de janas e il nuraghe di Abbagadda.

Se si vuole respirare la stessa aria che si respirava durante il Medioevo, all’interno del territorio si trovano anche le chiese campestri dedicate al culto di Maria, ultime testimonianze di quel periodo storico: la chiesa di Santa Maria del Giosso, situata in località Laonìsa, e di Santa Maria de Susu. Atzara si trova ad un’altitudine di 543 metri sul livello del mare, nel versante occidentale del Gennargentu, ed è dominata dal monte “Sa Costa” che raggiunge i 782 metri s.l.m. ad un passo dalle vette più alte della Sardegna.

Una curiosità: ad Atzara è indossato, ancora oggi da molte donne anziane del paese, un particolare copricapo senza eguali, chiamato “Tiaggiòla“, ha attirato da sempre la curiosità artistica di fotografi e i pittori.

I borghi più belli della Sardegna: Atzara e i costumi tradizionali – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Atzara e i costumi tradizionali – fonte Wikipedia

Vi segnaliamo due eventi nelle vicinanze:

  • 13 novembre: Festa del patrono, Sant’Antioco;
  • ultimo fine settimana di novembre: Dal Vino Alla Pittura, Autunno in Barbagia.

Borghi più belli della Sardegna: Castelsardo (SS)

I borghi più belli della Sardegna: Castelsardo – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Castelsardo – fonte Wikipedia

Un borgo medievale assolutamente da non perdere, posto lungo la costa settentrionale dell’isola, sul Golfo dell’Asinara, a 30 chilometri da Sassari, è Castelsardo (o Castheddu, come i sassaresi amano chiamarlo), situato a strapiombo del mare, col suo suggestivo Castello che domina dall’alto il suo porto turistico, le sue spiagge e le sue meravigliose calette. Famoso soprattutto per il suo artigianato, la città è conosciuta anche grazie ad una delle feste tradizionali sarde più emozionanti che ospita: i riti della Settimana Santa.

Il Castello dei Doria, edificato nel XII secolo, è caratterizzato da imponenti bastioni, scale ripide e stretti vicoli ed al suo interno è attivo il Museo dell’Intreccio Mediterraneo. Da visitare anche la Cattedrale di Sant’Antonio, del XIV secolo, da cui svetta il campanile, caratterizzato da una cupola ricoperta da maioliche policrome e da una vista mozzafiato sul litorale.

I borghi più belli della Sardegna: Cattedrale di Sant'Antonio Abate, Castelsardo – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Cattedrale di Sant’Antonio Abate, Castelsardo – fonte Wikipedia

Impossibile non parlare delle sue spiagge, di una sabbia finissima e dorata, fiancheggiate da formazioni rocciose dalle forme particolari e favolose, come Punta La Capra, Pedra Ledda, Portu di La Rena, Cala Ostina, Punta Li Paddimi, Lu Bagnu, Platamona e la meravigliosa isola dell’Asinara si trovano nelle vicinanze.

Da visitare vi consigliamo:

  • il palazzo dei Doria;
  • il palazzo Eleonora d’Arborea (restaurato), sede di rappresentanza del sindaco;
  • il Castello dei Doria del 1102, sede del rinnovato MIM (Museo dell’intreccio mediterraneo), il sito museale più visitato della Sardegna;
  • la cinta muraria a mare ed il percorso di sentinella, da cui si gode di una splendida vista sull’intero golfo dell’Asinara.

Imperdibili i concerti che in questo comune si svolgono attivamente dal 2002 e che hanno luogo la sera di Natale e di Capodanno, annoverando, tra gli artisti, nomi come Francesco Renga, i Negramaro, Max Pezzali, Irene Grandi, Francesco De Gregori e tanti altri.

Borghi più belli della Sardegna: Bosa (OR)

I borghi più belli della Sardegna: Bosa – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Bosa – fonte Wikipedia

Sovrastata dalle rovine del Castello di Serravalle, o Malaspina, del XII secolo, caratterizzata da case dipinte dai toni pastello, strade lastricate di ciottoli e balconi in ferro battuto, Bosa coniuga sapientemente il carattere storico che la contraddistingue, con quello contemporaneo, che la porta ai giorni nostri. Il centro storico è Sa Costa, mentre Sa Piatta è il nome della parte pianeggiante e più recente, dove è possibile scorgere bellissimi edifici risalenti al settecento, come Palazzo Don Carlos e il museo di Casa Deriu, di recente trasformazione. Imperdibile ed affascinante è sicuramente la Cattedrale di Bosa, del quattrocento, sovrastata da una particolarissima cupola e caratterizzata da una facciata rococò e da interni barocchi.

I borghi più belli della Sardegna: Castello di Serravalle, Bosa – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Castello di Serravalle, Bosa – fonte Wikipedia

Bosa è uno dei borghi più suggestivi della Sardegna: adagiata sul fondo di una valle, vicino al mare, dominata dal Castello dei Malaspina, è certamente uno dei borghi più belli d’Italia. Grazie soprattutto all’effetto dato dai colori delle sue case, dai panorami bellissimi, dalla sua storia e dall’enogastronomia caratteristica, Bosa è considerata unica e dal sapore incontaminato.
Essa vanta, inoltre, l’attraversamento del corso del Temo, l’unico fiume navigabile della Sardegna, per circa 6 km. E’ nella sua piana alluvionale che è sito il centro abitato, partito da un nucleo medievale posizionato sulle pendici del colle di Serravalle (81 m s.l.m.), e successivamente esteso verso valle, sino alla foce, in direzione della costa, ove si è sviluppata una stazione balneare, chiamata Bosa Marina.

I borghi più belli della Sardegna: cattedrale di Bosa – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: cattedrale di Bosa – fonte Wikipedia

Tappe irrinunciabili per questo viaggio la Chiesa di Sant’Antonio Abate e, di epoca barocca, la Concattedrale dell’Immacolata Concezione, la Chiesa di Nostra Signora del Santo Rosario e la Chiesa della Beata Vergine del Carmelo.

Borghi più belli della Sardegna: Nora, Pula (CA e OR)

I borghi più belli della Sardegna: Nora – fonte Wikipedia

I borghi più belli della Sardegna: Nora – fonte Wikipedia

Ad un paio di chilometri dal comune di Pula, sotto la soprintendenza archeologica di Cagliari ed Oristano, si trova l’imperdibile sito di Nora: un’antica città di fondazione fenicio-punica, con resti di terme romane sul mare, collocata sul promontorio, separato dalla terraferma da un lembo di terra che si estende in un’area dominata dalla torre spagnola del Coltellazzo. Testimonianze letterarie narrano di una leggenda secondo la quale Nora sarebbe stata fondata da un eroe di provenienza iberica chiamato Norace, da cui avrebbe preso il particolare nome.

Della ripopolazione nuragica-fenicia del VIII secolo a.C. abbiamo notizie grazie al ritrovamento della stele di Nora, con iscrizioni in un alfabeto simile al fenicio e con la più antica attestazione del nome della Sardegna.
Le testimonianze della città sono state in parte coperte o cancellate dalla sistemazione della città, avvenuta in età romana. Le strutture che abbiamo la fortuna di visitare oggi sono, infatti, risalenti in prevalenza proprio alla fase romana del sito.

Borghi più belli della Sardegna: perché limitarsi?

Come avete visto, alla Sardegna non mancano di certo luoghi degni d’esser visitati, che siano provvisti di acque cristalline, o resti archeologici capaci di farci fare un vero e proprio viaggio spazio-temporale. Una volta immersi in questi paesaggi, che hanno ispirato letteratura, musica e mitologia, il vostro cuore verrà rapito e sentirete l’esigenza di scoprirne sempre di più. Se poi avrete la fortuna di incontrare le persone del luogo con il loro calore, respirare ciò che loro respirano e assaggiare ciò che loro assaporano ogni giorno, ahimè, temo non farete più ritorno.

Buon viaggio!

Pubblicato il
11 mesi ago
Categorie
Viaggi in Italia
Eleonora Cardellini

Nata ad Alessandria, nella fredda e nebbiosa notte di Halloween del lontano 1985, vive e studia da quelle parti, fino alla maturità, conseguendo il diploma socio-psico-pedagogico.
Tutta quella Filosofia l’aveva stufata e giurò a se stessa che non ne avrebbe mai più voluto sentir parlare. Fu così che si laureò in Scienze Filosofiche all’Università degli studi di Pavia.

Appassionata di gatti, con cui ha un feeling speciale, nail art, disegno, manipolazione di fimo e altri materiali creativi, cinema e narrativa sui vampiri (escluso Twilight, vi prego!) e di musica, si fa accompagnare da sempre dalla meravigliosa voce di Freddie Mercury, considerato alla stregua di un padre.
Dalla personalità tutta sua, mette il cuore in tutto ciò che riesce a raggiungerlo.

Il suo motto sarà sempre “Don’t stop me now!”

One comment on “Borghi più belli della Sardegna: 4 luoghi da scoprire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *