Architettura 2017: condivisione e rivalutazione

L’architettura 2017 sarà la protagonista indiscussa. Nuovi edifici firmati dalle più grandi archistar internazionali sorgeranno in tutto il mondo. Da Parigi, ad Amburgo, da Los Angeles agli Emirati fino a Milano e Napoli, la riqualificazione di aree metropolitane e la condivisione di spazi saranno al centro dei piani urbanistici tra ecologia, riconversione e nuove prospettive.

Progetti in Italia e nel mondo: Renzo Piano, Fuksas, Zaha Hadid

Tra i 10 progetti più interessanti dell’architettura 2017 ci sono i lavori ideati da architetti del calibro di Renzo Piano, Massimiliano Fuksas e Zaha Hadid. Vecchi e nuovi orizzonti territoriali sono il campo di attività per soluzioni che rispondano alle nuove esigenze dell’abitare e del vivere.

Tali progetti riguardano aree residenziali, poli commerciali, lavorativi e infrastrutture. Tutti sono accomunati dalla volontà di creare spazi condivisi. La finalità è dare vita a nuovi quartieri di convivenza e di coworking attraverso luoghi deputati alle necessità tipiche della contemporaneità.

La ricerca, la cultura e la connettività sociale guidano gli architetti verso l’elaborazione di soluzioni innovative che si innestino nel tessuto sociale e urbanistico. Il risultato è la nascita di architetture uniche tra cui elenchiamo i 10 progetti che lasceranno maggiormente il segno.

1.  Tribunale di Parigi di Renzo Piano

Architettura 2017- Renzo-Piano

L’architetto italiano noto nel mondo ancora una volta opera nella Ville Lumière. A Renzo Piano infatti è stato affidato un altro edificio pubblico di grande importanza. Dopo il Centro Pompidou e altre committenze di rilievo, firma il progetto per il nuovo tribunale della capitale francese. Esso sorgerà nell’eco – quartiere di Clichy Batignolles.

2.  Stazione di Afragola di Zaha Hadid

Anche in Italia ci sarà un rinnovamento urbano e territoriale. Se la metropoli che più di tutte vedrà rivoluzionato il suo skyline è Milano e il suo hinterland, si vedranno novità anche in altri centri. Napoli in particolare sta vivendo negli ultimi anni una rinascita culturale attraverso la riqualificazione architettonica e territoriale.

Dopo le Stazione dell’Arte e il Museo Herman Nitsch, l’architettura contemporanea torna a riconvertire e rinnovare la città. Zaha Hadid lo ha fatto con la Stazione dell’Alta Velocità.

3.  Beverly Center di Massimiliano Fuksas

Uno dei più conosciuti architetti italiani ha ideato la nuova area commerciale di Los Angeles. L’immensa superficie ospiterà locali commerciali per servire la ricca e popolosa zona. L’architetto che ha da poco festeggiato i 73 anni è ancora molto attivo e non vediamo l’ora di rivederne l’imitazione di Crozza; e chissà che non ci presenti ironicamente questo progetto.

4.  Cinque architetture per l’Emilia

Architettura 2017-Ricostruzione-post-terremoto

L’architettura come rinascita è una realtà per le zone terremotate dell’Emilia Romagna. Nei centri colpiti dal sisma del 2012 verranno eretti: un centro giovani con area di coworking, una palestra, un centro culturale, una casa della musica e un centro disabili. I progetti sono dello studio Mario Cucinella Architects.

5.  Filarmonica di Amburgo di Herzog & de Meuron

Il fermento culturale di nuovi centri passa attraverso l’edificazione di spazi moderni con funzioni vecchie e nuove. Lo studio Herzog & de Meuron ha lasciato la propria inconfondibile impronta in città sparse in tutto il mondo ed ora firma il disegno per la Filarmonica di Amburgo.

6.  Campo Humanitas University di Rozzano

Il Campo Humanitas University dell’architetto Filippo Taidelli a Rozzano rispecchia le necessità della società attuale. L’importanza della ricerca e dello studio portano a realizzare ambienti adatti allo scopo. Il luogo di lavoro diventa sempre più oggetto di studio per l’architettura contemporanea nell’ambito di nuove ottiche progettuali.

7.  Il Louvre di Jean Nouvel

Le nuove frontiere dello sviluppo economico aprono prospettive diverse per l’architettura contemporanea. In particolare in Cina e in Medio Oriente sono sorte intere città. I ricchi Emirati hanno cambiato volto negli ultimi anni. Tra i numerosi edifici costruiti, va menzionato il Louvre di Jean Nouvel nel distretto culturale sorto sull’isola artificiale di Saadiyat.

8.  Torre Hadid a Milano

Zaha Hadid, prematuramente scomparsa, è la fautrice di un altro grande progetto: la Torre Generali del quartiere CityLife di Milano. Alla base c’è l’idea di riqualificare la zona dell’ex fiera. Il rinnovamento di aree cittadine abbandonate vede la nascita di interi quartieri studiati con una concezione abitativa e lavorativa di convivenza e multifunzionalità.

9.  Edifici residenziali a Cascina Merlata

La digitalizzazione del lavoro favorisce la diffusione dell’homeworking. Siamo di fronte a una nuova suburbanizzazione? Di certo stanno sorgendo nuovi quartieri residenziali e uno di questi nell’area di Cascina Merlata ad opera di Antonio Citterio e Patricia Viel.

10.  Fabbriche riconvertite

La nuova tendenza abitativa riguarda anche la riconversione di aree industriali dismesse. Gli spazi ampi permettono soluzioni ad hoc e conservano una poeticità legata al proprio passato. I progetti di ex fabbriche ribattezzate come edifici abitativi sono numerosissime. In provincia di Varese, a Laveno, un’industria di ceramiche rivivrà come spazio abitativo.

Author
Published
1 mese ago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *