BuzzNews > Intrattenimento > Anniversario morte Lady Diana: 19 anni fa la morte della principessa triste

Anniversario morte Lady Diana: 19 anni fa la morte della principessa triste

Il 31 agosto 1997 moriva Lady Diana, a soli 36 anni, in un incidente stradale a Parigi

Anniversario morte Lady Diana. Sono già passati 19 anni dalla scomparsa di Diana Spencer, la bellissima ex moglie di Carlo, principe di Galles. Oggi, 31 agosto 2016, ricorre infatti l’anniversario della morte di Lady D, la principessa triste.

Non apprezzata dalla famiglia reale inglese, ma amatissima dai suoi sudditi e non solo, tanto da essere soprannominata la “principessa del popolo”, Lady D è diventata un’icona mondiale di stile ed una figura carismatica. Fortemente impegnata nel campo sociale, attraverso numerose opere di beneficenza e campagne contro le mine antiuomo.

Una vita, quella di Diana  Spencer, spezzata troppo presto. Un’incidente a Parigi, in auto, la notte del 31 agosto 1997 ha portato alla sua scomparsa. Quella che doveva essere un’esistenza da fiaba si è conclusa invece in modo tragico e terribile.

Anniversario morte Lady Diana

Anniversario morte Lady Diana – Credit: Elke Wetzig

1.  Anniversario morte Lady Diana: il 31 agosto 1997

Anniversario morte Lady Diana: il 31 agosto 1997. L’estate del 1997 è quasi conclusa. Diana Spencer ed il compagno Dodi Al-Fayed, dopo aver trascorso qualche giorno di vacanza in Sardegna, rientrano a Parigi a bordo di un jet privato.

I due vogliono trascorrere una serata tranquilla e si recano all’Hôtel Ritz, di proprietà del padre di Al-Fayed. Il giorno seguente hanno in piano di andare a Londra, ma non vi arriveranno mai. Diana Spencer e Dodi Al-Fayed si accorgono presto di essere stati individuati all’interno dell’hotel da dei paparazzi. Per sfuggire ai flash dei fotografi, decidono di spostarsi in un appartamento a Parigi.

2. Anniversario morte Lady Diana: l’incidente a Parigi

Anniversario morte Lady Diana: l’incidente a Parigi. Henry Paul, capo della sicurezza presso il Ritz, guida l’auto che trasporta i due illustri passeggeri. Sul veicolo è presente anche un quarto passeggero, Trevor Rees-Jones, una guardia della sicurezza privata dei Fayed.

Per depistare i paparazzi, che già assediano l’hotel, viene fatta uscire un’auto dall’ingresso principale. Diana e Dodi, invece, a bordo di una Mercedes si allontanano dall’albergo passando per un’uscita secondaria. Per seminare i paparazzi l’auto procede a velocità sostenuta. Imbocca il tunnel di Place de l’Alma. Sono le 00:23. Dopo qualche istante, l’autista perde il controllo del veicolo e l’auto si va a schiantare sul tredicesimo pilastro del tunnel.

L’impatto è violentissimo. Henry Paul e Dodi Al-Fayed perdono la vita al momento del violento impatto. Lady D invece è ancora viva, sebbene gravemente ferita. Come lo è anche Trevor Rees-Jones. I soccorritori tentano in loco di rianimare Lady Diana; viene trasportata all’ospedale Pitié-Salpêtrière alle 2:06. Si cerca in tutti i modi di salvarle la vita, ma alle 4:00 del mattino viene ufficializzata la sua morte. L’unico sopravvissuto al terribile incidente è Trevor Rees-Jones, sebbene abbia riportato gravi ferite al volto.

 

3.  Anniversario morte Lady Diana: fatalità o complotto?

Anniversario morte Lady Diana

Anniversario morte Lady Diana – Credit: Maxwell Hamilton

Anniversario morte Lady Diana: fatalità o complotto? Subito dopo la scomparsa di Diana Spencer sono circolate molte teorie alternative sulla natura dell’incidente. Secondo alcuni, i responsabili del terribile schianto nel tunnel dell’Alma sono stati i paparazzi ed le luci dei loro flash che avrebbero abbagliato la vista di Henry Paul.

Per molti, dietro la prematura scomparsa di Lady D ci sarebbe l’ MI6, il servizio segreto britannico, in accordo con la famiglia reale. Una figura scomoda quella di Lady D, per il Palazzo. Si teme un nuovo scandalo: la principessa sarebbe incinta di Dodi. A supportare questa pista del complotto ci sarebbe anche una lettera scritta dalla stessa Diana qualche mese prima della morte. Nella missiva Lady Diana afferma di temere fortemente per la sua vita. Sospetta che il marito Carlo stia complottando per eliminarla, simulando un incidente d’auto.

Quello che invece hanno stabilito le indagini scientifiche raccontano un’altra verità. La perdita di controllo dell’auto da parte dell’autista Henry Paul è stata causata dal suo stato psico-fisico. Era alla guida sotto l’effetto di alcool e droga. Sembra inoltre che nessuno dei 4 passeggeri indossasse le cinture di sicurezza. Questa circostanza ha inciso pesantemente sugli eventi: se fossero state allacciate, i traumi riportati durante l’incidente sarebbero stati di entità inferiore.

4.  Anniversario morte Lady Diana: il ricordo di Diana

Anniversario morte Lady Diana: il ricordo di Diana. Dal momento in cui si viene a conoscenza della tragica scomparsa della principessa triste, migliaia di persone portano fiori e messaggi di cordoglio fuori da Kensington Palace.

Il funerale viene celebrato il 6 settembre e trasmesso in diretta TV. Alla cerimonia partecipano circa 3 milioni di persone, tra i quali molti amici vip di Diana. Come dimenticare Elton John che durante la cerimonia funebre le dedica Candle in the Wind?.

Da quel giorno non ci sono state più cerimonie ufficiali di commemorazione in memoria di Lady D. Ma non per questo è stata dimenticata. Il suo ricordo occupa ancor oggi un posto speciale nel cuore di chi l’ha amata ed ammirata, soprattutto in quello dei figli William ed Harry.

Pubblicato il
1 anno ago
Categorie
Intrattenimento
Melissa Meletto

“Durante lo scorso autunno un branco di anatre, almeno una quarantina, si posarono proprio al centro del lago affianco a casa nostra, e mentre stavano lì successe questa cosa stranissima. La temperatura si abbassò di colpo fino a far gelare il lago, e le anatre volarono via portandosi dietro il lago, e si dice che ora quel lago si trovi da qualche parte in Georgia”.

“Towanda!”

 

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *