accadde-oggi

Cartolina da una Londra ferita dalle bombe naziste.

Accadde oggi giovedì 29 Dicembre

Accadde oggi vive il consueto appuntamento di metà settimana, dato che calendario alla mano si può constatare che siamo a giovedì 29 Dicembre ed è un giorno alquanto particolare, poiché sarà l’ultimo di questo 2016. Del resto, mancano solamente due giorni alla notte più lunga dell’anno, dopodiché non dovrete più rispondere alla canonica domanda che vi fa ormai compagnia da diversi mesi su cosa farete a Capodanno. Per la cronaca, non pensiate di essere salvi, visto che sarà sostituita con il cosa avete fatto il 31 Dicembre con tanti saluti alla privacy. Di dominio pubblico, invece, è che il sole sorgerà alle ore 8.01 e se ne andrà a dormire per le 16.50 di questo giovedì 29 Dicembre dove si festeggia il buon San Tommaso Becket. Non perdiamo, però, altro tempo e buttiamoci a bomba all’interno dell’accadde oggi del 29 Dicembre per gustarci ricorrenze e compleanni andati in scena in questa giornata.

BREVE ALMANACCO DELL’ACCADDE OGGI

AFORISMI DI GIOVEDÌ 29 DICEMBRE

Mantieni ad ogni costo una mente aperta, ma non così aperta che il tuo cervello esca fuori“. Antico proverbio inglese

1. ACCADDE OGGI 1940: PIOVONO BOMBE SULLA CITY!

L’accadde oggi di giornata si è aperto con un modo di dire abbastanza inflazionato sul suolo di Sua Maestà e continua con ricorrenze andate in scena sempre da quelle parti, perché il 29 Dicembre 1940 su Londra si è abbattuta una strana precipitazione. Ecco, se state pensando alla canonica pioggia inglese, allora, è meglio che andate a farvi una cultura su Studio Aperto, in quanto sulla City sono piovute bombe firmate Adolf Hitler. Sì, la Luftwaffe fece il suo dovere tanto da far registrare il secondo più grande incendio della storia della capitale inglese che tolse la vita a più di tremila persone. Questa carneficina non spezzò, però, la resistenza inglese e il resto è storia.

Vedetta inglese che domina i tetti della City!

2. ACCADDE OGGI 2006: DEBITO SALDATO!

L’accadde oggi di questo giovedì di fine anno di andarsene dal Regno Unito non ne vuole sapere, dato che anche la seconda ricorrenza va in scena da quelle parti ed è legata alle bombe citate in precedenza. Del resto, proprio il 29 Dicembre 2006 il governo di Sua Maestà termina di restituire agli Stati Uniti d’America i 42,5 milioni di sterline del Prestito Lend-Lease usato durante il secondo conflitto mondiale. Della serie, meglio tardi che mai.

Spiegazioni del Lend-Lease

3. ACCADDE OGGI 1949: IL NATALE DELLA TV!

Le ricorrenze di giornata lasciano finalmente il Regno Unito per approdare dall’altra parte dell’Oceano in quel paese dove sventola la bandiera a Stelle e Strisce. Anzi, più precisamente l’accadde oggi si ferma a Bridgeport che di cose da vedere non ne ha poi molte, eppure il suo nome finisce nei libri di storia, perché il 29 Dicembre 1949 proprio da quelle parti nasce la televisione come la concepiamo noi oggi. Del resto, la KC2XAK di quello sperduto angolo di Connecticut diventa la prima stazione televisiva a trasmettere in UHF con una programmazione giornaliera. Bravi loro!

Benvenuti nella città a cui la TV deve molto!

4. ACCADDE OGGI 1964/1971: UNA GIORNATA PER DUE!

Una poltrona per due è una di quelle pellicole che è un grande classico di questo periodo dell’anno, in quanto non è Natale senza il capolavoro firmato da John Landis che dal 1983 fa compagnia a tutti noi. Anzi, è talmente di casa che il suo titolo si presta per commentare una strana coincidenza per il nostro Paese. Del resto, il 29 Dicembre 1964 Giuseppe Saragat presta giuramento come quinto Presidente della Repubblica Italiana ed è un gesto che sarà ripetuto a distanza di anni. Sì, proprio il 29 Dicembre 1971 toccherà a Giovanni Leone fare altrettanto, diventando così il sesto Presidente della Repubblica Italiana, motivo per cui Una giornata per due calza a pennello.

La cornice dei fatti…

5. ACCADDE OGGI 1911: MONGOLIA LIBERA!

L’accadde oggi di giornata resta nell’ambito politico o, più precisamente, nel campo delle alte sfere per quanto riguarda i festeggiamenti di un paese, dato che in Asia per qualcuno è festa nazionale. Del resto, proprio il 29 Dicembre 1911 la Mongolia diventa una repubblica indipendente riscattando la sua autonomia persa diversi secoli prima ai danni della vicina Cina. La vendetta, però, arriva ed è salata, dato che questo episodio pone fine al Celeste Impero.

La bandiera della Mongolia torna sventolare fiera!

6. ACCADDE OGGI 1970: CHIESA NON PERDONA!

Tra le ricorrenze di oggi non si può passare da quel rettangolo verde che fa battere il cuore di tanti italiani, perché il calcio rappresenta uno dei pilastri sul quale si poggia la nostra povera Italia. Impensabile, quindi, lasciar passare questo accadde oggi senza sussurrare un tanti auguri ad uno che qualche soddisfazione l’ha anche regalata, perché di gol Enrico Chiesa ne ha messi a referto. Anzi, a regola detiene il record di reti in maglia Azzurra realizzate entrando dalla panchina tanto per dire come questo ragazzo era in grado di vedere la porta. Sì, Enrico Chiesa la via del gol la trovava abbastanza facilmente e stando a quello che si è iniziato ad intravedere in queste mesi pure suo figlio conosce quel sentiero. Aspettando di capire se Federico potrà battere il padre oppure no, ci limitiamo a dire buon compleanno bomber!

Chiesa in una pratica assai consona per lui: esultare!

 

 

Author
Published
2 mesi ago
Categories
News
Paolo Nicoli

paolo-nicoliIl pallone è uno dei miei migliori amici, proprio come per il grande Oliver Hutton. Solo che a lui gli ha salvato la vita, mentre a me l’ha resa più emozionante.
Allevato nella periferia di Bergamo a pane e calcio, ho imparato a leggere non sui libri o sulle favole, ma sul rosa della Gazzetta. Mia madre, per tenermi fermo, mi parcheggiava davanti al televisore con la cassetta della finale Milan- Steaua Bucarest del 1989. Ho cullato il sogno di diventar giornalista sportivo fin dai banchi di scuola, dove riempivo le pareti con “La Gazzetta di Paolino”, un simpatico foglio di commento alla giornata di campionato. Venero Federico Buffa. La domenica consumo il sacro rito: salamella e partita. In America direbbero che ho contratto la “disease” da soccer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *